Blanket training

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Elen
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2736
Iscritto il: mar ott 06, 2009 9:54 pm

Messaggio da Elen »

Alessia M. ha scritto:...ma neanche i cani si educano così!!

ma se non hanno tempo da dedicare ai figli, perché ne fanno tanti?
Perchè non usano anticoncezionali, perchè per loro ogni rapporto è finalizzato al figlio e perchè la chiesa li aiuta a sostentare le famiglie così numerose, pagando loro anche la baby sitter quando vanno alle riunioni dove i bambini non sonno ammessi e sono tante.
Magari, nel momento in cui la baby sitter non gliela pagano, questo metodo è il loro migliore aiuto, come dice l'articolo postato da Lelia.


Avatar utente
superstrafra
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3675
Iscritto il: lun set 07, 2009 10:47 pm

Messaggio da superstrafra »

anch'io ho di getto pensato agli addestratori di cani
se riescono a non evadere dalla copertina che fanno, danno loro una crocchetta come premio?
tatyana
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 184
Iscritto il: gio nov 19, 2009 10:51 pm

Messaggio da tatyana »

Lelia ha scritto:Volevo condividere con voi questa cosa che ho trovato online tempo fa e che ora mi è ricapitata sotto mano.
Si tratta del cosiddetto "blanket training", letteramente "educazione alla copertina", una "tecnica" abbastanza diffusa negli Stati Uniti.
In pratica, si tratta di mettere il bambino (o neonato, perché si parla spesso di bambini dai 6 mesi in su, e si consiglia caldamente di cominciare il prima possibile) per terra, sopra una copertina, con un po' di giochini. Si stabilisce un tempo che il bambino deve passare sopra la copertina, partendo da 5-10 minuti e allungando ogni giorno un po'.
Se il bambino cerca di "uscire" dalla copertina, si batte il pavimento tutto intorno alla copertina con un bastoncino o uno stecco per spaventare il bambino. Se nonostante questo il bambino "evade", si va di sculaccioni.
Naturalmente è un metodo molto efficace, che regala ai genitori tanto tempo libero, perché in pochi mesi i bambini sono in grado di passare anche 2 ore di fila sulla loro coperta e non si azzardano ad uscirne.
E' particolarmente in voga tra le famiglie molto numerose (Duggars in primis) perché lascia tempo alle mamme di occuparsi dei figli più piccoli.

Non me lo sono inventata io, giuro.
Trovate qualcosa qui: http://en.wikipedia.org/wiki/Blanket_training
qui c'è una guida "passo passo": http://www.ehow.com/how_4550457_blanket-train-baby.html

Purtroppo ho trovato solo materiale in inglese, ma sono un po' (tanto) scioccata.
k
tatyana
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 184
Iscritto il: gio nov 19, 2009 10:51 pm

Messaggio da tatyana »

Lelia ha scritto:Volevo condividere con voi questa cosa che ho trovato online tempo fa e che ora mi è ricapitata sotto mano.
Si tratta del cosiddetto "blanket training", letteramente "educazione alla copertina", una "tecnica" abbastanza diffusa negli Stati Uniti.
In pratica, si tratta di mettere il bambino (o neonato, perché si parla spesso di bambini dai 6 mesi in su, e si consiglia caldamente di cominciare il prima possibile) per terra, sopra una copertina, con un po' di giochini. Si stabilisce un tempo che il bambino deve passare sopra la copertina, partendo da 5-10 minuti e allungando ogni giorno un po'.
Se il bambino cerca di "uscire" dalla copertina, si batte il pavimento tutto intorno alla copertina con un bastoncino o uno stecco per spaventare il bambino. Se nonostante questo il bambino "evade", si va di sculaccioni.
Naturalmente è un metodo molto efficace, che regala ai genitori tanto tempo libero, perché in pochi mesi i bambini sono in grado di passare anche 2 ore di fila sulla loro coperta e non si azzardano ad uscirne.
E' particolarmente in voga tra le famiglie molto numerose (Duggars in primis) perché lascia tempo alle mamme di occuparsi dei figli più piccoli.

Non me lo sono inventata io, giuro.
Trovate qualcosa qui: http://en.wikipedia.org/wiki/Blanket_training
qui c'è una guida "passo passo": http://www.ehow.com/how_4550457_blanket-train-baby.html

Purtroppo ho trovato solo materiale in inglese, ma sono un po' (tanto) scioccata.
sono basita!!!!!!!!! :eeeeeeeeeee. :eeeeeeeeeee. :eeeeeeeeeee. :occhiodibue:
Ariale

Messaggio da Ariale »

Lelia ha scritto:Qui c'è la spiegazione del blanket training fatta da una mamma che l'ha usato per i suoi figli: http://www.ffministry.org/blanket_training.htm
God intends for our children to be a blessing and a joy to us parents, but it our responsibility to teach and train them in the ways of the Lord. Thank God that He gives us the resources, and His grace, in order to accomplish this!

Molto brava questa dolce mammina devota a mascherare la violenza psicologica che infligge ai suoi figli come una specie di volontà divina. Grazie Signore grazie!


E poi, fatemi capire...al passo 4 si parla di "bambina". Ci sarà un motivo o sarà una svista (ci credo poco)?
Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Messaggio da Paola »

ma non sono da denuncia?
Avatar utente
Barbara.
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7654
Iscritto il: ven mar 20, 2009 12:18 pm

Messaggio da Barbara. »

ma questi sono fuori....
Avatar utente
Lelia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3781
Iscritto il: ven lug 03, 2009 10:00 am

Messaggio da Lelia »

Paola M. ha scritto:ma non sono da denuncia?
Da un punto di vista legale non credo Paola. Alla fine il "metodo" non dice di picchiare il bambino, ma solo intorno alla copertina, e nessuno ti può denunciare perché batti un bastone per terra. Se poi tiri due sculaccioni a tuo figlio, ti si può denunciare? Immagino di no.
Da un punto di vista personale sono da rinchiudere (i genitori, ovviamente) :occhiodibue:
Rispondi