Devo iniziare a preoccuparmi?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Rispondi
Avatar utente
Claudia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5631
Iscritto il: mar apr 10, 2007 4:46 pm

Devo iniziare a preoccuparmi?

Messaggio da Claudia »

Mio figlio Angelo l'anno prossimo frequenterà la 1a media ed io sono
un filino in ansia.
Figlio della maturità, amatissimo e coccolato, la cui crescita è stata ed è seguita con meno ansie rispetto alla sorella.
E' un ragazzino vivace ma in modo tranquillo ed è molto affettuoso
nonché assai sensibile.
Sicuramente è, rispetto a molti suoi coetanei, più timido e schivo e pure "baccalà".
Solo che.... è sempre con la testa fra le nuvole!
Questo si traduce in scarsa( è un eufemismo) voglia di fare i compiti a casa durante il week (frequenta il TP), dimentica spesso in classe il diario con i suddetti compiti o non li scrive proprio, non riesce minimamente ad organizzarsi con lo studio.
Odia leggere ma, nonostante ciò, si esprime con ricchezza e proprietà di linguaggio.
Ha una fantasia molto vivida e la esprime anche disegnando benissimo.
Ma non chiedetegli di scrivere un testo....1/2 pagina è già troppo per lui!
Le sue insegnanti, che io stimo, finora sono molto contente di lui sotto ogni punto di vista e non mi hanno mai espresso perplessità riguardo il suo lavoro in classe.
Non posso nemmeno basarmi sull'esperienza avuta con la grande perchè lei è sempre stata responsabile, lettrice accanita, a 10 anni aveva già letto anche Il Signore degli Anelli, più matura della sua età anagrafica.
Ecco io vedo mio figlio ancora immaturo, e pensando al prossimo anno, ho un gran timore che non riesca a tenere i ritmi, ritmi ed impegni che saranno ben diversi e pressanti!
Per favore, urgono suggerimenti, rassicurazioni, consigli, escamotage.....
Insomma datemi una manooooo



asolina

Messaggio da asolina »

(io con asha non ho avuto l'esperienza delle medie...e và in terza. :tristess: )

ma credo che angelo crescerà nel momento stesso che si troverà ad affrontare un nuovo ciclo della sua vita.magari più piano degli altri.
le maestre son soddisfatte del suo rendimento, io credo che vada bene così.
attenta a non vederlo immaturo solo perchè la sorella lo era di più.
non ho suggerimenti ne consigli...solo un pensiero.

Avatar utente
Claudia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5631
Iscritto il: mar apr 10, 2007 4:46 pm

Messaggio da Claudia »

asolina ha scritto:(io con asha non ho avuto l'esperienza delle medie...e và in terza. :tristess: )


attenta a non vederlo immaturo solo perchè la sorella lo era di più.
.
:marika:
Grazie Asolì!

Ci sto attenta, ci sto attenta!

Avatar utente
gigia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2999
Iscritto il: lun feb 02, 2009 11:00 am

Messaggio da gigia »

posso dirti una cosa...................mio figlio paro paro ,e lo è ancora
e le ho provate tutte

losbanos

Messaggio da losbanos »

Mancano ancora parecchi mesi all'inizio della scuola media, non è detto che non cambi un pochino e si responsabilizzi maggiormente. Alle medie i docenti non seguono più così tanto i ragazzi, automaticamente sarà costretto a pensare da sé a compiti, diario e occorrente.
Da noi si dice "quando l'acqua tocca il culo, si impara a nuotare".
Soprattutto non fare paragoni con la sorella, neanche solo come pensieri tuoi. I ragazzi sono tutti diversi, noi stessi lo siamo, ognuno ha le sue peculiarità, i suoi punti forti e i suoi punti deboli e anche se si possono migliorare questi ultimi, cambiare completamente è ben difficile.

Avatar utente
Claudia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5631
Iscritto il: mar apr 10, 2007 4:46 pm

Messaggio da Claudia »

losbanos ha scritto:Mancano ancora parecchi mesi all'inizio della scuola media, non è detto che non cambi un pochino e si responsabilizzi maggiormente. Alle medie i docenti non seguono più così tanto i ragazzi, automaticamente sarà costretto a pensare da sé a compiti, diario e occorrente.
Da noi si dice "quando l'acqua tocca il culo, si impara a nuotare".
Soprattutto non fare paragoni con la sorella, neanche solo come pensieri tuoi. I ragazzi sono tutti diversi, noi stessi lo siamo, ognuno ha le sue peculiarità, i suoi punti forti e i suoi punti deboli e anche se si possono migliorare questi ultimi, cambiare completamente è ben difficile.
Carina quella dell'acqua!

Hai ragione, ogni bambino è sicuramente unico...ho solo il timore che, proprio perchè è così, possa trovarsi in una situazione di "svantaggio" e quindi rinchiudersi in se stesso.
Non faccio veramente dei paragoni con la sorella, è che ero abituata bene, e mi vengono mille dubbi e paranoie.....

Rispondi