I figli ci cambiano la vita?

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Facciamo tutto quello che facevamo prima in tre, laddove le cose che facevamo prima non cozzino con il suo benessere e credo che sia quello che fanno quasi tutti i genitori, perchè è la normalità. Annullarsi non è giusto, ma non è nemmeno giusto far finta che niente sia cambiato.



Avatar utente
Vavi
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3860
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:00 pm

Messaggio da Vavi »

Io non credo ne' che il figlio debba adattarsi alla vita dei genitori, ne' che i genitori debbano adattarsi alla vita del figlio.... penso che vada creata una nuova vita in tre, una cosa diversa che cerca di andare incontro alle esigenze di tutti.

Avatar utente
Minou
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3604
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:01 pm

Messaggio da Minou »

non mi sento di appartenere a nessuna delle due categorie, organizzo le cose in base alle esigenze di tutti e tre...
poi sinceramente una pizza ogni tanto non ci vedo nulla di sconvolgente (poi certo dipende dal bimbo, il mio sta fuori volentieri)...

E.L.I.S.A
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1979
Iscritto il: mar set 29, 2009 9:16 am

Messaggio da E.L.I.S.A »

dice un comico "E' CAMBIATO TUTTO!!!!"

sono più nella prima categoria, ho rispettato i suoi tempi "sacrificando" (tra virgolette perchè alla fine non l'ho vissuto come tale") le mie uscite, i miei cinema e cene fuori...ho cercato di mediare coinvolgendo spesso gli amici a casa (anche solo per un trancio di pizza comprato fuori) per i compleanni o altre occasioni. Se loro mi proponevano qualcosa di improponibile per il bambino (tipo il primo capodanno con lui di 4 mesi, volevano andare in una baita sperduta, riscaldata solo dal camino :occhiodibue: :occhiodibue:), semplicemente rinunicavo senza rimpianti e fregandomene dei commenti.
Solo recentemente le sue abitudini sono diventate più elastiche e quindi ci concediamo qualcosa in più...tipo la cena in pizzeria a patto che si sia prenotato prima (non posso aspettare in giro con lui le ore) in posti adatti...generalmente si torna a casa prima degli altri, anche se lui comunque ad una certa ora crolla (gli basta potersi appoggiare al petto di mamma:inlove:) ma va bene così.
...il compromesso per il cinema ancora non c'è!

Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Ecco, gli amici senza figli che dicono "ehhhh ma si dovrà abituare" è un classico.
Vaaaaaaaaaaaaaaaaa bene.

Avatar utente
martina v.
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1078
Iscritto il: lun dic 01, 2008 11:50 am

Messaggio da martina v. »

Noi siamo nel mezzo.Nel senso che giustamente stiamo dietro alle esigenze del nostro ometto ma poco per volta abbiamo introdotto anche altre esperienze, tipo un pranzo domenicale al ristorante con amici, shopping nei centri commerciali ecc., senza fare tutto in un giorno e senza esagerare ma cercando a poco a poco di abituarlo alla gente e a luoghi che non siano casa sua.
Devo dire che per ora va benissimo, Edo dorme anche nel suo passeggino nella confusione di un ristorante ed è socievole da far paura.Di certo non lo facciamo spesso, di certo non lo faremo se lui inizierà a mostrare segni di insofferenza.
Insomma, ci adeguiamo perchè la vita cambia davvero...IN MEGLIO!!!

galdy

Messaggio da galdy »

io ho sempre cercato di rispettare i suoi ritmi. tuttora non lo sveglio mai per uscire: aspetto sempre che si svegli lui. tranne il sabato mattina che alle 10 abbiamo il corso di nuoto.
cerco di essere a casa sempre all'ora in cui lui deve dormire (alle 13.30 e allle 20) ma a volte capita che magari sono da mia mamma anche fino alle 21.30 perchè so che lui è contento, e quando torneremo a casa si addormenterà lo stesso.
a ottobre, quindi aveva 7 mesi, ho cominciato a portarlo alle partite di basket di mio marito. e lì per esempio sto sempre dietro a lui: se ha fame o è annoiato o nervoso gli do la tettina. se vuole camminare lo prendo e andiamo a farci un giro... poi se è oresto ci fermiamo pure a mangiare qualcosa con la squadra.
spesso invece capita che venga una coppia di amici a casa a cena (gli unici amici che ci sono rimasti...) e loro sanno che quanod devo mettere a nanna michael se ne devono andare: lui non dorme finchè non è tranquillo.
poi però la rpossima settimana andiamo a farci un viaggio "impegnativo" e spero di non "disturbare" troppo michael...

direi che siamo una via di mezo tra le 2 categorie.

Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Messaggio da la eli »

MANU ha scritto:Beh io sto nel mezzo.
Nel senso che le prime settimane ok devi conoscerti, imparare a
capire le abitudini del piccolo e quant'altro.
Ma poi credo sia necessario anche per il bambino avere
spunti nuovi, vedere cose e vivere situazioni diverse.

Abituarsi al rumore, perchè no?
Non devo mica trapanare nelle sue orecchie.
Ma se devo staccare il telefono perchè lui dorme, no.
Magari non gli passo l'aspirapolvere vicino,
ma la casa viene vissuta nel modo più naturale possibile.

Insomma il tenerli sotto la campana di vetro non mi è mai piaciuto.
Non ho mai fatto grandi cose, orari improponibili o che,
però diciamo che non ci siamo fatti mancare (noi 4) quanto
ci faceva stare bene.

Anche da noi funziona così ora con Linda, ma con Tommy fu diverso.
noi ci adeguammo totalmente ai suoi ritmi i primi mesi.

Rispondi