Ma il nido è indispensabile?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Chloe83

Ma il nido è indispensabile?

Messaggio da Chloe83 »

Me lo chiedo sempre, quando mi imbatto (dal pediatra, di solito) in mamme sostenitrici di questa teoria. E sono alle volte mamme non lavoratrici, quindi il nido è per loro una scelta d'elezione, non obbligata.
Secondo loro, il nido è essenziale. Il bambino senza nido è deprivato perchè "a casa non farà mai esperienze così arricchenti" (voi mamme "nidanti" confermate? Ma che gli fanno fare?), serve "a socializzare" (ma a me risultava che prima dei 3 anni i bambini, anche per via del loro normalissimo egocentrismo, siano portati a socializzare poco, tant'è che prima di quell'età anche messi assieme ad altri bimbi, privilegino il gioco parallelo), che serve "ad avere tempo per se stesse" (ma io mi sento bene così).
Io l'idea del nido non l'avevo nemmeno presa in considerazione... oltretutto da bambina lo odiavo... ma quando l'ho detto mi hanno fatto gli occhiacci, una mi ha detto che "non fa bene ai bambini stare sempre con la mamma".
Hanno ragione? Fa male, a mia figlia, non essere mandata al nido? (ovvimente non ora, loro parlavano di bimbi di almeno 6 mesi, meglio un anno). E' da madri degeneri pensare di mandarla, casomai, alla materna, giusto perchè poi non sia troppo duro l'impatto con le elementari? Davvero le tolgo qualcosa?
Mi aiutate a rifletterci un pò su?


Avatar utente
manu
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5306
Iscritto il: mer gen 14, 2009 8:05 pm

Messaggio da manu »

come sempre io non sono mamma per ora e da non ancora mamma sono una convinta sostenitrice dell'asilo nido e, soldi permettendo, lo sarei anche se non fossi una lavoratrice

ho visto bimbi che vanno al nido rispetto a bimbi che non ci vanno e ho capito che per i bimbi stessi sia di grande utilità
Nau

Messaggio da Nau »

Ma.....io non penso affatto che sia indispensabile per il bambino.Non in famiglie "normali" almeno.Può essere necessario per i genitori,sia per esigenze lavorative che per esigenze familiari che per esigenze personali.
Ma personalmente ritengo che fino a tre anni la soluzione migliore per un bambino sia quella di stare con la mamma.
Se la mamma sente l'esigenza per qualunque motivo di mandare il proprio figlio al nido,ben venga.Ma se tu non ne senti l'esigenza e se puoi permetterti di stare a casa,dai retta a me:tienila con te! Stare troppo con la mamma non fa affatto male,fregatene degli occhiacci,e segui il tuo istinto di mamma!


Aggiungo una cosa:non è affatto automatico che i bambini che hanno frequentato il nido si trovino meglio o siano più socievoli alla materna. L'ingresso alla materna è comunque l'accesso ad un ambiente nuovo,e ogni bambino reagisce a sé,indipendentemente dal fatto che abbia frequentato il nido o che sia stato 3 anni attaccato alle gonne di mamma.
Avatar utente
Sheireh
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 17185
Iscritto il: mar feb 26, 2008 4:35 pm

Messaggio da Sheireh »

Io credo che un po' dipenda dal bambino, nel senso che un bambino può essere più o meno bisognoso di sfogarsi, stare con altri bambini, etc.
Ma questo solo l'ultimo anno, cioè quando è già abbastanza "grande".

Prima dei 2 anni, secondo me NO. I bambini hanno bisogno della mamma e dei parenti stretti, e non credo che abbiano bisogno di socializzare più di tanto da così piccoli.
E chi dice che andando al nido diventano più indipendenti... beh, secondo me diventano TROPPO indipendenti.
Mukki78
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4024
Iscritto il: gio set 03, 2009 9:34 am

Messaggio da Mukki78 »

