LETTONE SI, LETTONE NO

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Ospite

Messaggio da Ospite »

Non sono d'accordo sul primo punto (sessualità, lettone, ecc...) mi pare una cavolata, però sono molto d'accordo sui ruoli.
Un bambino non può entrare a dividere la coppia come gli pare specie nell'intimità di un lettone. L'esempio è mio figlio che dorme sempre nel suo letto ma.... tempo fa aveva la febbre a 40° e l'abbiamo tenuto a dormire con noi una sola notte.
Per tutta la settimana successiva si svegliava di notte e gridava che voleva venire a letto con noi ( non piangeva, gridava, pretendeva!) che non voleva dormire nel suo letto ecc....
insomma ci sono limiti e limiti. Certo è che se lui dovesse aver bisogno reale di venire a dormire con noi io sarei la prima a farlo entrare nel letto.

dimenticavo: Lorenzo fa il bagno assieme a suo padre. Se lo sapesse sta terapeuta chissà che cosa direbbe ahahahah



Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Messaggio da Lella »

Cos73 ha scritto:Leggere psicopatie mascherate da professionalità fa un po' di rabbia ah ah ah è normale.
Guarda io ho letto tutto il libro e questa donna mi sembra tutto tranne che psicopatica :-), posso avere la presunzione (da mamma) di non essere d'accordo ma rispetto la sua opinione e la sua professionalità.
Comunque cito la fonte che è
"A piccoli passi"
La psicologia dei bambini dall'attesa a cinque anni
Mondadori

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

No dai veramente, dipende cosa si intende per domrire insieme.
Io penso che il bimbo è giusto che abbia il suo letto ed i suoi spazi, e che venga incoraggiato intelligentemente ad usarli con entusiasmo e tutto.
Però penso anche che se in certi periodi manifesta il bisogno, la voglia, di stare vicino ai genitori anche di notte non sia giusto negarglielo. Non mi sembra così fondamentale farlo sentire "escluso" dalla coppia genitoriale, in casa mia NON LO E'.. poi il fatto che i genitori siano una coppia di un certo tipo, con un rapporto diverso da quello che si ha con un figlio, emerge ed emergerà anche con qualche nottata nel lettone, su quetso non ho dubbi.

Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Messaggio da Paola »

guarda lella, a me la vegetti finzi piaciucchia, e mi meraviglio francamente dele stronzate ivi riportate, perché davvero se vogliamo dare una valenza sessuale a tutto, evitiamo anche di partorirli dall vagina, soprattutto se sono maschi, fosse mai che nel passare ne venissero attratti.

Ospite

Messaggio da Ospite »

loffin ha scritto:guarda lella, a me la vegetti finzi piaciucchia, e mi meraviglio francamente dele stronzate ivi riportate, perché davvero se vogliamo dare una valenza sessuale a tutto, evitiamo anche di partorirli dall vagina, soprattutto se sono maschi, fosse mai che nel passare ne venissero attratti.
ahahahahahah

bè, i miei sono usciti dalla pancia così non faccio nemmeno fatica a raccontarglielo, mica dico bugie ahahahah

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Lella ha scritto:
Cos73 ha scritto:Leggere psicopatie mascherate da professionalità fa un po' di rabbia ah ah ah è normale.
Guarda io ho letto tutto il libro e questa donna mi sembra tutto tranne che psicopatica :-), posso avere la presunzione (da mamma) di non essere d'accordo ma rispetto la sua opinione e la sua professionalità.
Comunque cito la fonte che è
"A piccoli passi"
La psicologia dei bambini dall'attesa a cinque anni
Mondadori
senti Lella per me dire che un bimbo di meno di un anno ha stimoli sessuali dalla vicinanza dei genitori sfiora la psicopatia!
E l'allattamento allora? Il bagnetto, i massaggi?
Non si possono mettere ste cose nella testa delle mamme, tutto il rapporto coi figli perderebbe di spontaneità!

Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Messaggio da Lella »

Cos73 ha scritto:No dai veramente, dipende cosa si intende per domrire insieme.
Io penso che il bimbo è giusto che abbia il suo letto ed i suoi spazi, e che venga incoraggiato intelligentemente ad usarli con entusiasmo e tutto.
Però penso anche che se in certi periodi manifesta il bisogno, la voglia, di stare vicino ai genitori anche di notte non sia giusto negarglielo. Non mi sembra così fondamentale farlo sentire "escluso" dalla coppia genitoriale, in casa mia NON LO E'.. poi il fatto che i genitori siano una coppia di un certo tipo, con un rapporto diverso da quello che si ha con un figlio, emerge ed emergerà anche con qualche nottata nel lettone, su quetso non ho dubbi.
Anche io la penso così.

A me ha colpito il discorso proprio sullo sviluppo psico-emotivo riferito alla sessualità, io non ho elementi su cui giudicare, io e miei fratelli abbiamo dormito nei nostri lettini tranne le nottate di incubi o problemi di salute. Quindi mi piace anche tenere in considerazione anche teorie o pensieri fatti su studi, poi è chiaro che ci sarà anche la corrente opposta come pensiero.

Athina

Messaggio da Athina »

Lella ha scritto:ecco l'altro pezzettino:

"Quali effetti può avere sullo sviluppo affettivo e sessuale del bambino questa abitudine?

E' una forma di promiscuità che tende ad accentuare la dipendenza infantile dai genitori, rendendo più difficile il processo di separazione dalle loro figure e la conquista di una reale autonomia. Per evitare questa maggior difficoltà di distacco, è importante che il bambino sappia, fin dall'inizio, qual è il suo posto nella famiglia, in modo anche simbolico. E questo posto non è certo all'interno della coppia dei genitori e del loro legame più intimo, di cui il letto coniugale è il simbolo"
Altra grande cavolata.
Samuel é indipendentissimo. Lui tornerebbe in italia dai nonni, lascerebbe di nuovo il papi da solo e mi farebbe andare via con il treno. Poi vorrebbe pure andare all'asilo e restare a mangiare con i bimbi.
Ma tranquillamente proprio.

Bloccato