caxxo, uovo.

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
erinmay
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5251
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:13 pm

Messaggio da erinmay »

alce ha scritto:io sta cosa delle allergie e intolleranze non l'ho ancora capita.... ad esempio, non si da il glutine... poi al x mese si da... perchè? cioè cosa cambia il prima o dopo?
perchè l'uovo a nove mesi e non a sette o dieci? mi spiegateeeee!!!??????????????????????

dipende dal fatto che la tolleranza orale (un meccanismo immunologico che ci permette di non avere reazioni allergiche ogni qual volta maniamo qualsiasi cosa, vegetale o animale che sia) si sviluppa molto lentamente.

Nei neonati è pochissimo sviluppata, il meccanismo matura piano piano, ed esistono delle sostanze che hanno capacità antigeniche più forti (cioè stimolano reazioni da parte del sistema immunitario più violente) e tra queste ci sono l'ovoalbumina, l'ovotrasferrina e l'ovomucoide, ma ci sono anche la tropomiosina dei crostacei, la parvalbumina del pesce, la glicinina e la conglutina delle arachidi, la b-lattoglobulina l'alfa-lattoalbumina e le caseine del latte.

Il fatto di introdurle troppo presto, prima che il sistema immunitario sia pronto può scaternare ipersensibilizzazioni e vere e proprie allergie, Le allergie infatti hanno una componenete genetica (atopica) ma anche un'importantissima componente ambientale, quindi non è detto che se un bambino è allergico all'uovo lo è sia che lo si introduca a 6 mesi sia che lo si introduca ad 1 anno, la fase di introduzione e la quantità ingerita influenzano parecchio la possibilità o meno di una reazione


Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Erin-75 ha scritto:dipende dal fatto che la tolleranza orale (un meccanismo immunologico che ci permette di non avere reazioni allergiche ogni qual volta maniamo qualsiasi cosa, vegetale o animale che sia) si sviluppa molto lentamente.

Nei neonati è pochissimo sviluppata, il meccanismo matura piano piano, ed esistono delle sostanze che hanno capacità antigeniche più forti (cioè stimolano reazioni da parte del sistema immunitario più violente) e tra queste ci sono l'ovoalbumina, l'ovotrasferrina e l'ovomucoide, ma ci sono anche la tropomiosina dei crostacei, la parvalbumina del pesce, la glicinina e la conglutina delle arachidi, la b-lattoglobulina l'alfa-lattoalbumina e le caseine del latte.

Il fatto di introdurle troppo presto, prima che il sistema immunitario sia pronto può scaternare ipersensibilizzazioni e vere e proprie allergie, Le allergie infatti hanno una componenete genetica (atopica) ma anche un'importantissima componente ambientale, quindi non è detto che se un bambino è allergico all'uovo lo è sia che lo si introduca a 6 mesi sia che lo si introduca ad 1 anno, la fase di introduzione e la quantità ingerita influenzano parecchio la possibilità o meno di una reazione
Però d'altro lato da quello che ho potuto leggere parlando di bambini pronti a mangiare non esiste studio che dimostri se sia meglio inserire gli allergeni prima in basse quantità (assaggi) o inserirli tardi.

Una delle differenze sicuramente rilevate riguarda proprio le arachidi però.
In Israele derivati delle arachidi sono usati dal primo svezzamento e gli allergici sono pochissimi.
In america vengono dati dopo i 2 anni e ci sono moltissimi allergici.

Rimane da vedere se in Israele vengano dati prima perchè sono genetivamente meno predisposti all'allergia quindi nessuno si è posto il problema o se siano meno allergici perchè vengono in contatto con l'allergene prima.

(il tutto naturalmente parlando di bambini pronti ad alimentarsi, introdurre alimenti su un bambino non pronto è tutto un altro discorso)
erinmay
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5251
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:13 pm

Messaggio da erinmay »

lenina ha scritto: Una delle differenze sicuramente rilevate riguarda proprio le arachidi però.
In Israele derivati delle arachidi sono usati dal primo svezzamento e gli allergici sono pochissimi.
In america vengono dati dopo i 2 anni e ci sono moltissimi allergici.

Rimane da vedere se in Israele vengano dati prima perchè sono genetivamente meno predisposti all'allergia quindi nessuno si è posto il problema o se siano meno allergici perchè vengono in contatto con l'allergene prima.

