Rapporti genitori-scuola

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Rispondi
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Rapporti genitori-scuola

Messaggio da Azur »

Come sono nelle vostre scuole?
(domanda ovviamente per tutte, ma in particolare mi interessa la situazione delle elementari)

Qui all'asilo i bambini venivano accompagnati/"prelevati" direttamente in classe,
quindi mattina e pomeriggio c'era occasione di scambiare due parole con le insegnanti
e di osservare di prima persona l'ambiente e l'atmosfera della scuola...

Proprio davanti all'asilo c'è l'oratorio con l'unico (sigh) parco giochi del paese
e, giornate di pioggia escluse, per il resto bene o male metà dei bambini si fermava lì ogni giorno...
Io trovavo quell'oretta un tempo impagabile per conoscere le personcine con cui mia figlia passava la sua giornata, per farmi un'idea delle loro famiglie
e per osservare i rapporti e le dinamiche che si instauravano tra i bambini durante il gioco...

Approdati quest'anno alle elementari, la situazione è cambiata drasticamente.

- Divieto assoluto di mettere piede dentro l'edificio scuola (tre bidelli-cerberi sempre in postazione a 2 mt dall'ingresso che ti fulminano se solo osi aprire la porta per fare una domanda)
- Tutte le comunicazioni genitori/inseguanti escluvicamente per iscritto tramite apposito quadernetto.
- Due riunioni e due colloqui individuali l'anno. Stop.
- Il 60% dei bambini viene dal paese accanto e viene con lo scuolabus,
quindi niente possibilità di gioco spontaneo comunitario dopo la scuola
(il restante 40% sono i bambini che già andavano all'asilo qui, quindi mi "interessano" relativamente, perché già li conosco e già li frequentiamo anche extra-scuola)

La scuola mi piace, Sara ci va sempre volentieri, impara, è entusiasta...
Solo mi lascia perplessa questo essere completamente tagliata fuori...

Anzi, non mi piace proprio.
Mi mancano dei "pezzi" della vita di mia figlia,
Mi mancano dei dati importanti per decodificare alcuni suoi comportamenti, capire certi suoi "umori",
interpretare con uno sguardo adulto ed esterno gli episodi che mi racconta e le dinamiche bambinesche che mi riporta.

Si tratta proprio di una politica della scuola, quindi non mi illudo di cambiare chissaché,
però mi interrogo su questa impostazione e me ne sfuggono i vantaggi....

Da voi com'è? E come la vivete?
Stile questa o è richiesta/possibile una maggiore partecipazione?
E cosa pensate della "presenza" dei genitori nella scuola in genere?



Avatar utente
Superaffaella
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1679
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:50 pm

Messaggio da Superaffaella »

Anche da noi ci sarebbero delle regole. Ma io non le rispetto. Il giovedi' si puo' parlare con le insegnanti..... e ogni ultimo giovedi' del mese c'è proprio un incontro genitori-maestre. Ma io, se ho una questione da capire, lo accompagno un po' prima al mattino e salgo in classe, dove la maestra mi accoglie sorridente. Mi preparo una scusa nel caso mi fermi un bidello....tipo che devo spiegare alla maestra che Davide quel giorno potrebbe non sentir bene perche' bla-bla.....insomma: abbino la mia IMPRESA ad uno pseudo problema. Non si fa, ma io lo faccio. Se sto in ansia venerdi', non posso aspettare giovedi'. Se tutti i genitori facessero come me...le lezioni comincerebbero alle 11:00, ma per fortuna le altre sono mamme serie.
Importantissima per me è stata la conoscenza delle mamme, ascoltare le loro opinioni, confrontarmi con loro.......All'uscita della scuola siamo davvero in poche a far rimanere i bimbi a giocare un po' insieme e li' è bellissimo perche' mentre loro finalmente si scatenano, urlano e corrono......noi chiacchieriamo.....sempre di scuola. Di fronte alla nostra scuola c'è la villa comunale e spero che con la bella stagione, alle uscite pomeridiane, si crei un bel guppone di bimbi e mamme sparlanti.....magari invogliamo anche le maestre a chiacchierare un po' con noi! :sòfigo:

