farmaci a scuola

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Teresa
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:25 pm

farmaci a scuola

Messaggio da Teresa »

mi trovo tra due fuochi.

Ho partecipato giovedi al consiglio scolastico e all'ordine del giorno si e' discussa la somministrazione dei farmaci da parte del personale scolastico.

La scuola e' privata e forse qualche genitore ne approfitta.
In particolare qualche genitore chiede che venga continuata la cura antibiotica o cortisonica che prevede una somministrazione ogni 5 ore
(non so a quale cura si riferiscano)

Venerdi' ho divulgato il verbalino e oggi mi risponde un genitore, un medico tra l'altro, che sostiene che, lo riporto testualmente:
Il proplema non esiste assolutamente per gli antibiotici e per i farmaci per
patologie diffusive e in fase di contagio in quanto ne è assolutamente
vietata la somministrazione da parte del personale scolastico.
A tal proposito tempo fa ho notificato alla dirigente scolastica una
normativa stilata congiuntamente tra il ministero della Salute e il
ministero dell'istruzione che dava precise indicazioni in proposito. Ciò è
perchè riscontrai che venivano consegnati farmaci da alcune mamme alle
maestre per bambini/e ancora in fase di contagio e che pertanto non potevano
neanche essere ammessi a scuola.

===
ora io lo condivido pero' posso capire anche un genitore che chiede la continuazione di una terapia farmacologica, anche se non capisco quale...

voi? vi e' mai capitato di chiedere alla scuola una cosa del genere?



Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Messaggio da Rie »

Teresa, da noi è tassativamente vietato.

Figurati che si sono rifiutati persino di somministrare ad alex il micronoan, medicinale di emergenza, se ha le convulsioni, perché non si tratta dell'unico caso consentito: pericolo di vita.
:storto:
Praticamente si salvano solo i bimbi diabetici o giù di lì.

Mi era stato un po' sulle balle, a suo tempo. Anche perché non sono serena, e sono costretta a guidare come Schumi dei tempi d'oro dal lavoro all'asilo per riprendermelo appena ha 37!
Ma tutto sommato ci vedo un senso, e se mi metto nei panni del personale scolastico, neanch'io vorrei tale responsabilità...

Avatar utente
laste
Admin
Admin
Messaggi: 8932
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:58 pm
Contatta:

Messaggio da laste »

no,proprio perche' tutte le volte che era necessaria la terapia antibiotica era ancora contagioso (tobral)
dopo la broncopolmonite ha preso per 10 gg l'antibiotico e anche in quel caso se fosse andato al nido la pediatra mi avrebbe negato il foglio di via,perche' era ancora troppo debole (dalla baby sitter invece mi ha consentito di mandarlo)
quindi trovo molto plausibili,in base alla mia esperienza,i motivi del NO

Athina

Messaggio da Athina »

forse sarebbe da fare una scelta scrupolosa da caso a caso
perché quoto sul fatto che spesso,se c'è una terapia in corso
vuol dire che il bimbo é ancora a casa, o lí dovrebbe stare.

Penso a una terapia cortisonica (Samuel come sapete ne ha preso di cortisone) che va terminata gradualmente e mai da un giorno all'altro, solo perché tanto si é guariti. Certo, questione di 4/5/6 giorni... ma per un genitore che lavora, non sono pochi, se l'unica alternativa che ha é prendere congedo dal lavoro.

In linea generale comunque concordo con questo medico.
Insomma, forse qualche eccezione, con tanto di foglietto medico magari ci puo' stare.

Il cortisone puo' essere anche una terapia prescritta da un dermatologo. Per qualcosa che non é nemmeno contagiosa. In questo caso quindi?

si si, forse é ilc aso di dire NO, con le dovute eccezioni.

Teresa
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:25 pm

Messaggio da Teresa »

ecco scusa me per i medicinali salvavita che si fa?

Luvetta

Messaggio da Luvetta »

Mi aggrego, Gabriel prende 3 volte al giorno (ore 8-12-21) una pillola.
Questo dovrà farlo, temo, per il resto della sua vita, e sicuramente quando andrà alla materna.
Vuol dire che per somministrargli la pillola delle 12 dovrà andare qualcuno dei familiari all'asilo?

Avatar utente
laste
Admin
Admin
Messaggi: 8932
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:58 pm
Contatta:

Messaggio da laste »

Luvetta ha scritto:Mi aggrego, Gabriel prende 3 volte al giorno (ore 8-12-21) una pillola.
Questo dovrà farlo, temo, per il resto della sua vita, e sicuramente quando andrà alla materna.
Vuol dire che per somministrargli la pillola delle 12 dovrà andare qualcuno dei familiari all'asilo?
ruggero e' andato solo 2 mesi ma dai ricordi che ho alcuni farmaci,alcune tipologie,le danno anche loro
quindi credo(spero) che la possano somministrare alla scuola

alemia
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7117
Iscritto il: ven dic 15, 2006 5:08 pm

Messaggio da alemia »

se devono prendere antibiotici devono stare a casa di solito
e poi ogni 5 ore?????????????????????
cioè io al limite so ogni 12 e quindi puoi benissimo fare a casa
mi pare strano
certo che se hanno deciso di discuterne il problema li da voi deve essere diffuso, io credo che se una volta per piacere dovessi chiedere non me lo negherebbero, tranne poi dovesse diventare abitudine, allora capisco il personale

Rispondi