Ma il nido è indispensabile?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Chloe83 ha scritto:Me lo chiedo sempre, quando mi imbatto (dal pediatra, di solito) in mamme sostenitrici di questa teoria. E sono alle volte mamme non lavoratrici, quindi il nido è per loro una scelta d'elezione, non obbligata.
Secondo loro, il nido è essenziale. Il bambino senza nido è deprivato perchè "a casa non farà mai esperienze così arricchenti" (voi mamme "nidanti" confermate? Ma che gli fanno fare?), serve "a socializzare" (ma a me risultava che prima dei 3 anni i bambini, anche per via del loro normalissimo egocentrismo, siano portati a socializzare poco, tant'è che prima di quell'età anche messi assieme ad altri bimbi, privilegino il gioco parallelo), che serve "ad avere tempo per se stesse" (ma io mi sento bene così).
Io l'idea del nido non l'avevo nemmeno presa in considerazione... oltretutto da bambina lo odiavo... ma quando l'ho detto mi hanno fatto gli occhiacci, una mi ha detto che "non fa bene ai bambini stare sempre con la mamma".
Hanno ragione? Fa male, a mia figlia, non essere mandata al nido? (ovvimente non ora, loro parlavano di bimbi di almeno 6 mesi, meglio un anno). E' da madri degeneri pensare di mandarla, casomai, alla materna, giusto perchè poi non sia troppo duro l'impatto con le elementari? Davvero le tolgo qualcosa?
Mi aiutate a rifletterci un pò su?

Io prima di essere mamma era molto a favore del nido, dopo l'ho riconsiderato come una cosa spesso necessaria, non negativa ma credo comunque che l'ottimale per un bimbo fino a tre anni o quasi sia stare con la mamma, possibilmente, o con un'altra persona affettivamente legata.
Non credo proprio che manchi qualcosa a chi non fa il nido, c'è tutto il tempo di fare esperienze di vario tipo alla materna e comunque io ho cercato di creare un ambiente stimolante in casa per quanto ho potuto, e occasioni di incontro con altri bimbi.
Poi gli stimoli in ambito familiare non è che non ci sono, sono diversi (c'è più interazione con gli adulti e a tu per tu, con gli animali di casa, con parenti e conoscenti, si va in giro, si partecipa alle attività casalinghe) e chi dice che a un bimbo che va al nido molte ore al giorno non manchino quelli invece? (beh certo se una mamma sta tutto il giorno a far pulizie con la tv accesa, il bimbo forse starebbe meglio al nido)
Ora poi c'è tutta quest'ansia del farli "socializzare" ma è vero che fino a una certa età è inutile... e bisognerebbe anche che i genitori accettassero l'idea che non tutti nascono leader e trascinatori, nido o non nido, e che non è detto che facendoli stare prima con gli altri siano più spigliati dopo.

AH per quello che diceva Lupina: Irene un po' seguiva i lavori di casa, ad esempio stendendo i panni giocava coi ganci o con un catino di stracci, poi ha imparato a passarmi la roba, mentre ero in cucina lei giocava con le ciotole di plastica portandole avanti e indietro dalla sala... e quel che non potevo fare con lei lo facevo quando c'era Luca.
Damiano è d'altro genere, ma con lui non funzionano molto nemmeno farina, pasta, riso, colori, potrebbe interessargli il nido in quanto spazio in cui fare avanti e indietro magari ah ah ah ma forse si annoierebbe senza le cose pericolose che ci sono in casa! ah ah ahah ah


Avatar utente
caterina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17805
Iscritto il: ven feb 22, 2008 10:55 am
Contatta:

Messaggio da caterina »

Comunque, se fosse indispesabile sarebbe scuola dell'obbligo, no?
Il fatto che non lo sia, significa non solo che non è indispensabile, ma che è considerato un LUSSO, visti i cazzo di costi...
Avatar utente
Titty
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7884
Iscritto il: mer set 16, 2009 10:46 am

