piccolo sfogo..

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
nenis
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 182
Iscritto il: dom nov 22, 2009 3:16 pm

piccolo sfogo..

Messaggio da nenis »

Eccomi, vorrei raccontarmi un po’.. Ho 39 anni e dopo delle esperienze finite male, ho trovato un uomo pieno di pregi, anche se non perfetto, e finalmente ho potuto pensare ad avere il mio bimbo tanto desiderato. Ho dovuto aspettare ancora almeno due anni per problemi di salute (un nodulo sospetto al seno, con operazione e per fortuna, risultato negativo e due operazioni al ginocchio) Per fortuna, anche se non giovanissima, sono rimasta subito incinta e 15 mesi fa è nato Andrea. Da quel giorno sono rimasta a casa dal lavoro, sono geometra e lavoro come libero professionista, anche se da sempre legata ad un collega che mi faceva lavorare come se fossi dipendente ma con uno stipendio da fame, no contributi, no mutua etc etc, e dopo avuto il piccolo mi ha fatto capire che non aveva più bisogno di me, sai la crisi economica, devo andare in pensione, lascio tutto al figlio del mio amico…beach che schifo.
Ho fatto la mamma a tempo pieno felicemente, ho allattato e allatto ancora a richiesta, il mio bimbo è stupendo, ma sono qui da sola, riesco a vedere mia mamma, mia sorella raramente dato che è cosi presa dai suoi tre demonietti, e qualche volta una mia amica.. Se penso alla vita che facevo prima!!! Tra lavoro, palestra, amici, uscite di sera etc, mi sembra così strano. Non so se mi manca la vita di prima o se l’ho fatta per troppi anni, certo che non ho meno tempo da dedicare a me stessa adesso anche se sono sempre in casa con il pupo. Non mi ricordo da quanto tempo non mi depilo le gambe, io che lo facevo spessissimo perché i peli li odio! E adesso vorrei tornare a lavorare, ma non posso, devo cercare di fare da sola, ma non avrei il tempo da dedicare solo al lavoro, e certe volte penso che mi piacerebbe avere un altro pupo, ma sono un po’ vecchia e poi il lavoro?? Non so, volevo un po’ sfogarmi, mio marito dice che devo stare tranquilla, che ho un bellissimo bimbo e questo mi deve bastare per adesso. Va bè, grazie se qualcuna avrà la voglia di ascoltarmi, anzi di leggermi,…
:cry:


mammangi

Messaggio da mammangi »

Come ti capisco.
Io di bimbi ne ho fatti due, a distanza di due anni uno dall'altro. Alla prima maternità ho lasciato il lavoro (felicemente, ma comunque ero nella tua stessa situazione, libera professionista con obbligo delle 8 ore, mi avrebbero lasciata a casa comunque) e mi sono sbattuta come una matta a tirare su i miei cuccioli. Mia mamma sta a Milano, mia sorella a Francoforte. Tante amiche sparse per il mondo.

Beh, a settembre il grande ha iniziato la materna, e a ottobre ho mandato il piccolo al nido per un paio d'ore: sai che i primi giorni mi sembrava proprio strano camminare per strada da sola, senza bimbi o passeggino??? Eppure l'avevo fatto per tanto tempo.

E poi ho avuto una botta di fortuna mica da ridere: proprio mentre pensavo di occupare le mie due orette libere alla casa, è arrivata una telefonata e da qualche giorno lavoro in una farmacia dove hanno bisogno di un aiuto ma gli va bene anche solo due ore al giorno (tra il deposito ed il recupero figli). Per ora, poi si vedrà....

Come vedi nella vita non si sa mai cosa può succedere, per cui cerca di godere del momento presente e quando sei serena cerca di capire cosa ti piacerebbe fare di più di tutto (un altro figlio...o un nuovo lavoro??)