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Posso dirti a scuola di mia mamma.. non mi risulta ci sia il divieto per i genitori di entrare, cioè so per certo che non c'è! Ovviamente se diventasse un problema, come dice Raffa, se lo facessero in tanti bisognerebbe mettere die paletti.. forse da voi ci son stati problemi in passato che hanno portato a questa regola, chissà..
Io so che con chi li accompagna qualche parola le maestre la scambiano, e poi se hanno qualcosa in particolare di cui parlare chiamano loro i genitori die bimbi. Se tutto va bene, aspettano i colloqui di routine ma appunto le due parole al mattino o all'uscita non le negano.
Quanto al frequentare compagni e genitori, purtroppo qui anche all'asilo non è facile: tanti vanno col pulmino, tanti genitori non si presentano nemmeno alle riunioni (siam sempre le stesse alla fine), io conosco più o meno quelle che conoscevo già e quelli che hanno gli stessi orari di arrivo o uscita, più o meno.
Qui nemmeno li trovi al parco giochi i bimbi! C'è un parchetto ma non c'è mai nessuno! Io ed Irene quando è abbastanza caldo e bel tempo ci giriamo il paese ed andiamo a stanarne qualcuno eh eh eh, ma sono giusto 3 quelli ce raggiungiamo a piedi!

Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Messaggio da Azur »

Il giovedi' si puo' parlare con le insegnanti..... e ogni ultimo giovedi' del mese c'è proprio un incontro genitori-maestre. Ma io, se ho una questione da capire, lo accompagno un po' prima al mattino e salgo in classe, dove la maestra mi accoglie sorridente. Mi preparo una scusa nel caso mi fermi un bidello....tipo che devo spiegare alla maestra che Davide quel giorno potrebbe non sentir bene perche' bla-bla....
ecco, Raffa, la mia visione di una scuola "normale" è questa...
e pure come dice Cos, le due parole al mattino/pomeriggio, non un colloquio ovviamente, ma giusto per avere un'idea dell'atmosfera che c'è..
Quindi mi confermate che è anomala la nostra situazione...
(thank stavo iniziando a pensare di essere un po' paranoica io)

Anch'io ho pensato quello che dice Cos, una rigidezza derivante da un abuso in passato, proverò a chiedere direttamente....
O meglio, alla riunione di inizio anno avevano detto che era una misura di sicurezza:
quando nella scuola ci sono i bambini non devono esserci i genitori e viceversa (ad es. durante le riunioni),
però non mi immaginavo in senso così letterale...

Ad es. la scusa di Raffa per entrare in classe qui non reggerebbe: "Signora, glielo scriva sul quaderno degli avvisi". Punto. Di lì non si smuovono.... (e non ti fanno muovere)

Figurati che l'altro giorno Sara si era scordata uno zaino (il giorno in cui vanno in piscina ne hanno due) e non mi hanno comunque fatto entrare. L'hanno preso e gliel'hanno portato loro...
ed andiamo a stanarne qualcuno
:D :D vi ci vedo, tu e Irene tipo segugi per il paese :D

...mhm....mi sa che inizierò a lavorarmi Sara per farle invitare a casa dopo la scuola invece che sempre e solo i suoi amici anche un po' dei bambini nuovi...
se non le maestre, almeno i compagni ;)

Cristina81

Messaggio da Cristina81 »

non posso aiutarti xche gabry va ancora all asilo e tra l altro è quello privato quindi differente da quello statale!! :bacio:

Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Messaggio da Rie »

che fiscali, Lela! :ehhh:
Posso immaginare che in quella scuola ci siano stati problemi e confusione per qualche ingresso di genitori non controllato...
In tal caso li capisco. Almeno un po'.


All'asilo di Alex sono molto "easy".
Brevi scambi di opinione quando prendo e porto il bimbo in classe possono esserci. Compatibilmente con il fatto che la povera maestra ha tanti altri bimbi da curare.

nene70
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7426
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:54 pm

Messaggio da nene70 »

anche la scuola di bea è tassativa, nn si va' in classe..
ce l'aveva già anticipato il direttore a suo tempo, per ordine pubblico, diciamo..
per renderli indipendenti e soprattutto per evitare alle maestre i colloqui al mattino con alcuni genitori,perdendo tempo e soprattutto nn potendo gestire le piccole pesti in crescita...
e spesso ancora piangenti,almeno all'inizio...vedendo genitori di altri bimbi in classe la situazione sarebbe peggiorata.
sicchè, bea viene lasciata sui scalini della scuola e li attesa il venerdì-gli altri giorni prende il bus-
per le comunicazioni anche noi viaggiamo a suon di messaggi sul diario, ma di colloqui ,previo appuntamento, se ne possono avere quanti se ne desiderano...
con glil altri genitori è facile comunicare, è una piccola scuola di paese, ci si conosce tutti... :bacio:

Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Messaggio da Azur »

thank

Rispondi