Messaggio da Titty »

Chloe83 ha scritto:Me lo chiedo sempre, quando mi imbatto (dal pediatra, di solito) in mamme sostenitrici di questa teoria. E sono alle volte mamme non lavoratrici, quindi il nido è per loro una scelta d'elezione, non obbligata.
Secondo loro, il nido è essenziale. Il bambino senza nido è deprivato perchè "a casa non farà mai esperienze così arricchenti" (voi mamme "nidanti" confermate? Ma che gli fanno fare?), serve "a socializzare" (ma a me risultava che prima dei 3 anni i bambini, anche per via del loro normalissimo egocentrismo, siano portati a socializzare poco, tant'è che prima di quell'età anche messi assieme ad altri bimbi, privilegino il gioco parallelo), che serve "ad avere tempo per se stesse" (ma io mi sento bene così).
Io l'idea del nido non l'avevo nemmeno presa in considerazione... oltretutto da bambina lo odiavo... ma quando l'ho detto mi hanno fatto gli occhiacci, una mi ha detto che "non fa bene ai bambini stare sempre con la mamma".
Hanno ragione? Fa male, a mia figlia, non essere mandata al nido? (ovvimente non ora, loro parlavano di bimbi di almeno 6 mesi, meglio un anno). E' da madri degeneri pensare di mandarla, casomai, alla materna, giusto perchè poi non sia troppo duro l'impatto con le elementari? Davvero le tolgo qualcosa?
Mi aiutate a rifletterci un pò su?
premetto non ho letto tutte le risposte e parto dal post iniziale...

Si, secondo il mio punto di vista è indispensabile dopo l'anno di età.
io ho potuto godere del mio cucciolo fino ai 10 mesi poi ho ripreso a lavorare e sinceramente anche se fossi a casa tutto il giorno, mezza giornata ce lo manderei.

è giusto che socializzi e interagisca con altri bambini e altri giochi che non sono i suoi.

Io vedo la differenza della bimba di una mia amica stà con la nonna tutto il giorno fino alle 18.
è una bimba che ha paura di tutto, ok può essere un fattore caratteriale ma secondo me influisce anche il fattore nido.
Chloe83

Messaggio da Chloe83 »

Scrj ha scritto:Ah ho capito, perchè ho detto che vogliono fare i piccoli?
non è vero?
mica è una critica, ho detto che a volte IO mi ci rompevo le palle A VOLTE.
Con questo non dico che non i miei figli non ci giocherò, anzi, ma se loro hanno bisogno di altri bambini non imporrò a tutti i costi la mia presenza SEMPRE.

No, non è vero che un adulto che gioca (con un bambino, con un altro adulto, da solo...) sta scimmiottando un piccolo. Giocare vivaddio fa un gran bene a qualunque età.
Sull'imporre a tutti costi la mia presenza... :occhiodibue: a parte che esser madri presenti non mi pare brutto, ma comunque, è proprio ciò che mi sto preoocupando di non fare... ma siccome mia figlia non potrà immaginare da sola che il nido esiste, prima di una certa età, bisogna che prima scelga io: o le impongo il nido, o le impongo me.
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Scrj ha scritto:Ovvio che del periodo di quando ero piccolissima non mi ricordo nulla.
Ma giuro che ho tantissimi ricordi di quando ero un po' più grandicella, e sono bellissimi.
Ricordo perfettamente la maestra Malvina che aveva registrato la cantilena "mara mangia, mangia mara" per farmi mangiare, la bidella che ogni volta che entravo mi faceva una carezza.
Ho tantissimi ricordi positivi
come altri ne avranno dolci e positivi dei nonni o della mamma o della baby sitter, no?

Scrj ha scritto: E che giudizio avrei dato?
E all'asilo e alla scuola materna ci andavo volentierissimo.
Hai fatto una domanda ti ho dato un mio punto di vista da persona che è andata al nido.
Se non era ciò che volevi sentirti dire ascolta le altre.

