Dopo i fatti di Pistoia, discussione in casa

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Silvia

Messaggio da Silvia »

Patrizia ha scritto:io penso attorno ai 4 anni ...lo abbiamo preso più di un anno fa e ho notato che Leonardo non era interessato e non lo capiva ... questa volta (ha 4 anni e mezzo quasi) ha seguito con interesse, facendo domande e osservazioni

il libro è ben strutturato, racconta di come in Natura tutti gli animali sappiano ribellarsi (ringhiando, ruggendo, scappando, ecc) in caso di pericolo o disagio e come anche noi, bambini compresi, possiamo manifestare e dobbiamo ribellarci quando qualche cosa non ci va bene

prosegue dicendo che verranno raccontate storie di bambini che si sono trovati in situazioni non belle, ma ai quali non è successo niente di brutto perchè sapevano come comportarsi

ad esempio c'è una storia di un bambino che aspetta il papà che lo venga a prendere da scuola, ma il papà tarda per un ingorgo nel traffico e un signore gli dice di andare in auto con lui; questo uomo gli dice che è il papà che lo manda e che ha pure delle caramelle da dargli

il bambino non ci casca e aspetta il papà

alla fine di ogni racconto c'è un piccolo riassunto e delle domande da fare ai bambini per verificare la loro comprensione del racconto e discuterne e fare paragoni con la propria vita

i racconti trattano di questo ma anche di foto fatte di nascosto a bambini svestiti, di caramelle, di soldi dai per i videogiochi in cambio di qualcosa, e cose simili


grazie patty allora te lo richiederò :ola:



betty matteo
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3008
Iscritto il: gio ago 21, 2008 3:57 pm

Messaggio da betty matteo »

matteo ha solo 3 annie e mezzo, come posso affrontare il discorso?

Avatar utente
Patrizia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6591
Iscritto il: lun dic 18, 2006 8:31 am
Contatta:

Messaggio da Patrizia »

betty matteo ha scritto:matteo ha solo 3 annie e mezzo, come posso affrontare il discorso?

immagino vada a scuola materna no? o immagino qualche volta giochiate al parco giochi...

io ho iniziato dai contesti a loro conosciuti, dicendogli ad esempio che al parco giochi ci sono delle regole da rispettare: stare dove la mamma li vede, non seguire o accettare nulla da nessun estraneo senza prima chiedere alla mamma ... e ripetiamo e ripetiamo all'infinito queste regole

le domande sul perchè delle regole arrivano poi da sè quando il bambino matura qualche dubbio .. all'inizio ascoltano e dicono "sì" .. poi però ti dicono "ma perchè?" e così il discorso si allarga piano piano comprendendo il fatto che esistono purtroppo persone che non vogliono bene ai bambini ecc ecc

Avatar utente
Loriangel
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3196
Iscritto il: mar lug 01, 2008 8:16 pm

Messaggio da Loriangel »

grazie patrizia per questa segnalazione , non conoscevo questo libro.

Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Messaggio da Azur »

Patrizia ha scritto:io ho iniziato dai contesti a loro conosciuti, dicendogli ad esempio che al parco giochi ci sono delle regole da rispettare: stare dove la mamma li vede, non seguire o accettare nulla da nessun estraneo senza prima chiedere alla mamma ... e ripetiamo e ripetiamo all'infinito queste regole
anche noi così.

simulare situazioni reali/realistiche e stabilire insieme le regole
Tipo: se suona il campanello e io sono in doccia, non rispondere, guardare il video(citofono) e aprire solo se è X, Y e Z. A tutti gli altri - anche se conosciuti - no
Se ritardo fuori da scuola (dalla 2° elementare li fanno uscire senza controllare) stare con le mamme X e Y, non con le altre, anche se conosciute. Se non ci sono X e Y, rientrare con i bidelli/le maestre.
ecc...

C'è bisogno di molta concretezza con i bambini, e anche così vedo che lo stesso quando si trovano nella situazione reale a volte si dimenticano le "prove" fatte... (anche più grandini...)

Avatar utente
Patrizia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6591
Iscritto il: lun dic 18, 2006 8:31 am
Contatta:

Messaggio da Patrizia »

Azur ha scritto:C'è bisogno di molta concretezza con i bambini, e anche così vedo che lo stesso quando si trovano nella situazione reale a volte si dimenticano le "prove" fatte... (anche più grandini...)

è vero

a Leonardo è bastato una mattina, quando era distratto, dirgli

"e se viene un pompiere e ti dice vieni con me che ti porto a casa, tu cosa fai?"

risposta "ovvio, vado con lui!"

:cisssss:

Cristina81

Messaggio da Cristina81 »

è interessante il libro.ma è da leggere ai bambini?

Avatar utente
Patrizia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6591
Iscritto il: lun dic 18, 2006 8:31 am
Contatta:

Messaggio da Patrizia »

Cristina81 ha scritto:è interessante il libro.ma è da leggere ai bambini?


sì sì è un libro PER bambini

Rispondi