Accontentare subito i desideri?

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Messaggio da Nat »

ma non c'era una frase (adesso mi sfugge ) che diceva
il piacere sta più nel desiderare che nella realizzazione del desiderio (qualcosa di simile)
quando ci innamoriamo è così bello il periodo che si desidera l'altro senza poterlo avere...
certo che prima o poi si deve quagliare sennò è solo struggimento platonico
ma un pò di poesia dell'attesa non guasta secondo me (non dico aspettare a scopo educativo eh!)


Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

lavinia ha scritto:No
simo io quoto il lenina pensiero stavolta
Io credo moltissimo nel valore dell'attesa
io i 35 euro del vulcano dei gormiti ce li ho, ma lo comrpo a Natale perche' e' una spesa piu' alta della cavolata
e pure il gormita, viene preso quando c'e' l'occasione, non passo apposta in cartolibreria
pero', il motivo e' la questione logistica, il fatto che se fosse solo il vulcano ok, ma dopo di quello verrebbe un altro desiderio, insomma una "necessita'" di far cosi'
non credo nel valore dell'attesa di per se, credo nel valore del razionalizzare i desideri (uno alla volta e non tutto insieme)
non so se mi sono spiegata
si ti sei spiegata ma non mi convince per nulla
io invece vorrei puntare tanto su questa cosa e farla capire ai miei figli, come la metti tu invece sembra piu' un fattore tuo personale, di organizzazione tua (razionalizzazione dei desideri)
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

superstrafra ha scritto:è però vero che se le richieste e i desideri,come accade da noi spesso, si susseguono come fosse tutto dovuto (nel senso di indispensabile e necessario), non si può dire di sì sempre e comunque. alcune richieste si possono accontentare altre no, e quando mi succede di dire di no faccio notare quante cose belle si siano fatte o quante richieste si siano accontentate. se ad esempio mi chiede di vedere un dvd mentre preparo la cena,poi di fare un gioco dopo cena e ancora di leggere un libro quando ormai si è fatto tardi,mi sembra giusto giustificare il mio no (perchè non ce n'è più il tempo), sottolineando tutto quello che di bello comunque si è fatto.
Ma ho scritto che non bisogna dire di no? :mumble:

Ha volte mi pare che venga letto quello che non scrivo.

Ho scritto che qualunque sia la risposta (Si, No o Poi) deve, a mio parere, essere motivata (il fatto che un regalo costi molto è un ottimo motivo per rimandarlo)

Non mi piace il "no" o il "poi" non motivato detto solo per prolungare l'attesa, ma non mi piace neanche il sì detto spesso solo per evitare di discutere (permettere a un bimbo di riempirsi di merendini per evitare discussioni è sbagliato quanto negargli quello occasionale per principio)
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Simo72 ha scritto:invece secondo me e' uno degli errori piu' grossi della societa' di oggi: perche' quell'attesa deve essere vista come negativa? come tormento? come creazione di insoddisfazione e frustrazione? Sta a noi genitori insegnargli quanto possa essere bello "guadagnarsi" quella determinata cosa e aspettarla per un po' di tempo. L'avere facile e' il risultato di una gioventu' che non si accontenta piu' di niente e che e' abituata a chiedere e ottenere. Secondo me questo e' un sistema anche e soprattutto educativo sempre se esercitato con dovizia e intelligenza
Allora un discorso è gudagnarsi qualcosa.
un altro l'attesa inutile.

Se la caramella glie la dai perchè devi fargliela patire per 2 ore?

Non si tratta di avere facile si tratta di essere sensati.

Davvero ci sono consigli come:

dagli un dolce e digli di non mangiarlo prima di 2 ore.
digli di aspettare 2 minuti a bere se è assetato.

Tutto per insegnare l'autocontrollo ai bimbi.

Sinceramente disapprovo

Se si tratta di dire "vorrei quel gioco" è normale e logico che si rimandi all'occasione se non raramente.

