mi risponde

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

emy ha scritto:e quelli che ti buttano giù un negozio come li chiami?
io maleducati.

beh c'è pure una via di mezzo no?
Due bambini in un negozio possono giochicchiare in un angolo senza buttarlo giù a casa d'altri idem
Di base penso che portare i bambini dal parrucchiere e farli stare li ad aspettare mentre mamma si fa i capelli rientri fra le cose da evitare


Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

emy ha scritto:ho capito benissimo quello che vuoi dire.
alcune sensazioni che citi le ricordo anch'io e con mia sorella ne parlai tempo fa, le dissi queste parole:
-però quanto è difficile essere un bambino, deve mangiare dormire giocare lavarsi ecc quando lo diciamo noi. non è una sua scelta.
lei mi rispose che la vita è così ci siamo passati tutti, che comunuqe è una forma di educazione che lo facciamo per fargli capire le regole.
io mi chiedo però quali di queste cose siano realmente utili per quello che poi si diventa da adulti.una vita senza regole è impossibile in società ma devono per forza passare dall'imposizione? è su questo che ragiono.
Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

lenina ha scritto:beh c'è pure una via di mezzo no?
Due bambini in un negozio possono giochicchiare in un angolo senza buttarlo giù a casa d'altri idem
Di base penso che portare i bambini dal parrucchiere e farli stare li ad aspettare mentre mamma si fa i capelli rientri fra le cose da evitare
forse sarà anche il carattere del bambino che conta,non lo so.
io non ho mai nemmeno pensato di portare lorenzo dalla parrucchiera,piuttosto non ci andavo.invece la mia amica lo portava sempre e stava buonissimo.e sembrava che il suo fosse un angelo,e il nostro un diavolo.
poi però abbiamo scoperto che lo minacciava con gli schiaffoni.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

emy ha scritto:
Le regole.
io ne ho poche davvero, vi dico solo che quando si mangia lui se ha finito prima di noi si può alzare a andare a giocare.
per alcuni è inaccettabile.
vorrei solo non lottare ogni volta con lui per qualsiasi cosa, per i vestiti, perchè lui è dall'età di due anni che decide quello che vuole mettersi il giorno seguente, e magari vuole mettersi le maniche corte d'inverno, allora gli metto una maglia con maniche lunghe sotto e l'altra sopra.
litigo con lui per il mangiare, mangia poco, ma tutto, però poco e poi vuole le caramelle, non gliene compro più.
e questi sono la punta di un iceberg di esempi che potrei citarvi.
sul mangiare poco d'accordissimo sul non comprare caramelle (o comunque riservarle alle eccezioni) però giusto che mangi quello che gli serve, il poco ai tuoi occhi probabilmente è tanto ne suo stomaco.

Sul vestire forse io sarei incosciente.

Perchè un giorno lo lascerei davvero andare con le maniche corte sotto la giacca (consegnando a scuola alla maestra una felpina chiaramente) si tratta di una sua scelta e magari si accorge davvero che è una scelta sbagliata.

Sul fatto di alzarsi quando si è finito di mangiare è giustissimo.
I miei non pretendevano rimanessi li più di tanto, ma c'era un tempo giusto, se mi alzavo prima significava che non volevo stare con loro
Mai capito quale fosse il tempo giusto, certe sere andava benissimo altre anche da adolescente si litigava :mumble:
Avatar utente
emy
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5320
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:47 pm

Messaggio da emy »

lenina ha scritto:io mi chiedo però quali di queste cose siano realmente utili per quello che poi si diventa da adulti.una vita senza regole è impossibile in società ma devono per forza passare dall'imposizione? è su questo che ragiono.
non lo so.
ma se non imponiamo delle regole qui va tutto a fanculo. (ops)
e se i bambini non ascoltano ci vanno per forza i castighi o comunque qualcosa per farsi capire.
non so come spiegarlo, ma immagina se tuo figlio incominci a tirarti calci ogni volta che gli dici di no, a delle cose normali, tipo basta caramelle o basta giocare devi dormire.
michael lo fa, non sempre ma lo fa.
e quando lo fa davanti a qualcuno, la gente mi guarda sbalordita, non che m'interessa il parere altrui, ma immaginami al supermercato dopo avergli detto di no all'ennesimo gioco, mi tira un calcio e inizia a urlare, che fai?
Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

E' vero, il carattere del bambino è poi la molla da cui parte tutto il meccanismo educativo. Chiaramente, le risposte vanno "adattate".

E anche l'età fa la differenza.
Ci sono dei comportamenti che a due anni sono accettabili, ma a tre assolutamente no, così come a quattro, a cinque, ecc.
Avatar utente
emy
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5320
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:47 pm

Messaggio da emy »

lenina ha scritto:sul mangiare poco d'accordissimo sul non comprare caramelle (o comunque riservarle alle eccezioni) però giusto che mangi quello che gli serve, il poco ai tuoi occhi probabilmente è tanto ne suo stomaco.

Sul vestire forse io sarei incosciente.

Perchè un giorno lo lascerei davvero andare con le maniche corte sotto la giacca (consegnando a scuola alla maestra una felpina chiaramente) si tratta di una sua scelta e magari si accorge davvero che è una scelta sbagliata.

Sul fatto di alzarsi quando si è finito di mangiare è giustissimo.
I miei non pretendevano rimanessi li più di tanto, ma c'era un tempo giusto, se mi alzavo prima significava che non volevo stare con loro
Mai capito quale fosse il tempo giusto, certe sere andava benissimo altre anche da adolescente si litigava :mumble:
ma guarda i miei mi hanno sempre fatto alzare prima dal tavolo, non mangiavo niente e mia mamma mi diceva: alzati e vai.
poi mi seguiva anche mia sorella, lei mangiava molto più di me.
ma michael mangia davvero poco, la pediatra mi ha rassicurata e io pensando un po' a me da piccola, quando insistevano nel farmi mangiare e più lo facevano e più io non mangiavo, allora lo lascio stare, però non voglio che mi mangi tremila caramelle.
Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

Lupina ha scritto: E anche l'età fa la differenza.
Ci sono dei comportamenti che a due anni sono accettabili, ma a tre assolutamente no, così come a quattro, a cinque, ecc.
d'accordissimo
Rispondi