Ma il nido è indispensabile?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Mokina

Messaggio da Mokina »

Non ho potuto leggere tutti gli interventi, ma vorrei comunque dire la mia :lol: Il nido è una necessità secondo me! La materna ha tutto un altro senso: dai tre anni in poi i bambini hanno bisogno di stare con gli altri bambini, a casa si annoiano a lungo andare e ricevono pochi stimoli per crescere, imparare e socializzare. Ma fino a quell'età, o comunque fino ai due anni, sono convinta che il rapporto madre figlio sia insostituibile, che niente di meglio ci possa essere per entrambi che stare insieme il più possibile. Quindi, POTENDO SCEGLIERE, tenerli a casa con noi fino ai due anni e mezzo sarebbe la cosa migliore!



Avatar utente
la eli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5046
Iscritto il: lun set 28, 2009 12:03 pm
Contatta:

Messaggio da la eli »

Sono d'accordo con Mokina e come lei non ho letto tutti gli altri interventi :red: .

Parte del mio lavoro era incentrata sulla progettazione e l'organizzazione degli asili nido, quindi so bene come funzionano, quanta professionalità è richiesta alle educatrici e alle dade, e quanto è delicato il lavoro educativo che vi svolge.

detto questo, anch'io considero il nido solo in caso di necessità, ossia se la madre deve tornare a lavorare.
Io ho la fortuna di fare solo la madre e quindi ho cresciuto Tommy e crescerò Linda tutti i giorni 24 su 24 fino all'ingresso alla materna.

ma stare a casa con la mamma non significa necessariamente essere privati di stimoli, attività educative, di socializzazione, ecc.
Oltre alle normali attività che si svolgono a casa nelle quali si deve coinvolgere il piccolo non appena mostra interesse prendendole come spunto per fare qualcosa di educativo (es. giocare con la farina mentre la mamma prepara la pasta, apparecchiare insieme, giocare a fare la spesa con il proprio carrelino al supermercato, ecc) ci sono svariate attività educative-ricreative che si possono fare a casa: la pasta di sale, il gioco dei travasi, la torre di pentole, il cestone dei giochi casalinghi, usare i colori a dita, gli acquerelli... ognuna di queste attività è fonte di esperienze nuove e di insegnamento come le attività che vengono proposte al nido, anche se quelle casalinghe sono meno strutturate.
E per quanto riguarda la socializzazione, fino ai tre anni basta andare ai giardinetti, uscire con amici che abbiano figli, partecipare a feste dedicate ai bimbi, ecc.

A riprova di quanto detto, all'ingresso alla materna, Tommy non ha avuto alcun tipo di problema, anzi, posso dirlo???? La maestra mi ha detto sottovoce "Fossero tutti come Tommy!" :ehehe:

Chloe83

Messaggio da Chloe83 »

Leggervi è un balsamo. Non perchè volessi sentirmi dare ragione, ma perchè mi sento compresa, e un pochetto risarcita della sottile colpevolizzazione che avevo avvertito ieri, nella sala d'attesa dal pediatra.

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

la eli ha scritto: ma stare a casa con la mamma non significa necessariamente essere privati di stimoli, attività educative, di socializzazione, ecc.
Oltre alle normali attività che si svolgono a casa nelle quali si deve coinvolgere il piccolo non appena mostra interesse prendendole come spunto per fare qualcosa di educativo (es. giocare con la farina mentre la mamma prepara la pasta, apparecchiare insieme, giocare a fare la spesa con il proprio carrelino al supermercato, ecc) ci sono svariate attività educative-ricreative che si possono fare a casa: la pasta di sale, il gioco dei travasi, la torre di pentole, il cestone dei giochi casalinghi, usare i colori a dita, gli acquerelli... ognuna di queste attività è fonte di esperienze nuove e di insegnamento come le attività che vengono proposte al nido, anche se quelle casalinghe sono meno strutturate.
E per quanto riguarda la socializzazione, fino ai tre anni basta andare ai giardinetti, uscire con amici che abbiano figli, partecipare a feste dedicate ai bimbi, ecc.

A riprova di quanto detto, all'ingresso alla materna, Tommy non ha avuto alcun tipo di problema, anzi, posso dirlo???? La maestra mi ha detto sottovoce "Fossero tutti come Tommy!" :ehehe:
Ecco quoto questo perché io con Irene ho avuto la stessa esperienza, ovvero le ho fatto fare tante attività casalinghe, l'ho tenuta con me cercando di farle frequentare bimbi ogni volta che fosse possibile.. tra l'altro avevo intorno una schiera di gufi che pronosticavano una sua sicura difficoltà a staccarsi da me mentre invece non ha avuto problemi all'ingresso a scuola ed è andata sempre contenta come una pasqua.
Speriamo bene per Damiano, il punto è che se per farli inserire bene alla materna devi farli piangere prima, non è che cambi molto... insomma non mi pare un motivo a favore del nido, un eventuale inserimento più semplice alla scuola dell'infanzia (se anche fosse).