Anche io andavo volentierissimo alla materna e in più avevo anche amiche quasi coetanee vicine di casa con cui stavo quasi sempre, però ti dirò che invece a me il genitore che cerca di creare occasioni di svago insieme sarebbe piaciuto (e non l'ho avuto) e credo ad esempio che dei giochi con Luca Irene e Damiano conserveranno un bellissimo ricordo, a giudicare da come si divertono e da come lo cercano!
Avatar utente
Scrj
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4347
Iscritto il: lun set 22, 2008 10:16 am

Messaggio da Scrj »

Solange ha scritto:e chi ha parlato di IMPORRE la propria presenza? mi pare che stiamo andando un po' fuori dal somentato.
Per un figlio la presenza della madre (fino a una certa età), non è un'imposizione.
Lo diventa a voler fare le chiocce e quando ci sia un attaccamento morboso ma non mi pare sia il caso di Chloe.
Probabilmente sono andata troppo avanti con le età, in effetti.
Pensavo a bimbi più grandi.
Io preferivo davvero stare con gli altri bambini a volte, perchè mi mancava in casa la presenza di un mio pari.
Ma effettivamente ero già più grandicella.
Comunque non era un giudizio negativo, era solo un "siamo sicuri che ai bambini piaccia sicuramente ciò che il genitore si inventa per lui?".
Con gli altri bambini c'è un rapporto di parità, e a una certa età lo trovo più salutare.
Detto questo, il nido a pochi mesi non credo sia necessario.
Più avanti è consigliato.
Secondo me.
Avatar utente
Scrj
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4347
Iscritto il: lun set 22, 2008 10:16 am

Messaggio da Scrj »

Cos73 ha scritto:come altri ne avranno dolci e positivi dei nonni o della mamma o della baby sitter, no?





Anche io andavo volentierissimo alla materna e in più avevo anche amiche quasi coetanee vicine di casa con cui stavo quasi sempre, però ti dirò che invece a me il genitore che cerca di creare occasioni di svago insieme sarebbe piaciuto (e non l'ho avuto) e credo ad esempio che dei giochi con Luca Irene e Damiano conserveranno un bellissimo ricordo, a giudicare da come si divertono e da come lo cercano!
Assolutamente! Non ho nessuna intenzione di fare un confronto, lo trovo inutile.
Chi è stato con la mamma o con la tata avrà certamente ricordi positivi.
Mi sembra lapalissiano, no?
Ripeto, sono andata avanti con le età, pensavo a bimbi più grandi che, secondo me, hanno pure bisogno dei loro spazi e dei loro pari.
Avatar utente
Solange
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 9213
Iscritto il: mar nov 06, 2007 3:18 pm
Contatta:

Messaggio da Solange »

Scrj ha scritto:Probabilmente sono andata troppo avanti con le età, in effetti.
Pensavo a bimbi più grandi.
Io preferivo davvero stare con gli altri bambini a volte, perchè mi mancava in casa la presenza di un mio pari.
Ma effettivamente ero già più grandicella.
Comunque non era un giudizio negativo, era solo un "siamo sicuri che ai bambini piaccia sicuramente ciò che il genitore si inventa per lui?".
Con gli altri bambini c'è un rapporto di parità, e a una certa età lo trovo più salutare.
Detto questo, il nido a pochi mesi non credo sia necessario.
Più avanti è consigliato.
Secondo me.
siamo sicuri che al bambino piaccia quello che il nido si inventa per lui?
i bambini hanno reazioni, se un gioco a Sveva non piace me lo fa capire e cambio.
poi chissà, magari vorrebbe fare un gioco in pèarticolare ma dubito che io o il nido potremmo farglielo fare se non per botta di culo.

poi se parliamo di bimbi più grandi è un altro paioo di maniche; il bisogno di socializzare si ha verso i 30 mesi.
Rispondi