Non solo mamma....mamma sola sola!!

Moda, tendenze e bellezza
Avatar utente
Gabry
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3988
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:50 pm

Messaggio da Gabry »

io sono sola come te
ma magari accetto meglio la cosa perchè non ho nessuno vicino che possa aiutarmi, a te magari sapendo che qualcuno c'è ti rode di più.
ti assicuro però che da quando teresa camminerà sarà tutta un'altra storia, noi adesso riusciamo ad andare pure senza passeggino, ma tutti a piedi (noi all'asilo andiamo senza macchina perchè io non guido)



Avatar utente
marika
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5165
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da marika »

Gaby Teresa cammina, ma per strada prendo ancora il passeggino.

Lav qui non ho vicini, ma ieri pensavo che magari nella casa nuova le cose potrebbero migliorare, è una palazzina di 4 alloggi, con nessuno oltre i 40 anni! In uno c'è una ragazza single, nell'altro due ragazzi conviventi, e sotto di me una coppia con due bimbe piccole. Mi darò da fare per stringere relazioni!

Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Messaggio da Rie »

Ecco, io invece questo non lo faccio.
Sono un tipo poco portato a fraternizzare con i vicini. Soprattutto quando l'unica cosa che si ha in comune è avere figli della stessa età. :tongue:

BABA

Messaggio da BABA »

l'unica cosa che posso fare è abbracciarti :bacio: :bacio:

Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Messaggio da Paola »

Io ti abbraccio, non posso capirti perché vivo nella classica famiglia allargata come quella in cui sono cresciuta, ho anche la fortuna di avere accanto persone non ingerenti sull'educazione di mio figlio, ma ssolutamente collaborative, quindi non capisco molto il sentirsi "gratificate" dalla propria indipendenza.

Domani, quando le persone che mi aiutano sarnno bisognose d'aiuto, toccherà a me ricambiare, per me questo è proprio il concetto di famiglia, dove esiste un nucleo che aiutandosi soddisfa i bisogni degli altri.

Avatar utente
Giusy
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1147
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:21 pm

Messaggio da Giusy »

ti capisco anche se io non sono nella stessa situazione
e la penso in tutt'altro modo
penso che una nonna proprio perchè è stata mamma
dovrebbe capire
ma non tutti cresciamo con gli stessi ideali
ti stringo forte!

Avatar utente
marika
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5165
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Messaggio da marika »

loffin ha scritto:Io ti abbraccio, non posso capirti perché vivo nella classica famiglia allargata come quella in cui sono cresciuta, ho anche la fortuna di avere accanto persone non ingerenti sull'educazione di mio figlio, ma ssolutamente collaborative, quindi non capisco molto il sentirsi "gratificate" dalla propria indipendenza.

Domani, quando le persone che mi aiutano sarnno bisognose d'aiuto, toccherà a me ricambiare, per me questo è proprio il concetto di famiglia, dove esiste un nucleo che aiutandosi soddisfa i bisogni degli altri.
Sai paola, è da un po' che rifletto su questa cosa.
perchè io ho sempre ritenuto che la mia fosse la miglior famiglia possibile, e ora non è più così. So che 26 anni non è esattamente l'età per abbandonare l'innocenza (!), ma davvero fino a poco tempo fa mi sembrava un modello insuperabile. Vorrei però solo capire se ciò che mi sta portando a cambiare diea è una sorta di egoismo filiale oppure una reale apertura d'occhi.

Perchè in linea di massima concordo con te, ma non posso nemmeno tacciare come sbagliato il ragionamento di mia madre. lei dice: prima avevo i figli piccoli e vivevo solo per loro. Fra poco avrò i miei anziani e dovrò badare a loro, per me quando vivo? Quand'è che sono padrona della mia vita a due ?" (ndr: per mia madre la COPPIA viene prima di tutto).

E come darle torto?
E allora, pensandoci, credo che il fattore discriminante fra le famiglie come la tua e la mia sia l'ETA'.
Mia madre ha avuto me a 22 anni, ora ne ha quasi 48.
Se avesse avuto me a 30 (e se IO avessi anche avuto figli più tardi), quegli anni dai 20 ai 30 sarebbero stati vissuti solo per lei, si sarebbe ritrovata nonna a 56 e pronta a dedicarsi ai nipoti.
E come lei, era successo uguale a sua madre.
E quando penso al futuro, credo che anch'io, una volta "sistemati" i figli, penserei "ora vivo per me", e se mi ritrovassi subito nonna....non so, mi sentirei forse un po' defraudata del tempo libero che, da giovanissima, ho scelto di rimandare.

Vista così non fa una piega, e mi sembra sacrosanto. Però io sento che ne esco fregata!

Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Messaggio da Rie »

Io sono in affanno, spesso, anzi molto spesso ora che i bimbi sono due.

La mia famiglia forse non è la migliore possibile.
Eppure sento di vederla come tua madre.
Chiedo aiuto unicamente se non posso farne a meno, anche ai miei genitori che, a differenza dei miei suoceri dei quali non commento il disinteresse, sono in pensione e sarebbero disponibili.
Ma quando tengono i bimbi per troppo tempo, io lo vedo stanchi.
Hanno lavorato quarant'anni.
Meritano riposo, tranquillità tutta per loro. Io sono più giovane. Ce la posso fare, da sola.


Non credo che l'età sia discriminante.
I miei genitori ce l'hanno (sono del '40) e io non sono sicura di volerli dedicati ai nipoti più dello stretto indispensabile... e ho idea che loro me ne siano grati, che siano bisognosi di quiete, salvo allegre parentesi coi cuccioli.

Rispondi