ESATTAMENTE
siccome noi geneticamente siamo un bel mix di aplotipi diversi, siamo meno uniformati sul discorso allergie, e si cerca di trovare una via di mezzo comune, poi c'è sempre l'eccezione ovviamente.

sta di fatto che la tolleranza orale va incontro a maturazione e questo è SCIENTIFICAMENTE provato, ancora non del tutto compreso (nel senso che vengono fuori nuovi collegamenti tra le linee cellulari e le citochino praticmanete ogni mese) ma è provato
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Erin-75 ha scritto:ESATTAMENTE
siccome noi geneticamente siamo un bel mix di aplotipi diversi, siamo meno uniformati sul discorso allergie, e si cerca di trovare una via di mezzo comune, poi c'è sempre l'eccezione ovviamente.

sta di fatto che la tolleranza orale va incontro a maturazione e questo è SCIENTIFICAMENTE provato, ancora non del tutto compreso (nel senso che vengono fuori nuovi collegamenti tra le linee cellulari e le citochino praticmanete ogni mese) ma è provato
ma quindi alla fine di tutto secondo te ha ragionechi dice che non serve rispettare tabelle ma solo introdurre con attenzione e a piccole dosi gli allergeni maggiori o chi consiglia di posticipare all'anno o oltre?
Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

asolina ha scritto:no?! :occhiodibue:
...arrivo un po' in ritardo...
lo dicevo perchè mio marito è diventato allergico alla banana a 35 anni. ha fatto 2 collassi, se la mangia rischia davvero grosso.
erinmay
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5251
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:13 pm

Messaggio da erinmay »

lenina ha scritto:ma quindi alla fine di tutto secondo te ha ragionechi dice che non serve rispettare tabelle ma solo introdurre con attenzione e a piccole dosi gli allergeni maggiori o chi consiglia di posticipare all'anno o oltre?
secondo me (ma è solo il mio parere) dopo i 9 mesi si possono cominciare ad introdurre gli allergeni dell'uovo e del pesce (anche qui i pesci non è che sono tutti uguali per quantità dei singoli allergeni) in piccole dosi e stando bene attenti ai segnali di rimando (e soprattutto distanzierei di almeno 1 settimana l'introduzione di nuovi allergeni). Per qunto riguarda le arachidi e i crostacei non è che facciano poi così parte della nostra dieta come principi nutritivi indispensabili (diverso è per gli americani che crescono a burro di arachidi), quindi non vedo il motivo per introdurli presto nella dieta del bambini, si può trnquillamente posticipare ben oltre l'anno (daniele mangia i gamberetti da pochissimo, le arachidi ahime' sono una delle sue passioni-che io non alimento per nulla, le ha scoperte, rubandole dal tavolo ad una festa verso i 24 mesi)

C'è anche da dire che effetturare i test di allergia alimentare (in vivo e in vitro) (e parlo di quelli UFFICIALMENTE RICONOSCIUTI DALL'OMS, non i taroccamenti vari del vega test e affini) sui bambini piccoli piccoli è un casino, perchè risultano molto meno specifici, quindi anche di questo va tenuto conto, se c'è una risposta allergica per un'introduzione troppo precoce di più allergeni capire poi scientificamente quale sia il responsabile è un casino
Ariale

Messaggio da Ariale »

Cos73 ha scritto:però non è alla prima somministrazione che si manifesta un'allergia, ma alle successive, quindi la prudenza, per gli alimenti più allergenici, bisogna averla la seconda e terza volta almeno (e quindi dare piccole quantità), e è meglio che la seconda volta sia a distanza di qualche giorno dalla prima, in modo che l'organismo ha tempo di elaborare una eventuale reazione.
Mi permetto di contraddirti Cos, in quanto per Arianna non è stato esattamente così. Alla prima assunzione dell'uovo (un paio di cucchiaini di tuorlo) dopo 20-30 minuti era piena di macchie su viso e pancia. Sotto consiglio del pediatra, e comunque avrei agito allo stesso modo,per la seconda assunzione (sempre solo del tuorlo) abbiamo aspettato un paio di mesi, cioè dopo aver compiuto l'anno. Per la terza prova abbiamo aspettato di nuovo un paio di mesi. Mò basta però...abbiamo capito che è allergica. Quando sarà più grande riproveremo e se avrà lo stesso effetto faremo una visita allergologica per sapere meglio come comportarci. Per il momento il pediatra è contrario a prick test e simili perchè potrebbe anche regredire dopo i primi anni.
Avatar utente
alce
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1312
Iscritto il: lun ago 31, 2009 10:15 pm

Messaggio da alce »

miiiii! che casino, ora sono al punto di partenza a livello di dubbio.... però visto che non c'è fretta, uno l'uovo lo può benissimo dare dopo l'anno, idem il pesce... mi pare la conclusione più ragionevole!
Per il resto Ada assaggia e basta, ieri si è ciucciata un grissino e un po' di ricotta... l'unica cosa che mangia è la frutta (la mela e la pera)... la pera glie la do intera, una fetta, se la lavora tutta, la mastica la succhia e in cinque minuti la finisce!!! Anche sta cosa che sappia già masticare mi ha davvero sorpresa!... è un segnale di qualche tipo o tutti i bambini masticano a sei mesi?
Rispondi