Avatar utente
Alessia M.
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7233
Iscritto il: gio gen 17, 2008 4:27 pm

Messaggio da Alessia M. »

Non riesco a leggere tutti gli interventi quindi scusami se magari ripeterò cose già dette...

Intanto resto basita nel leggere che "ai bimbi fa male stare sempre con la mamma", davvero ad una che mi dice così io tirerei in faccia un pugno di quelli che poi non ti ricordi nemmeno come ti chiami! Tanto più che parli di bimbi di 6-12mesi!!

Con questo non voglio dire che aborro il nido, assolutamente no!
Penso che il nido sia una risorsa per i genitori che lavorano e che hanno necessità di lasciare i figli fin da piccoli (non potendo "usufruire" dei nonni), ma penso anche che molto (tutto) dipenda dai bimbi stessi.

Ti posso portare la mia esperienza che è quella di avere una bimba che cerca gli altri bambini, Adele quando siamo in giro saluta tutti i passeggini che incontra e ride a tutti quelli che reputa bambini (anche se magari hanno 12 anni!!)...
Ecco io a vederla così la voglia di mandarla al nido ce l'ho, ma per me non c'è una regola rigida.

Dipende anche molto dalle realtà territoriali, io ho fatto alcune supplenze nei nidi qui e ti devo dire che sono rimasta delusa dalle sezioni lattanti in cui i bambini sono un po' lasciati a se stessi, nelle sezioni dei più grandi "lavorano" ed imparano un sacco di cose.

Per cui molto dipende anche dall'età...

Per quanto riguarda la scuola dell'infanzia per me dovrebbe essere obbligatoria, è propedeutica a quella prima ed è molto importante per i bambini.

Avatar utente
Scrj
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4347
Iscritto il: lun set 22, 2008 10:16 am

Messaggio da Scrj »

Mi sono riletta tutto il post e i miei interventi.
Credo di essermi davvero spiegata male (me ne scuso, ero al lavoro e mi interrompevano ogni secondo...sti cafonazzi :cisssss: ) e mi spiacerebbe passare per la stronza che crede di fare un figlio, non giocarci mai e parcheggiarlo al nido prima possibile.
Mi rendo conto che ho problemi con i dialoghi scritti, ma giuro che oralmente non sono così un disastro.
Ma davvero ci tengo a non passare per la stronza che non sono.
Spero negli ultimi interventi di aver chiarito un po' la mia posizione che è essenzialmente quella di Lupina, nido sì, non a 6 mesi se possibile ma dopo i 12-18 mesi perchè no.
E con il fatto del gioco volevo intendere che a volte vedo le mie nipoti che vivono il gioco dei genitori o degli zii (io, per esempio) come una "costrizione", nel senso che le vedo molto più interessate ad interagire tra bambini che non con gli adulti.
Da li le mie considerazioni ma, e qui mi riferisco soprattutto a Chloe, non pensare che io non sia una giocherellona e pure un po' "cazzona".
Proprio ieri mattina cercavo di studiarmi un modo per rendere la domenica sera, che mangiamo la pizza fatta in casa tutti insieme, più divertente per i miei nipoti e pensavo a come poter inventare una pizza per loro (tipo fare la pizza "faccia" , con gli occhi con i pomodorini, la bocca con i wurstel , il naso con le olive e le guance con pezzi di prosciutto...)
Ma tenete sempre ben presente che io parlo da NON MAMMA.
Chi mi può garantire che una volta che avrò dei figli i miei pensieri resteranno gli stessi?
Chi poteva garantire che la Cate avrebbe cosleeppato?
Io parlo sulla base di esperienze che ho vissuto io e sulle quali ho fatto una mia personale
riflessione.
E ci tengo a sottolineare, da non mamma.
Fra qualche anno ci aggiorneremo (sperando che voi non stiate festeggiando i 18 anni dei vostri figli e io sia ancora qui a cercare!! :-)) ), ok?
Sono stata un po' più chiara?
Sono meno un mostro? ;-)

Chloe83

Messaggio da Chloe83 »

Scrj ha scritto: Fra qualche anno ci aggiorneremo (sperando che voi non stiate festeggiando i 18 anni dei vostri figli e io sia ancora qui a cercare!! :-)) ), ok?
Sono stata un po' più chiara?
Sono meno un mostro? ;-)
No Scrj, non eri mostro neppure prima, a prescindere da possibili divergenze. Sai che scatole esser tutti uguali? Sarebbe bello riuscire sempre ad esprimere idee diverse senza mettersi sulla difensiva da un lato e dall'altro, ma a volte la parola scritta non aiuta in questo.
Può darsi che le tue idee educative cambino anche radicalmente alla prova dei fatti (a me è successo, mi sono scoperta un tipo di mamma molto diverso da quello che credevo sarei stata durante la ricerca della gravidanza), può darsi anche di no, chissà.
Ce lo racconterai, ok? Presto, ti auguro, molto presto!! (so che l'attesa dell'attesa è... duretta :marika: )

Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Io adesso lego le tube alla mia migliore amica, così sua madre l'anno prossimo può tenermi ancora la Kily, ecco!!!
Sto 3d mi ha fatto venire l'ansia!

Rispondi