Perplessità...

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Dona ha scritto:

Allora da oggi in avanti, visto che c'è il vaffanculo free, anche da parte dei moderatori, mi aspetto che ogni volta in cui ci sia una polemica sul forum pubblico, si possa mandare bellamente a stendere chi ci da una risposta che non ci piace.
forse ti sei persa che Solange non è moderatrice più, non ha neanche l'accesso al sofà.
Tanto la motivazione per giustificarlo può essere tranquillamente "eh ma lui/lei me lo ha detto per ferirmi e quindi io che altro potevo fare? mandarlo affanculo no?"

Poi non venite a dirmi che questo caso è diverso, perchè non lo è.
Anzi si, chi lo ha detto è un moderatore, anche se non di questa sezione, se lo avessi fatto io o chiunque altro, volevo vedere.
Non discuto dell'uguale o diverso Dona.
io non prendo il ruolo di moderatrice come ruolo per moderare, l'avevo detto dall'inizio quando mi è stato proposto.
Piuttosto mi prendo un ruolo di "animatrice" di "curatrice" curo le sezioni in cui ho i poteri.
Ma per motivi miei non mi occupo di moderare nel senso del termine, si sapeva prima e così faccio.

Chi lo ha detto NON è un moderatore non più ma questo non cambia il discorso perchè sai bene che qui il ruolo del moderatore è quello che è.

Nessuno dice che non bisogna parlare di epidurale (se ne parla sempre).

Io la tua frase l'ho letta un po' come se io dicessi a una persona che voleva allattare e non ci è riuscita "eh parlavi tanto di allattare invece dai il LA"

Cosa ne penseresti di una frase simile? Tu forse a parte quel post che hai riportato segui poco Solange ma questo non lo sapevo e sapendo che per lei è andato tutto sì nel migliore dei modi per quanto possibile ma non come avrebbe desiderato l'ho vista "fuori luogo".
Se ho sbagliato e parlando di epidurale non ti riferivi a lei ed è stato tutto un caso ti chiedo scusa.

Però vorrei che ti rendessi conto della differenza fra parlare di allattamento e dire una frase come quella sopra.

Fra parlare di cesarei, del fatto che ne fanno troppi ecc o dire a una mamma "ma com'è che tu che volevi il naturale hai fatto il cesareo visto che non dovevi parlare prima?"

è così che ho letto quella frase, ma ripeto forse ho sbagliato.


Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

lunetta ha scritto:SONO ALLE PRIME PAGINE DEL LIBRO DI PROIETTI E POSSO DIRE: CHE GRANDE CAZZATA QUESTA SOPRA!
poi vi saprò dire di più
Per ora la comunità internazionale non è in accordo quando si parla di alimentazione vegetariana per i bambini.
Bisogna ricordarsi che le linee guida sono valide per tutto il mondo è che in gran parte del mondo si soffre la fame.
è probabile che in Italia sia possibilissimo svezzare un bimbo in modo completamente vegetariano mantenendo una dieta equilibrata.
Probabilmente lo stesso non si può dire di altri paesi dove comunque i deriivati animali quando ci sono sono importanti per i bambini che hanno regimi alimentari più scarsi.

Queste linee guida riportate sono le più generali valide per tutto il mondo.

Ci sono poi discorsi che variano moltissimo paese per paese ma come immagini bisognerebbe fare un libro.

Da aggiungere che quello che si legge è solo il titolo di ogni punto, i punti per esteso spiegano anche le differenze per paesi e varie altre cose.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Anche sul discorso OMS non è obbligo seguire TUTTO.
Però i pediatri dovrebbero conoscerle tutti.

E soprattutto ci sono alcuni punti fondamentali (su cui appunto c'è accordo pressochè totale pure della UPPA e della comunità pediatrica italiana) su cui bisognerebbe essere più "rigidi" è uno di questi è proprio il discorso di non anticipare lo svezzamento se non in caso di problemi molto particolari.
Ci sono dei motivi per cui si da questo consiglio, può essere ignorato il consiglio ma non il fatto che la generazione svezzata a 3 mesi presenta più problemi allergici e intestinali di qualunque altra generazione.
Dona

Messaggio da Dona »

lenina ha scritto:forse ti sei persa che Solange non è moderatrice più, non ha neanche l'accesso al sofà.


