Ma il nido è indispensabile?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

caterina ha scritto:Io adesso lego le tube alla mia migliore amica, così sua madre l'anno prossimo può tenermi ancora la Kily, ecco!!!
Sto 3d mi ha fatto venire l'ansia!
Ma quando calcoli di mandarla Rachele all'asilo?
Perchè dopo l'anno quasi tutti i bimbi reagiscono bene eh.
Se la tua amica la bimba deve ancora concepirla direi che hai tempo no? :cisssss:


Loredana70

Messaggio da Loredana70 »

Ho letto piu' o meno tutti gli interventi di questa discussione ed e' la prima che leggo visto che mi sono iscritta da poco, ma il titolo mi ha colpita perche' io ho una bimba Angelica di 2 anni compiuti a fine settembre. Con mio marito abbiamo deciso che a 2 anni l'avremmo mandata al nido, per mezza giornata (dalle 9.00 alle 12.30) anche se io non lavoro, perche' ho visto che ha la necessita' di stimoli sempre nuovi, e perche' pensavo che essendo figlia unica le facesse bene relazionarsi con altri bimbi e imparare a condividere. Tutti i buoni propositi e le motivazioni che avevo si sono riscontrati con una realta' che non avevo preso in considerazione: mi spiego, abbiamo iniziato l'inserimento a fine agosto con un po' di difficolta', il distacco le pesava.. siamo riuscite dopo qualche settimana ad avere una situazione non proprio tranquilla ma quanto meno piangeva solo all'ingresso. Verso la fine di settembre si e' ammalata, tosse raffreddore febbre e da allora ha avuto ben 4 ricadute. Quindi si ristabiliva, andava qualche giorno e patatrac, di nuove febbre, inappetenza ecc ecc. Ora visto che io ho lasciato il lavoro per lei con mio marito abbiamo deciso di rinunciare per quest'anno e la manderemo direttamente alla materna perche' questo continuo stillicidio, che a detta della pediatra e' normale, non fa bene alle nostre tasche ma soprattutto a lei che ogni volta deve riabituarsi a quella situazione. Scusate se sono andata un po' in OT ma tornando al tema, io penso che non sia indispensabile ma puo' essere un arricchimento se vissuto come una bella avventura
Mokina

Messaggio da Mokina »

Questa sicuramente è un'importante controindicazione del nido!!! Purtroppo il primo anno tutti si ammalano molto spesso, ecco perchè credo sia meglio, se si può, rimandarlo il più possibile. Quando sono grandi anche il loro fisico reagisce con più energia alle febbri stagionali!
Avatar utente
nove
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3106
Iscritto il: lun ago 20, 2007 4:06 pm

Messaggio da nove »

Secondo me il nido non è indispensabile, se i genitori lavorano e possono contare su qualcuno. L'unica cosa secondo me è che dai 2 anni in su è bene che imparino a stare coi coetanei. Marco era figlio unico e stava sempre coi nonni; per aiutarlo a socializzare imponevo al nonno di portarlo al parco e una volta o due la settimana andavamo al centro gioco del comune, pagando una cifra molto politica, e stavamo tutti insieme, bimbi, genitori ed educatrici. Un'ottima esperienza. Che però è stata tagliata per mancanza di fondi e non potrò ripetere col secondogenito.
Son sempre i migliori quelli che se ne vanno...
ErikaeGaia

Messaggio da ErikaeGaia »

io personalmente per il nido non sono favorevole affatto....
se avessi dovuto lavorare avrei evitato di avere un figlio....se ddecido di averlo....lo voglio vivere....averlo con me!!!!!
Mia figlia andra' all'asilo....poi qui da noi il nido non e' una gran cosa....si sentono cose allucinanti!!!!!!
no no...mia figlia sta con me....fino ai 3 anni hanno assolutamente bisogno piu di tutto di mamma e papa'!
Mila71
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 20
Iscritto il: mer ago 19, 2009 2:41 am

La mia opinione.....

Messaggio da Mila71 »

Io credo che l'asilo nido non sia necessario se il / la bimbo/a può rimanere con un genitore o un parente in grado di prendersene cura, anche perchè si sa che andare al nido comporta anche " prendere" più raffreddori e influenze dei bimbi che non ci vanno e questo non lo dico io ma tutti i pediatri o quasi....certo se per i genitori è necessario mandare il figlio per motivi lavorativi ben venga il nido!
Avatar utente
val3nt1na
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7170
Iscritto il: mer ago 05, 2009 7:05 pm

Messaggio da val3nt1na »

per le nostre convinzioni,il nido non è "necessario",ma caldamente raccomandato.
quando lori era piccolo,eravamo convinti di non fare più figli:questo motivo aggiunto al fatto che conoscendo mia suocera l'avrebbe viziato molto( anche a detta di mio marito) ci convinsero a mandarlo al nido all'età di 1 anno.
siamo stati entusiasti del percorso fatto,sia come maturazione emotiva di lorenzo,sia per l'attenzione rivolta ai bisogni dei genitori.possiamo dire che è stato un "nido" anche per noi!!!
siamo stati fortunati,le sue dade sono molto preparate oltre ad essere persone fantastiche,ancora adesso ci vengono a trovare.
per le malattie:certo i primi mesi si è ammalato,ma ha fatto gli anticorpi-poi alla materna non ha saltato UN giorno per malattia.questo per dire che prima o poi si devono ammalare.
se confronto i progressi ottenuti al nido con quelli della materna,vincono i primi senza dubbio.ma questo anche perchè alla materna siamo stati sfortunati con le maestre.
quindi penso che una variabile importante sia quella relativa alle persone che ci lavorano.
sicuramente è una scelta che faremo anche per il secondo figlio,senza alcun dubbio.
Monica06

Messaggio da Monica06 »

Io mamma lavoratrice ho mandato la mia bimba al nido a 20 mesi.
Splendida esperienza per entrambe!!
quindi sono per il SI!!
Lupina ha espresso esattamente ciò che penso.
Lupina ha scritto:Io invece sono una sostenitrice del sì. Ma solo dai 18 mesi in poi, o a raggiungimento di una buona capacità manuale e deambulatoria.
Le teorie di Piaget che sostenevano l'egocentrismo del bambino e la mancata socializzazione sono state per fortuna superate, i nidi moderni non sono luoghi dove i bambini vengono "sorvegliati" ma sono spazi in cui veramente possono esprimersi in sicurezza, trovando un mondo ad altezza loro. Ed imparano un sacco di cose, ve lo assicuro.
Imparano a stare a tavola, a condividere gli spazi, a confrontarsi con gli altri (a botte e spintoni, a volte, ma vi assicuro che è una forma comunicativa necessaria a quell'età, e serve per l'affermazione del se'). Imparano anche che, se in certi luoghi vige la regola del privilegio perchè si è il più piccolo, in ambienti dove tutti sono piccoli come te ci si deve adattare giocoforza alla democrazia.
Io sono molto grata al nido che ha frequentato mio figlio, che gli ha permesso di essere un bambino attivo e solare ed aperto agli altri. Sono sicura che senza sarebbe stato più difficile.
Rispondi