voglia di tenerezza

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Rispondi
sberry
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 20
Iscritto il: ven ott 09, 2009 10:59 am

voglia di tenerezza

Messaggio da sberry »

Ciao a tutte,
avevo pensato alla sezione disagio post-partum per me, per descrivere il mio stato d'animo, ma poi leggendo alcune cose, mi sono resa conto che il mio posto per adesso è forse questo. Si, perchè i disagi che provo sono quelli di una donna che sta diventando mamma, che un giorno alla volta e faticosamente cerca di essere una buona madre per la sua Giulia, tanto desiderata. Quando io e il mio compagno ci siamo conosciuti ho praticamente desiderato subito una figlia con lui e sottolineo una figlia perchèper me Giulia era scritta nel mio destino. Tuttavia quando il test è risultato positivo mi ha presa una gran paura soprattutto perchè in passato ho sofferto di ansia e depressione e non volevo rcascarci. Ma la paura non può essere arbitra delle nostre vite e io desideravo essere madre sopra ogni cosa. Oggi Giulia ha 5 mesi e mezzo, cresce sana e bella, io e il suo papà però fatichiamo a comunicare, ho passato dei mesi bruttissimi ma avevo e ancora ho paura a parlare con lui, perchè penso che possa sentirsi meno amato. Ho sempre saputo che molto nel nostroi rapporto dipendeva da me, dalla mi acapacità di comprenderlo e accompagnarlo nella vita, ma avolte è pesante sentire tutto sulle mie spalle e vorrei che le cose diventassero più semplici. Scusate la lungaggine, ma scrivere certe cose aiuta anche a comprenderle un po' meglio e in questo forum mi sento a casa, come una bambina che fatica a sentirsi adulta e ha bisogno di coccole, so che potetet capire.



moon373

Messaggio da moon373 »

I figli si fanno e si crescono in due sberry è non è corretto non dialogare col proprio compagno solo per mera paura che lui possa sentirsi meno amato!
E' fondamentale che al contrario tu gli manifesti tutto il tuo bisogno del suo sostegno: fagli capire che è importante la sua collaborazione, sia per te, sia per la piccolina.
Non buttarti tutto sopra le spalle: così facendo rischieresti di farti seppellire dal senso di responzabilità edi soffocare del tutto un rapporto che mi pare già un tantino provato!
Sappi che nei primi mesi del proprio figlio è normale sentirsi un po' giù di tono: parlane con lui, dagli importanza, non ti serve a nulla proteggerlo!

Rispondi