Non discuto dell'uguale o diverso Dona.
io non prendo il ruolo di moderatrice come ruolo per moderare, l'avevo detto dall'inizio quando mi è stato proposto.
Piuttosto mi prendo un ruolo di "animatrice" di "curatrice" curo le sezioni in cui ho i poteri.
Ma per motivi miei non mi occupo di moderare nel senso del termine, si sapeva prima e così faccio.

Chi lo ha detto NON è un moderatore non più ma questo non cambia il discorso perchè sai bene che qui il ruolo del moderatore è quello che è.

Nessuno dice che non bisogna parlare di epidurale (se ne parla sempre).

Io la tua frase l'ho letta un po' come se io dicessi a una persona che voleva allattare e non ci è riuscita "eh parlavi tanto di allattare invece dai il LA"

Cosa ne penseresti di una frase simile? Tu forse a parte quel post che hai riportato segui poco Solange ma questo non lo sapevo e sapendo che per lei è andato tutto sì nel migliore dei modi per quanto possibile ma non come avrebbe desiderato l'ho vista "fuori luogo".
Se ho sbagliato e parlando di epidurale non ti riferivi a lei ed è stato tutto un caso ti chiedo scusa.

Però vorrei che ti rendessi conto della differenza fra parlare di allattamento e dire una frase come quella sopra.

Fra parlare di cesarei, del fatto che ne fanno troppi ecc o dire a una mamma "ma com'è che tu che volevi il naturale hai fatto il cesareo visto che non dovevi parlare prima?"

è così che ho letto quella frase, ma ripeto forse ho sbagliato.
Non lo sapevo, anche perchè mi pare (l'ho guardato ieri) che l'elenco moderatori non è stato aggiornato.
Per cui si me lo sono perso.

No Lenina il senso non era quello, assolutamente non mi permetterei mai.
Il senso era: ne hai dette peste e corna PRIMA di sapere dove potevi andare a finire, poi quando è toccato a te, ti sei mangiata il cappello.
Perchè in più hai anche detto che l'epidurale l'hai rivalutata.
Questo mi da fastidio.
Ma non è questo l'unico argomento sul quale ho riscontrato questo atteggiamento.
Perchè a priori non si può mai sapere cosa ci capiterà e quindi è meglio scegliere la strada della neutralità.

Riguardo all'esempio che hai fatto tu sull'allattamento
un conto è dire: io vorrei allattare al seno fino almeno ai 2 anni, ma se, per cause a me ora sconosciute e non preventivabili, non ce la farò allatetrò con LA
un altro invece è dire: si allatta al seno e stop. l'LA non si da mai
salvo poi dire: oh non sono riuscita ad allattare al seno, però anche sto LA non è male.

Direi che la sonata cambia no?
Ah per inciso questo non è un riferimento a nessuno in particolare, sennò qua incomincia pure la guerra alle intenzioni.

Poi anche per il cesareo
un conto è dire: io vorrei partorire naturalmente, ma se le condizioni mediche lo dovessero imporre, mi adeguerò al cesareo
un altro è dire: io partorisco naturalmente, me ne sbatto, ho letto mi sono informata, in Italia fanno cesarei anche quando non è il caso, è una medicalizzazione inutile del parto ecc
e poi quando lo fai per cause contingenti dici: bè però alla fine sti medici hanno capito che era per il mio bene.
Anche qui non mi riferisco a nessuno in particolare.

Il senso di tutta sta papina Lenina è: se le cose non le hai passate e non le hai vissute, non dare giudizi sparando a zero su una o sull'altra opzione, perchè non sai mai cosa ti capita nella vita.
Avatar utente
Solange
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 9213
Iscritto il: mar nov 06, 2007 3:18 pm
Contatta:

Messaggio da Solange »

sta di fatto che hai ammesso di aver tirato fuori la storia apposta, dopo aver detto per tre volte che non era così e già per questo ti faccio i miei complimenti.

Se almeno l'avessi ammesso subito ti saresti risparmiata un vaffanculo.

Poi non è' certo in piazzetta e con gente come te che era pronta a dirmi "vedrai su quante cose ti dovrai ricredere" (tu, per la cronaca) che avrei discusso i sentimenti che ho provato e che provo rispetto al mio parto.

Il discorso svezzamento non era diretto a te, nè a nessuno in particolare, sai benissimo che qul che è stato detto ieri è quello che abbiamo detto sempre.

Tu invece hai colto la palla al balzo per fare un'offesa gratuita, pensi che soltanto i vaffanculo vadano censurati? Allora pensa un'altra volta.

