Il metodo EASY

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
rita2

Messaggio da rita2 »

Sheireh ha scritto:Io invece credo che, UNA VOLTA ESCLUSE MOTIVAZIONI SANITARIE (reflusso, influenza, etc.), se un bambino piange molto ha qualche carenza di dialogo con chi lo accudisce.
penso esattamente la stessa cosa. I miei figli hanno sempre pianto per motivi reali, secondo me il capriccio non esiste, ma o stanno male o cercano di dirti qualcosa che tu come madre DEVI capire. Peraltro piangono raramente.



moon373

Messaggio da moon373 »

Ma poi scusate: i capricci esistono ma in bambini più grandicelli ma nei piccolissimi come si fa a parlare di capricci?
Che ne sanno loro dei capricci?
Il pianto è l'unica forma di dialogo che conoscono: Santo Dio vogliamo almeno cercare di capire PERCHE' stanno piangendo.....................o almeno provarci!

maestrina78

Messaggio da maestrina78 »

Mammatitta ha scritto:Tutti i bambini sono buoni di indole, basta sapergliela tirare fuori, non esistono bambini cattivi.



Io adoro Bernardi e l'ultima frase è tutto ciò che c'è da dire.
sì,SCUSAMI...buono non è la parola adatta...calmo,tranquillo?
Ci sono i caratteri più forti,testardi,vivaci?Direi di sì......

Tamy
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 97
Iscritto il: mar ott 20, 2009 11:02 am

Messaggio da Tamy »

Vabbè ci rinuncio...
dite tanto di Estivill che ha la presunzione di scrivere di aver trovato IL METODO...e poi vi comportate allo stesso modo...
della serie: se non fai come me se non usi IL MIO METODO allora il bambino è maltrattato, lo tratti come un oggetto ecc.ecc.
come se stessi tutto il giorno a farla piangere dalla mattina alla sera...
come se i vostri figli prima o poi non si debbano mai rassegnare a nulla...
io non capisco perchè tanto vi fa paura la parola "rassegnazione"...
il bambino non vorrebbe che la mamma stesse sempre in casa con lui? e quando va a lavorare non si rassegna al fatto che la mamma non può stare sempre con lui? ma anche se glielo spieghi 100.000 volte sarà sempre più contento di stare con te...puoi usare tutte le parole belle del mondo ma accetterà comunque di buon grado se la deve ciucciare la mamma che va al lavoro no?

boh...m che ci sarà di male poi...

Mammatitta

Messaggio da Mammatitta »

@ maestrina: E allora meritano di essere lasciati a pingere in terra e uso testuali parole "cuocere nel loro brodo"?

Mammatitta

Messaggio da Mammatitta »

Tamy ha scritto:Vabbè ci rinuncio...
dite tanto di Estivill che ha la presunzione di scrivere di aver trovato IL METODO...e poi vi comportate allo stesso modo...
della serie: se non fai come me se non usi IL MIO METODO allora il bambino è maltrattato, lo tratti come un oggetto ecc.ecc.
come se stessi tutto il giorno a farla piangere dalla mattina alla sera...
come se i vostri figli prima o poi non si debbano mai rassegnare a nulla...
io non capisco perchè tanto vi fa paura la parola "rassegnazione"...
il bambino non vorrebbe che la mamma stesse sempre in casa con lui? e quando va a lavorare non si rassegna al fatto che la mamma non può stare sempre con lui? ma anche se glielo spieghi 100.000 volte sarà sempre più contento di stare con te...puoi usare tutte le parole belle del mondo ma accetterà comunque di buon grado se la deve ciucciare la mamma che va al lavoro no?

boh...m che ci sarà di male poi...
La mamma che lavora è una necessità lasciarlo a piangere e non consolarlo perchè "così capisce" è davvero brutto invece.

Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

Tamy ha scritto: io non capisco perchè tanto vi fa paura la parola "rassegnazione"...
il bambino non vorrebbe che la mamma stesse sempre in casa con lui? e quando va a lavorare non si rassegna al fatto che la mamma non può stare sempre con lui? ma anche se glielo spieghi 100.000 volte sarà sempre più contento di stare con te...puoi usare tutte le parole belle del mondo ma accetterà comunque di buon grado se la deve ciucciare la mamma che va al lavoro..
non è mica sempre così sai?
con lorenzo abbiamo sempre parlato tanto e spiegato tutto.prima di portarlo al nido,l'abbiamo portato ai nostri posti di lavoro (fisicamente,glieli abbiamo fatti vedere,convinti che a 1 anno un bambino può capire tutto se spiegato) e non ha mai avuto alcun problema di inserimento nè crisi per andarci.
alla scuola materna ci è andato sempre volentieri.
temevamo che in questo periodo (visto che ho dovuto smettere di lavorare da un giorno all'altro per la minaccia d'aborto) avesse la crisi di cui parli tu,perchè prima lo portavo sempre io invece ora sa che sto a casa.....
gli abbiamo parlato e le mattine mi dice:-io vado a scuola e tu mamma stai a casa a riposarti,ci vediamo più tardi-

non mi sembra che sia un bambino rassegnato o infelice perchè deve andare in un posto dove la sua mamma non c'è.

Smilla

Messaggio da Smilla »

moon373 ha scritto:Ma poi scusate: i capricci esistono ma in bambini più grandicelli ma nei piccolissimi come si fa a parlare di capricci?
Che ne sanno loro dei capricci?
Il pianto è l'unica forma di dialogo che conoscono: Santo Dio vogliamo almeno cercare di capire PERCHE' stanno piangendo.....................o almeno provarci!
:bacio:

rimangono neonati per così poco tempo che almeno impegnarsi per capire cos'hanno... è il minimo

Rispondi