Ma il far aspettare per il gusto di far aspettare non lo condivido.
Avatar utente
lenina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 33486
Iscritto il: dom feb 24, 2008 6:43 pm
Contatta:

Messaggio da lenina »

Simo72 ha scritto:si ti sei spiegata ma non mi convince per nulla
io invece vorrei puntare tanto su questa cosa e farla capire ai miei figli, come la metti tu invece sembra piu' un fattore tuo personale, di organizzazione tua (razionalizzazione dei desideri)
Ma su cosa vorresti puntare?
Sulla frustrazione legata all'attesa?

Davvero ti sembrano sensate teorie che arrivano a imporre di far aspettare i bimbi per magiare perchè così imparano ad aspettare (e da come la descrivi la teoria pedagogica a cui faceva riferimento la maestra è questa)
Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

lenina ha scritto:Allora un discorso è gudagnarsi qualcosa.
un altro l'attesa inutile.

Se la caramella glie la dai perchè devi fargliela patire per 2 ore?

Non si tratta di avere facile si tratta di essere sensati.

Davvero ci sono consigli come:

dagli un dolce e digli di non mangiarlo prima di 2 ore.
digli di aspettare 2 minuti a bere se è assetato.

Tutto per insegnare l'autocontrollo ai bimbi.

Sinceramente disapprovo

Se si tratta di dire "vorrei quel gioco" è normale e logico che si rimandi all'occasione se non raramente.

Ma il far aspettare per il gusto di far aspettare non lo condivido.
indubbiamente questo lo condivido,
probabilmente stiamo dicendo la stessa cosa ma non ci siamo capite
l'attesa fine a se stessa e immotivata mi pare anche a me senza senso , l'autocontrollo non si insegna cosi, un conto e' rispettare gli orari per fare merenda e via di seguito, un conto e' imporgli di aspettare due minuti per bere il bicchiere d'acqua o la caramella
Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Messaggio da Nat »

lenina ha scritto:Ma ho scritto che non bisogna dire di no? :mumble:

Ha volte mi pare che venga letto quello che non scrivo.

Ho scritto che qualunque sia la risposta (Si, No o Poi) deve, a mio parere, essere motivata (il fatto che un regalo costi molto è un ottimo motivo per rimandarlo)

Non mi piace il "no" o il "poi" non motivato detto solo per prolungare l'attesa, ma non mi piace neanche il sì detto spesso solo per evitare di discutere (permettere a un bimbo di riempirsi di merendini per evitare discussioni è sbagliato quanto negargli quello occasionale per principio)
forse ; faccio un ipotesi,(non è il mio caso certamente) per quanto ci si lamenti in italia
stiamo meglio di quello che crediamo e ci sono sempre più famiglie che possono permettersi (in termini economici) di realizzare tutti i desideri dei bimbi o almeno la maggior parte
allora non c'è più nessuna motivazione per dire no
(almeno che non chiedono il fucile a pompa) e qualcosa "stride" in questo potersi permettere tutto a livello educativo
Dilly
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6079
Iscritto il: sab feb 21, 2009 4:21 pm

Messaggio da Dilly »

Io non credo che prolungare l'attesa se si ha già comunque ointenzione di realizzare un desiderio sia sensato.
A meno che non ci sia un reale motivo. Io per esempio un anno da bambina ho trovato nascosto in un armadio il mio regalo di comoleanno; mancava una settimana al 3 gennaio. Io ovviamente ho detto a mia madre che l'avevo trovato e le ho chiesto se potevo aprirlo subito, ma lei mi ha detto di no. Non ha cambiato posto al regalo , ma mi ha avvertita che se lo avessi aperto prima ci sarebbe rimasta male. Quello era il mio regalo di compleanno e non aveva i soldi per comprarmene un altro, quindi l'avrei aperto il giorno del mio compleanno. E' stata un'attesa snervante, ma se non avessi aspettato, il giorno della festa non avrei avuto un regalo da scartare. In casi così ha un senso far aspettare, ma il prolungare l'attesa per insegnare l'autocontrollo si fa per addestrare i cani, non i bambini!
Rispondi