Fino a dove bisogna aiutarli?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
tati
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 11634
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Fino a dove bisogna aiutarli?

Messaggio da tati »

Lo scorso anno la classe di Ely portava a casa solo i compiti.
Libri e quaderni scolastici restavano sempre a scuola.
È una buona cosa per quanto riguarda il peso nella cartella stessa, ma è un pessimo metodo per l’ educazione scolastica dei bambini.

Quest’ anno le cose sono cambiate, e i bambini si ritrovano senza spiegazioni la cartella piena.

Ho preparata un ripiano nell’ armadio per Ely e i quaderni di scuola, e ogni pomeriggio finito i compiti da qualche giorno le faccio preparare la cartella.
Per ora sto vicino ad osservare visto che è una cosa nuova, e se sbaglia le dico di controllare bene e si rende conto da sola di aver sbagliato.
Si insomma, ce la sta facendo da sola senza grandi problemi.

Così come i compiti, quest’ anno da sola si ricorda di controllare che compiti aveva. Raramente arriva a farli il giorno prima, è brava in questo, li fa il giorno stesso in cui vengono assegnati.

Ma mi rendo conto che per pochi è così.
Un esempio non troppo lontano è lo zio di Ely, che di anni ne ha 8.
Non sa prepararsi la cartella, non sa fare i compiti da solo.

È giusto così o bisogna renderli un attimo più indipendenti? Voi cosa fate?
Io quando ely fa i compiti sto sempre con lei, ma solo alla fine controllo, e intervengo solo nei rari casi in cui lei ha bisogno di aiuto.

Non è un fattore di media scolastica, lo zio a scuola è bravissimo, è davvero una questione di poca voglia e nulla autonomia.

Secondo voi, non troverà difficoltà più in la, quando dovrà riuscire ad arrangiarsi un po’?( se non gli prepara la cartella fino ai 20 anni ovvio)


mile72

Messaggio da mile72 »

ciao tati, secondo me nn esiste un eta' precisa dove diventano autonomi c'e' il bambino che sa aggiustarsi da solo e quello che anche se lo sa fare vuole sempre l'apoggio dei genitori anche solo per tranquillita' , io ho un abisso tra il grande e la piccola , la piccola riesce a prepararsi la cartella da sola e a svolgere i compiti autonomatamente mentre il grande vuole sempre a fianco qualcuno nn perche' nn riesca ma solo per sentirsi piu' tranquillo ,idem per preparare la cartella
moon373

Messaggio da moon373 »

I bambini non sono tutti uguali: c'è quello che ha costantemente bisogno dell'aiuto del genitore e quello che si stacca prima.
Noi dobbiamo però guidarli in questa conquista: io verso i 7 anni gli facevo vedere come preparavo il suo zaino, poi lo esortavo a fare altrettanto.
Dalla terza in poi ha iniziato a prepararlo da solo.
Per i compiti non l'ho mai aiutato perchè l'ho sempre considerato autonomo in questo e lui non me lo ha mai richiesto.
Le uniche volte che chiede la mia vicinanza (solo come presenza rassicurante) è durante lo svolgimento dei compiti di matematica, materia che detesta, e io lo assecondo senza problemi!
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Quoto Mile, dipende molto dal bimbo e non c'è un'età precisa a solo un obiettivo: l'adulto autonomo.
In che modo questo si realizzi importa poco, deve essere il genitore a valutare se la presenza del genitore fa piacere al bimbo ma non è indispensabile (e allora non serve negarla) o se davvero c'è un'incapacità a concludere da solo, e allora col tempo, gradualmente, lasciarlo fare da solo.
mile72

Messaggio da mile72 »

e che dire delle mamme che non riescono a fare a meno di aiutare i propri figli ...................................aiuto io e' questo che provo il grande lo vedo grande e vorrei che fosse piu' autonomo mentre la piccola la vorrei aiutare in tutto ma lei nn vuole ,che problema
Avatar utente
tati
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 11634
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da tati »

Voi dite che dipende da bambino a bambino quindi?
Noi dobbiamo solo “adeguarci” e seguirli nel migliore dei modi e basta?
Senza forzare un pochino questa vena di autonomia?

Lo dico per loro, non è più giusto che imparino comunque ad un età considerata normale( ma non so quale sia..) ?

mile72 ha scritto:e che dire delle mamme che non riescono a fare a meno di aiutare i propri figli ...................................aiuto io e' questo che provo il grande lo vedo grande e vorrei che fosse piu' autonomo mentre la piccola la vorrei aiutare in tutto ma lei nn vuole ,che problema
Questo è un esempio perfetto. La piccola si arrangia ed è autonoma e il fratellone invece no.
Non si sente meno bravo lui? Non lo so, magari la vede poi come una competizione.
Ely e Paolo sono autonomi…
mile72

Messaggio da mile72 »

Nessuna competizione magari fosse per quello renderebbe un pochino di piu' a scuola ,per i compiti vuole avere la conferma che lo stia facendo bene o solo per pigrizia vuole qualcuno che gli legga l'esercizio da svolgere , e sopratutto che gli tenga compagnia ,ti diro' che nn dispiace arrivera' il giorno che non vorra' neppure lui avere la mamma accanto ,e questo lo so succedera' molto presto e mi mancheranno i miei cuccioli quindi perche' nn aproffittarne ora ......................
Avatar utente
tati
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 11634
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da tati »

mile72 ha scritto:Nessuna competizione magari fosse per quello renderebbe un pochino di piu' a scuola ,per i compiti vuole avere la conferma che lo stia facendo bene o solo per pigrizia vuole qualcuno che gli legga l'esercizio da svolgere , e sopratutto che gli tenga compagnia ,ti diro' che nn dispiace arrivera' il giorno che non vorra' neppure lui avere la mamma accanto ,e questo lo so succedera' molto presto e mi mancheranno i miei cuccioli quindi perche' nn aproffittarne ora ......................
Su questo hai ragionissima, arriverà presto un”mamma va via” ed è meglio goderseli finché si può eheh…
Rispondi