Ma il nido è indispensabile?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
Titty
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7884
Iscritto il: mer set 16, 2009 10:46 am

Messaggio da Titty »

Cos73 ha scritto:su questo non sono d'accordo, poi può anche darsi che abbiano meno timore degli altri, ad esempio degli altri bimbi, ma è solo una cosa momentanea perché poi alla materna si pareggiano

Nido meglio della nonna? non so, ci saranno i pro e i contro ma credo che stare con una persona a loro dedicata e che li ama, in un'età in cui non sono ancora portati alla socializzazione con altri bimbi, e son naturalmente egocentrici, non possa danneggiarli, tu diresti questo?
no, no, non volevo dire che il nido è meglio dei nonni, mi sono spiegata male io forse!

Io sono a "favorissimo" dei nonni!!! ma non a tempo pieno...tutto qui.

volevo semplicemente dire che la sua bimba sempre tutto il giorno con la nonna dalla mattina alla sera...potrebbe aver paura del mondo esterno.

Posso anche sbagliare èh!!!

siete voi le più esperte qui dentro..... :ehehe:


Avatar utente
Scrj
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4347
Iscritto il: lun set 22, 2008 10:16 am

Messaggio da Scrj »

Cos73 ha scritto:secondo me invece non è così importante a uno/due anni, a due e passa potrebbe essere importante per alcuni, a tre/quattro per tutti!
Dici? Boh...sarà.
Probabilmente cambierò idea quando sarò mamma (non lo escludo affatto, anzi!).
Avatar utente
Solange
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 9213
Iscritto il: mar nov 06, 2007 3:18 pm
Contatta:

Messaggio da Solange »

Scrj ha scritto:Cos ma quando è l'età giusta?
Io vedo mia nipote che ha 9 mesi e gattona che appena vede sua sorella con le amichette o i cuginetti ci si fionda in mezzo per stare con loro.
Nove mesi.
Sta li si siede e li osserva, li riempie di sorrisini e bababab e guai a smoverla da li.
Preferisce davvero loro a un gioco proposto da sua madre per non rompere la sorellina maggiore che ha voglia di stare da sola con le amichette.
Certo, i bimbi adorano emulare e sono molto incuriositi da altri bambini. Anche Sveva se vede un bambino, più piccolo o più grande che sia vuole toccarlo, accarezzarlo ma non in quanto bambino secondo me, lo fa anche con gli adulti. Lo fa in quanto appartenente alla sua specie, un segno di riconoscimento credo.. Le scimmie fanno lo stesso eh? Ma il punto di riferimento principale è comunque la mamma (o la persona che se ne prende cura prevalentemente).
Per questo è giusto comunque che possano confrontarsi con altri bambini e sicuramente a loro piace farlo per un po', (dopo un po' perdono interesse) ma non è un bisogno.

Poi sai, è vero che magari i bimbi del nido sono più svegli ma seondo me è anche un po' perchè devono essrelo.

Per dire, ora Sveva si gira a pancia in giù ma poi non sa fare la strada "al contrario". Mugugna un po' e prova ma se vedo che si innervosisce la prendo e la giro.
Al nido se l'educatrice sta magari consolando un caso più "grave" o sta cambiando un bambino o chessò io magari dovrebbe arrivare a piangere proprio e alla fine imparerebbe ad arrangiarsi.
Ma io in questo non vedo alcuna utilità, davvero.

Quindi se proprio fosse non prima dei 18 mesi di sicuro.
Avatar utente
Solange
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 9213
Iscritto il: mar nov 06, 2007 3:18 pm
Contatta:

Messaggio da Solange »

