La UPPA e il sonno.

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
Elly70
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 799
Iscritto il: lun feb 02, 2009 2:08 pm

Messaggio da Elly70 »

Dimenticavo...in Giappone non usano medicinali per il sonno perchè vanno giù di whisky alla grande. Sono il più grosso importatore di whisky scozzese al mondo. Mah...il Giappone è un grande piccolo paese molto interessante, mi piacerebbe visitarlo con mio marito...
Per anni ho fatto corrispondenza con un'amica giapponese conosciuta in Inghilterra, poi putroppo abbiamo perso i contatti, a me pareva un pochino esaurita però...lavorava 7 giorni su 7...caruccia ma un pochino fuori...



Avatar utente
Elly70
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 799
Iscritto il: lun feb 02, 2009 2:08 pm

Messaggio da Elly70 »

Grazie Cos, scusate per il mio "entusiasmo" per il Giappone, ho vissuto anni all'estero, in Inghilterra per la precisione, e ho visitato per lavoro diversi paesi.
Però dai...insomma, possibile che guardiamo sempre agli altri! Possibile che gli altri siano sempre i migliori in 'sto cavolo di statistiche? E poi porca pupazza il luogo comune della mamma italiana vista come "la mammità fatta persona" vorrà dire pur qualcosa? Che siamo amorevoli, affettuose, brave con i nostri cuccioli.
Scusate se mi permetto, io mamma assolutamente "in divenire", inesperta, scoppiata a volte, imbranata per la maggior parte dei casi...ma buttiamo a mare un pò di cavolo di studi, facciamo quello che ci sentiamo appunto come dice Cos, seguendo i bisogni dei bambini. Sbaglieremo pure, mica sempre ci si azzecca, ma se una cosa funziona per un giapponese non è detto che vada bene per un italiano.

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

No ma non è quello il punto.
Il punto è che DI FATTO in occidente i genitori in gran percentuale si lamentano sempre più per i presunti o reali problemi di sonno dei bambini, e allora è naturale che, se in Giappone questo non accade, si vada a indagare sul perché.
Io, come dicevo, non credo che dovremmo fare come i giapponesi, ma ragionare su questi dati si, ed è quello che fa Uppa e che ha fatto Gonzales.

Smilla

Messaggio da Smilla »

in Giappone sono molto più avanti, un nostro amico che si è sposato una giapponese e si è trasferito là, un mese fa è tornato in ferie in Italia, e ci ha fatto vedere le foto del corso preparto: è stato un giorno intero con un imbragatura che simula e pesa come il pancione(tanto per dirne una), un corso preparto molto più "preparatorio" rispetto a quelli tenuti nella mia Asl

Avatar utente
Elly70
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 799
Iscritto il: lun feb 02, 2009 2:08 pm

Messaggio da Elly70 »

Il nostro corso preparto qui al S. Orsola di Bologna è stato utile, almeno...tra le cose che sono saltate fuori c'era proprio questa cosa del cosleeping. Veniva caldamente appoggiata. E tutti i papà-maschietti che sono stati invitati a partecipare erano proprio d'accordo!!!

Mi sono detta spesso fortunata perchè ho un marito molto amorevole, anche se non ha mai portato un'imbragatura ha sempre fatto la spesa pesante durante tutta la mia gravidanza, o forse dovrei dire "nostra" gravidanza, mi è stato vicino a tutte le ecografie, mi ha aiutanto sempre dal primo giorno e tutt'ora.

Non è per dire, un'imbragatura può dare un'idea, ma l'importante è comunque che ci sia un modo per sensibilizzare i maschietti alle esigenze della nuova famiglia e del cucciolo in arrivo. Secondo me gli uomini della mia generazione sono spesso padri teneri e mariti affettuosi. Lo vedo anche con tutte le mie amiche! Mia mamma si è addirittura commossa a vedere come al giorno d'oggi i papà si prendono cura dei loro bimbi. Non credo che mio papà mi abbia mai preso in braccio da neonata o abbia mai cambiato un pannolino...mio marito invece sa addirittura fare i massaggi al cucciolo e persino il sondino al bisogno!

Rispondi