Il metodo EASY

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

val3nt1na ha scritto: infatti tempo fa volli parlare del coosleeping e della fascia,per avere più pareri,ma avevo apertamente detto che col primo figlio noi non li abbiamo adottati come metodi ed è andata benissimo.nessuno mi ha criticato per questo.
se però ti troverai con un figlio con fortissimo bisogno di contatto e sentirai bisogno di usarli saprai che non gli stai facendo del male limitando la sua indipendenza.

è questo che conta no?



Smilla

Messaggio da Smilla »

Ho seguito tutta la discussione e non posso far altro che quotare Lenina e Solange, cara Tamy leggendoti mi hai fatto infuriare perchè secondo me non è con la rassegnazione che si insegnano le cose ai nostri figli, anzi secondo me è l'esatto contrario poichè se gli do attenzione e gli spiego le cose prima o poi ci arrivano a capirle, ma se gli ignoro più andranno avanti e più cercheranno di attirare la nostra attenzione in maniera sempre più plateale.

moon373

Messaggio da moon373 »

lenina ha scritto: Avresti fatto quello che ritenevi meglio per tuo figlio probabilmente.

E così faccio io, e per me la cosa migliore per mio figlio non è mai piangere inutilmente.
Ah, questo è sicuro!
Sono stata molto fortunata, sai, perchè Ale era tranquillissimo!
Ma quando piangeva l'ho sempre preso in braccio senza problemi, l'ho fatto dormire molte volte con me nel lettone, anzi, ci ha dormito fino ai tre anni!
Di notte si svegliava e ci chiamava ed io con naturalezza lo adagiavo accanto a me..........................non si è mai viziato!
Ora ha 10 anni e dorme nella sua cameretta senza capricci dall'età di 4 anni!
Ripeto: io sono stata moooollllto fortunata........................

Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

lenina ha scritto:se però ti troverai con un figlio con fortissimo bisogno di contatto e sentirai bisogno di usarli saprai che non gli stai facendo del male limitando la sua indipendenza.

è questo che conta no?
infatti. cosa che prima non potevo sapere,perchè conoscevo solo la MIA esperienza.invece i bambini sono tutti diversi.

è come se in classe mia pretendessi di insegnare a tutti gli alunni con lo stesso metodo,perchè "è così che si impara e ti devi adattare".
è una gran sciocchezza. e i genitori sono i primi a pretendere che la maestra si adatti ai bisogni del loro bambino.

e perchè una mamma non dovrebbe adattarsi ai bisogni del SUO bambino?

moon373

Messaggio da moon373 »

Tamy ha scritto:Viviamo su due pianeti completamente diversi, comunque è anche bello leggere posizioni differenti dalle proprie...
io sinceramente sia Viola che Anita le ho lasciate piangere anche da neonate...Anita la lasciavo piangere ad esempio perchè pretendeva il latte ad un orario che non andava bene e allora la lasciavo frignare e amen...
L'altra sera abbiamo cenato con Anita che sbraitava nel seggiolone...motivo? Voleva venirmi in braccio...
ma sinceramente di mangiare con lei in braccio non mi andava e se ne è rimasta sul seggiolone a urlare a squarciagola...poi dopo un quarto d'ora abbondante ha capito l'andazzo e si è rassegnata a mangiare da sola lì...
secondo me non sempre così sbagliato che i bambini si rassegnino....devono pur capire che certe cose non si fanno no?
e quando sono grandi che vogliono il gormito o la winx e te non gliela puoi prendere e glielo spieghi con le buone e loro manco ti filano e si buttano per terra a mo' di crisi isterica, hai voglia te a sta lì a consolarli e a dialogarci....lo lasci nel suo brodo finchè non si stufa...
o meglio, io faccio così...
.................E secondo te una neonata fa i capricci?
Aver bisogno del contatto con la mamma è un vezzo trascurabile?
Tu quando hai fame cosa fai?
Guardi l'orologio e se non è l'ora di pranzo o di cena ti tieni il languore?
Perchè un bambino deve seguire per forza delle regole? Dove sta scritto che farlo disperare è un buon sistema per aiutarlo a capire?
Capire cosa poi?
Che mamma è mamma a orari diversi?

Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

GiuliaMastrorosa ha scritto:madonna non riuscirei mai ad applicarlo.. io non so come abbiano fatto le mie amiche che c'hanno provato ed hanno ottenuto risultati... sentirli piangere e disperarsi fino a crollare, ho i brividi :eeeeeeeeeee.
ma chi l'ha detto che con quel metodo tutti hanno ottenuto dei risultati?
i nostri amici l'hanno provato,con noi presenti (solo una volta,poi non siamo più andati da loro a cena:mangiare con una radiolina che ti fa sentire le urla di un bambino per mezzora e devi pure far finta di niente,mi dispiace non ce la faccio)
hanno provato per varie settimane.

niente da fare.ora hanno due bambini molto "lettosi" e hanno capito che sono fatti così,da quando si sono adeguati ai loro caratteri stanno tutti molto meglio!!!

e sono ricominciate le cene!!!! :cisssss:

Mammatitta

Messaggio da Mammatitta »

Tamy ha scritto:Viviamo su due pianeti completamente diversi, comunque è anche bello leggere posizioni differenti dalle proprie...
io sinceramente sia Viola che Anita le ho lasciate piangere anche da neonate...Anita la lasciavo piangere ad esempio perchè pretendeva il latte ad un orario che non andava bene e allora la lasciavo frignare e amen...
L'altra sera abbiamo cenato con Anita che sbraitava nel seggiolone...motivo? Voleva venirmi in braccio...
ma sinceramente di mangiare con lei in braccio non mi andava e se ne è rimasta sul seggiolone a urlare a squarciagola...poi dopo un quarto d'ora abbondante ha capito l'andazzo e si è rassegnata a mangiare da sola lì...
secondo me non sempre così sbagliato che i bambini si rassegnino....devono pur capire che certe cose non si fanno no?
e quando sono grandi che vogliono il gormito o la winx e te non gliela puoi prendere e glielo spieghi con le buone e loro manco ti filano e si buttano per terra a mo' di crisi isterica, hai voglia te a sta lì a consolarli e a dialogarci....lo lasci nel suo brodo finchè non si stufa...
o meglio, io faccio così...
Dire di no ad una winx, NON è assolutamente sullo stesso piano di lasciar piangere un neonato ed ogni volta che sento certe cose resto così :occhiodibue: e non ho altro da aggiungere.

Anzi si, la rassegnazione è una cosa orribile e deleteria per un adulto cosciente figuriamoci per un neonato o un bimbetto che piange solo perchè vuole la sua mamma...mamma mia che capriccio orribile !

Ed ora chiudo davvero perchè venire qui mi fa male.

Tamy
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 97
Iscritto il: mar ott 20, 2009 11:02 am

Messaggio da Tamy »

Se vi ho fatto rabbrividire o infuriare mi spiace...io dico la verità...di certo non sono una mamma modello e mai ho detto di esserlo, ognuna di noi fa quello che pensa sia giusto per sè e per il proprio bambino...
al momento nessuna delle mie figlie ha turbe psichiche quindi direi che ciò che sto facendo non è poi così mostruoso...
se voi riuscite tutte le sacrosante volte a ragionare con i vostri figli, se riuscite a non farli mai piangere,se riuscite a dormire due anni con un bimbo attaccato al collo e passare gran parte della giornata con un bimbo attaccato alla tetta, e se riuscite a capire cosa è meglio o peggio per lui....oh buon per voi!

Rispondi