Cos73 ha scritto:secondo me invece non è così importante a uno/due anni, a due e passa potrebbe essere importante per alcuni, a tre/quattro per tutti!
Lo penso anche io.
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Scrj ha scritto:Cos ma quando è l'età giusta?
Io vedo mia nipote che ha 9 mesi e gattona che appena vede sua sorella con le amichette o i cuginetti ci si fionda in mezzo per stare con loro.
Nove mesi.
Sta li si siede e li osserva, li riempie di sorrisini e bababab e guai a smoverla da li.
Preferisce davvero loro a un gioco proposto da sua madre per non rompere la sorellina maggiore che ha voglia di stare da sola con le amichette.
anche Damiano si infiltrava fin da piccolo, poi però se si faceva male o ci restava male per qualcosa mi cercava subito!
e poi magari col coetaneo si litigano solo il gioco e ognuno va per conto suo!
Il punto è: a casa manca il coetaneo, di solito... ma all'asilo manca una presenza materna tutta per te.
Per me a 9 mesi questa presenza sarebbe ancora importante, più del contatto quotidiano coi coetanei (non a caso i 9 mesi sono l'età tipica dell'ansia da abbandono), poi con l'età (e soggettivamente) sono pronti, in modo graduale, a fare più spazio a una cosa e meno all'altra.

Parlando dell'ottimale, probabilmente intorno ai due anni qualche ora in una ludoteca o simili, in cui siano molto seguiti ma possano stare coi bimbi e facciano qualche attività adatta, ci starebbe bene!

Ma stiamo rispondendo alla domanda "è indispensabile il nido"?
secondo me no.
Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

C'erano bambini al nido di mio figlio, che avrebbero preferito essere all'inferno piuttosto che lì dove si trovavano. Uno in particolare, Andrea, ha avuto un inserimento record di tre mesi. Alla fine dei quali la mamma si è licenziata dal lavoro, per disperazione. Perchè Andrea di stare al nido non ne voleva sapere, ed era capace di piangere per sette ore consecutive, strapparsi i capelli, vomitare. Ed aveva solo due anni.

Ora, è chiaro che Andrea non era un bambino da nido. Il perchè, mi pare evidente.
Mio figlio era invece bambino adatto, l'inserimento è durato un quarto d'ora, dopodichè sono stata scacciata con il gesto della mano, accompagnato dal "vai, mamma, vai!"
Andrea lo abbiamo ritrovato adesso alla materna, è lo stesso bambino di prima. Solo che non piange più se non per qualche minuto quando viene lasciato, ma è un temperamento molto dolce e timido, e forse è comprensibile. E comunque, si lascia coinvolgere nei giochi, e fino alle 16.00 alla mamma non pensa più.
Questo per dire che ci sono bambini che sono immediatamente pronti a stare con gli altri, altri invece che ci mettono un po' di più.
Prima o poi alla socialità ci si arriva sempre.
Anche se purtroppo devo ammettere che, già tra i treenni, c'è chi ci arriva davvero molto male.
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

mamititty ha scritto:no, no, non volevo dire che il nido è meglio dei nonni, mi sono spiegata male io forse!

Io sono a "favorissimo" dei nonni!!! ma non a tempo pieno...tutto qui.

volevo semplicemente dire che la sua bimba sempre tutto il giorno con la nonna dalla mattina alla sera...potrebbe aver paura del mondo esterno.

Posso anche sbagliare èh!!!

siete voi le più esperte qui dentro..... :ehehe:
ma si potrebbe essere, anche perché talvolta i nonni non si preoccupano più di tanto di creare occasioni di incontro e esperienze varie, li tengono in casa mente fanno le loro faccende perché non si scostano dalle loro abitudini... in effetti secondo me spesso è così (non sempre).
Però poi arriva la materna, forse all'inizio avranno qualche problemuccio (o forse no) ma alla fine saranno allineati agli altri quanto a capacità di stare con gli altri bimbi.
Avatar utente
Rita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 267
Iscritto il: mer ott 28, 2009 8:38 am

Messaggio da Rita »

Io non ho mai mandato i miei figli al nido,
All'asilo si certamente, a tre anni per socializzare con gli altri bambini.
Ho letto molti libri in proposito, uno di una pedagogista con cinque figli che affermava che i bambini hanno bisogno della figura materna per i primi tre anni, di un punto di riferimento stabile.
Ma il mio e' un giudizio di parte, perche' da piccola ho sofferto molto per il fatto che mia madre usciva la mattina presto per andare a lavorare.
Quindi ho fatto il possibile per stargli vicino, con tanti sacrifici ma con tanto amore...


Rispondi