Un abbraccio
Eve
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1554
Iscritto il: mar mag 26, 2009 2:44 pm

Messaggio da Eve »

anch'io sono alla prima figlia e sono della provincia di Torino, Rivalta, e tu di dove sei?
nenis
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 182
Iscritto il: dom nov 22, 2009 3:16 pm

Messaggio da nenis »

evelina73 ha scritto:anch'io sono alla prima figlia e sono della provincia di Torino, Rivalta, e tu di dove sei?
io sono a valgioie, vicino a giaveno, e lavoravo a Trana. Purtroppo, o per fotuna Valgioie è in mezzo ai boschi, solo borgate di case, niente negozi e comunque per andare in mezzo alla gente, devo prendere per forza la macchina dopo aver lottato co il piccolo!!!
Eve
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1554
Iscritto il: mar mag 26, 2009 2:44 pm

Messaggio da Eve »

comunque io lavoro ad Avigliana, quando vuoi possiamo incontrarci anche solo per un caffè.
ma il tuo bimbo non ama la macchina quindi. anche questo non aiuta.
i dubbi che hai su mamma a tempo pieno o lavoro ce li abbiamo tutte.
ognuna sceglie secondo le proprie esigenze, ma non è facile.
in un modo o nell'altro stai male.
se scegli di lavorare ti senti in colpa con tuo figlio. se scegli di stare a casa magari ti senti sminuita perchè non contribuisci alle entrate familiari (anche se non è vero, perchè l'asilo costa e stare a casa vuol dire non avere entrate ma neanche uscite).
magari riesci a fare del lavoro da casa, qualche consulenza ogni tanto per non perdere troppo il giro.

intanto ti mando un abbraccio :nani: anche se virtuale fa piacere lo stesso
ilfo

Messaggio da ilfo »

vedrai che quando manderai il piccolo all'asilo o alla materna avrai più tempo per te stessa e magari ti troverai anche un lavoro. Non parlare come se avessi già 98 anni, hai ancora un sacco di tempo per realizzare i tuoi desideri!
Per le uscite la sera, io ogni tanto esco anche adesso, lascio il mostriciattolo a mio marito e almeno 2 ora fuori me le faccio!
moon373

Messaggio da moon373 »

C'era una volta una donna che, diventata mamma, cominciò a diminuire le sue uscite serali e i suoi pomeriggi in palestra o con le amiche.
Si sentiva sola, troppo sopraffatta da mille doveri: mai il tempo di farsi una doccia, peggio che mai un bagno caldo.
La sera preparare la cena assomigliava un po' ad una gimcana tra poppate, cacche e padellini.
Le unghie che prima la donna portava sempre laccate erano sfaldate e bianche e i capelli legati alla meglio con un laccio spartano.
Vestirsi poi era un problema: quando andava bene gli abiti non erano stirati alla peggio neanche lavati!
Le serate con gli amici si erano ridotte a sporadiche cene a base di pizza (che lei mangiava spesso fredda) in casa propria.
Gli anni passarono e ilo bimbo crebbe.
La donna riprese in mano pian piano la sua vita: tornò lo sport e i pomeriggi con le amiche, tornarono le cene e le serate col bimbo ormai grande.
La vita tornò ad essere tranquilla, non come quella di prima: era più bella, più piena!
Tutto era tornato come una volta ma con un valore in più: la donna aveva un figlio, la donna era anche mamma e il suo cuore scoppiava ogni volta che ci pensava.
Quella donna sono io.........................tutto torna nei ranghi e tu sarai più felice di prima!
Eve
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1554
Iscritto il: mar mag 26, 2009 2:44 pm

Messaggio da Eve »

moon373 ha scritto:C'era una volta una donna che, diventata mamma, cominciò a diminuire le sue uscite serali e i suoi pomeriggi in palestra o con le amiche.
Si sentiva sola, troppo sopraffatta da mille doveri: mai il tempo di farsi una doccia, peggio che mai un bagno caldo.
La sera preparare la cena assomigliava un po' ad una gimcana tra poppate, cacche e padellini.
Le unghie che prima la donna portava sempre laccate erano sfaldate e bianche e i capelli legati alla meglio con un laccio spartano.
Vestirsi poi era un problema: quando andava bene gli abiti non erano stirati alla peggio neanche lavati!
Le serate con gli amici si erano ridotte a sporadiche cene a base di pizza (che lei mangiava spesso fredda) in casa propria.
Gli anni passarono e ilo bimbo crebbe.
La donna riprese in mano pian piano la sua vita: tornò lo sport e i pomeriggi con le amiche, tornarono le cene e le serate col bimbo ormai grande.
La vita tornò ad essere tranquilla, non come quella di prima: era più bella, più piena!
Tutto era tornato come una volta ma con un valore in più: la donna aveva un figlio, la donna era anche mamma e il suo cuore scoppiava ogni volta che ci pensava.
Quella donna sono io.........................tutto torna nei ranghi e tu sarai più felice di prima!
brava moon :clap:
Rispondi