"Se non si vuole essere ripagati con la propria moneta, bisognerebbe evitare di sparare a zero sempre su tutto, salvo poi doversi pentire delle proprie parole."

Temo ti stia sfuggendo qualcosa, io non mi sono mai pentita delle mie parole.
Dona

Messaggio da Dona »

lenina ha scritto:Anche sul discorso OMS non è obbligo seguire TUTTO.
Però i pediatri dovrebbero conoscerle tutti.

E soprattutto ci sono alcuni punti fondamentali (su cui appunto c'è accordo pressochè totale pure della UPPA e della comunità pediatrica italiana) su cui bisognerebbe essere più "rigidi" è uno di questi è proprio il discorso di non anticipare lo svezzamento se non in caso di problemi molto particolari.
Ci sono dei motivi per cui si da questo consiglio, può essere ignorato il consiglio ma non il fatto che la generazione svezzata a 3 mesi presenta più problemi allergici e intestinali di qualunque altra generazione.
Ma solo io ho provato 4 pediatri diversi che mi hanno presentato tutti e 4 lo svezzamento a 6 mesi, con le dovute eccezioni?
Solo io in Italia?
Non ci credo.
Così come non credo che questi medici non sappiamo e non siano aggiornati sull'OMS.
Monica1970

Messaggio da Monica1970 »

lenina ha scritto:Anche sul discorso OMS non è obbligo seguire TUTTO.
Però i pediatri dovrebbero conoscerle tutti.

E soprattutto ci sono alcuni punti fondamentali (su cui appunto c'è accordo pressochè totale pure della UPPA e della comunità pediatrica italiana) su cui bisognerebbe essere più "rigidi" è uno di questi è proprio il discorso di non anticipare lo svezzamento se non in caso di problemi molto particolari.
Ci sono dei motivi per cui si da questo consiglio, può essere ignorato il consiglio ma non il fatto che la generazione svezzata a 3 mesi presenta più problemi allergici e intestinali di qualunque altra generazione.
Mi ricollego a questo punto: questo pare anche a me raccogliendo in giro notizie varie. Io faccio parte della generazione 4 mesi; mio marito a 3 è stato svezzato col rosso d'uovo e quando lo sento dire rabbrividisco anche se poi non è allergico a nulla e nemmeno intollerate (tranne qualche volta di carattere). Probabilmente non lo è perchè di fondo non è un soggetto allergico e quindi non ha avuto alcuna reazione.
Però mi chiedo: come si fa a sapere se questo aumento delle allergie e intolleranze è dovuto ad uno svezzamento precoce sic et simpliciter o al fatto di introdurre subito alcuni alimenti oggi ritenuti potenzialmente allergizzanti. Ad es. la prima pappina che ho mangiato io era fatta col pomodoro che ora quasi tutti consigliano di inserire almeno all'ottavo mese. Neanch'io sono allergica a nulla e nemmeno intollerante (tranne che un pò ai troll scemi) e probabilmente anch'io di fondo non avevo alcuna predisposizione.
Per il resto, anche a me farebbe piacere che la discussione proseguisse senza inviti ad andare affanculo.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Dona ha scritto:
Il senso di tutta sta papina Lenina è: se le cose non le hai passate e non le hai vissute, non dare giudizi sparando a zero su una o sull'altra opzione, perchè non sai mai cosa ti capita nella vita.
L'ho capito il senso Dona.
Però sei caduta su un terreno delicato visto che Solange anche dopo ha mantenuto la sua idea sull'epidurale (all'interno di un parto naturale).
Sono la prima a dire che se il parto è medicalizzato come lo è stato il tuo dovrebbe essere garantita sempre, se non lo è dovrebbe essere garantita lo stesso ma bisogna anche valutare i pro e i contro (e ci sono i contro anche se cercano di dirci che non è vero è questo il punto)
Io sono una di quelle che se mi proponessero un cesareo vorrei andare a fondo e cercare di capire se è veramente necessario, non significa che in caso sia veramente necessario non lo farei, ma continuo a pensare che il numero di cesarei sia troppo alto sbaglio io? Forse.
Ma non riesco a credere che in alcuni paesi le donne siano meno adatte a partorire che in altri e che al sud lo siano meno che al nord, se le differenze sono alte da qualche parte c'è qualcosa che non funziona.
O da un lato ne fanno troppo pochi o dall'altro troppi.
Rispondi