Premetto che io non sono andata all'asilo
Neanche alla materna
Ma secondo me è importante mandarli
Se avessi potuto scegliere gli avrei fatto fare l'ultimo anno di nido solo alla mattina
E poi la materna
Perchè si divertono! Giocano, stanno in mezzo ai bimbi, imparano a socializzare, e le tate gli insegnano un sacco di cose
Sono super stimolati, come mai un genitore o un nonno potrebbero fare
Avatar utente
Barbara.
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7654
Iscritto il: ven mar 20, 2009 12:18 pm

Messaggio da Barbara. »

Nau ha scritto:Ma.....io non penso affatto che sia indispensabile per il bambino.Non in famiglie "normali" almeno.Può essere necessario per i genitori,sia per esigenze lavorative che per esigenze familiari che per esigenze personali.
Ma personalmente ritengo che fino a tre anni la soluzione migliore per un bambino sia quella di stare con la mamma.
Se la mamma sente l'esigenza per qualunque motivo di mandare il proprio figlio al nido,ben venga.Ma se tu non ne senti l'esigenza e se puoi permetterti di stare a casa,dai retta a me:tienila con te! Stare troppo con la mamma non fa affatto male,fregatene degli occhiacci,e segui il tuo istinto di mamma!


Aggiungo una cosa:non è affatto automatico che i bambini che hanno frequentato il nido si trovino meglio o siano più socievoli alla materna. L'ingresso alla materna è comunque l'accesso ad un ambiente nuovo,e ogni bambino reagisce a sé,indipendentemente dal fatto che abbia frequentato il nido o che sia stato 3 anni attaccato alle gonne di mamma.
Ti Quoto Nau.

Se potessi non mandare MArtina.............aiuto martedì si avvicina!!! :cry:
Nau

Messaggio da Nau »

Manuelina ha scritto: ho visto bimbi che vanno al nido rispetto a bimbi che non ci vanno e ho capito che per i bimbi stessi sia di grande utilità
Scusa manu ma queste generalizzazioni le ritengo un po' "pericolose".
Io potrei dirti,per la mia esperienza,che ho visto bambini che vanno al nido quasi "alienati".E li ho visti. Potrei dirti che ho visto bambini che non vanno al nido generosi,sereni,solari,creativi. Ma ho visto anche l'opposto.Credo che ogni bambino e ogni famiglia sia a sé,e in ogni caso bisogna scegliere la soluzione migliore per il bambino e per il benessere della famiglia in generale:come non avrebbe senso sentirsi obbligati a tenere il bimbo a casa se ci sono esigenze(di qualsiasi tipo) per cui si preferirebbe mandarlo al nido,così non ha senso sentirsi in difetto se si sceglie di non mandare il bambino al nido.
E' un po' come il cosleeping o l'allattamento:sono scelte che con molta probabilità non hanno tutta l'influenza che si vuol far credere sullo sviluppo sano del bambino,purché siano scelte fatte con serenità e con convinzione.
E ritengo che queste scelte dovrebbero essere scelte private e "insindacabili" dall'esterno.E soprattutto dovrebbero essere,appunto,SCELTE e non imposte come purtroppo a volte capita.
Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

Io invece sono una sostenitrice del sì. Ma solo dai 18 mesi in poi, o a raggiungimento di una buona capacità manuale e deambulatoria.
Le teorie di Piaget che sostenevano l'egocentrismo del bambino e la mancata socializzazione sono state per fortuna superate, i nidi moderni non sono luoghi dove i bambini vengono "sorvegliati" ma sono spazi in cui veramente possono esprimersi in sicurezza, trovando un mondo ad altezza loro. Ed imparano un sacco di cose, ve lo assicuro.
Imparano a stare a tavola, a condividere gli spazi, a confrontarsi con gli altri (a botte e spintoni, a volte, ma vi assicuro che è una forma comunicativa necessaria a quell'età, e serve per l'affermazione del se'). Imparano anche che, se in certi luoghi vige la regola del privilegio perchè si è il più piccolo, in ambienti dove tutti sono piccoli come te ci si deve adattare giocoforza alla democrazia.
Io sono molto grata al nido che ha frequentato mio figlio, che gli ha permesso di essere un bambino attivo e solare ed aperto agli altri. Sono sicura che senza sarebbe stato più difficile.
Rispondi