HELP ANALISI DEL SANGUE ...qualcuno capisce?

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

Cos73 ha scritto:Si, per i valori ti conviene sentire il pediatra perchè non è detto siano "tarati" sui bimbi.
Però la microcitemia sembra ci sia (globuli rossi più piccoli del normale), potrebbe essere davvero un segno di eterozigosi per l'anemia mediterranea, quindi non malato ma portatore.
grazie Cos...sono ignorante e ho capito poco pero' mi sei stata 'aiuto :bacio: sentiro' cosa mi dice la pediatra, mi ha anticipato quando gli dissi per telefono dopo il ricovero questa cosa del ferro che se mai si valutava se fargli una cura o meno .......

Ale non c'e' nulla a proposito dei parametri vicino, motivo per cui ero convinta fossero gia' relativi ai bambini



Avatar utente
ariannasissy
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 411
Iscritto il: ven dic 15, 2006 9:55 pm

Messaggio da ariannasissy »

ciao,Daria,io non so risponderti,ma quando rientrera'mio marito potro' darti qualche chiarimento.Nei nostri referti i risultati vanno dati con valori normali riferiti distintamente per maschj,femmine.bambini ed e' facile interpretarli anche da personale non medico.Il valore dell' Hb qual'e'? e la sideremia ?
un bacio.

Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

ariannasissy ha scritto:ciao,Daria,io non so risponderti,ma quando rientrera'mio marito potro' darti qualche chiarimento.Nei nostri referti i risultati vanno dati con valori normali riferiti distintamente per maschj,femmine.bambini ed e' facile interpretarli anche da personale non medico.Il valore dell' Hb qual'e'? e la sideremia ?
un bacio.
mi sembra una cosa molto intelligente in effetti mettere i valori distinti per fascia d'eta e sesso, gia' tra un uomo e una donna ci sono delle differenze , figuriamoci tra un bimbo di 8 mesi ed un adulto uomo !!!!!! comunque ho qua analisi sotto mano, nei valori di riferimento non vi e' specifica di sorta

HB non e' indicata , o meglio c'e' solo un valore che si chiama Omogeneita'H b Eritrociti che e' 3,2 con riferimento 2,2-3,2
sideremia niente invece

Grazie Sissy ....sei gentilissima......come tua figlia del resto :eek:

Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

L'unica cosa che non capisco e' che se fosse realmente portatore sano di anemia mediterranea come puo' essere successo???? uno dei due genitori a sua volta deve essere portatore sano, pero' ne' io ne' mio marito lo siamo , o almeno non sappiamo di esserlo ed essendo entrami donatori AVIS credo che sarebbe emersa questa cosa...

altra cosa: portatore sano di anemia non comporta nulla se non rischi eventuali futuri quando concepira' un figlio vero?

Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Messaggio da Cosetta »

Si si anche un cugino di Luca lo è, nessun problema!
In effetti uno di voi due dovrebbe esserlo a sua volta però non sempre le mutazioni sono presenti anche nei familiari, a volte sono sporadiche (senza precedenti in famiglia) ed avvengono durante la formazione dei gameti... quindi penso che possa accadere.

Avatar utente
ariannasissy
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 411
Iscritto il: ven dic 15, 2006 9:55 pm

Messaggio da ariannasissy »

Ciao, Daria.. ti rispondo solo ora perc :bacio: :bacio: he' come sai il forum non ha funzionato.
Il parere di mio marito, considerata l'età del bimbo, e sopratutto ll tasso della sideremia (basso),e' il seguente.
Il quadro è tipico di una microcitosi, molto probabilmente non congenita ( cioè non dovuta ad emogloblinopatia) ma dovuta a carenza di ferro: le anemie sideropeniche che ne conseguono mimano infatti quasi perfettamente i portatori eterozigoti di anemia mediterranea.
Bisogna quindi individuare le cause, in questa ipotesi, della carenza di ferro ( possono essere molteplici ) rimosse le quali dovrebbe normalizzarsi l'emocromo( esistono anche mezzi diagnostici diversi per
escludere una emoglobinopatia.)
La formula leucocitaria in un bambino di quell'età è normale.
I segni irritativi a carico dei leucociti sono di facile riscontro nel corso di malattie infettive sopratutto virali.
Non conoscendo lo stato clinico del bimbo, ne' il decorso della malattia che ne ha determinato il ricovero- elementi di grande importanza diagnostica- non posso dirti altro.

Ciao, ed auguri.
Un bacione.
:bacio:

Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

Cos73 ha scritto:Si si anche un cugino di Luca lo è, nessun problema!
In effetti uno di voi due dovrebbe esserlo a sua volta però non sempre le mutazioni sono presenti anche nei familiari, a volte sono sporadiche (senza precedenti in famiglia) ed avvengono durante la formazione dei gameti... quindi penso che possa accadere.
a casa mia accadono questi fatti strani...anche dami con la sua intolleranza: tutti gli allergologi insistono con il dire che per forza qualcuno in famiglia deve avere problemi d'allergia o asma ma NIENTE.....

l

Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

ariannasissy ha scritto:Ciao, Daria.. ti rispondo solo ora perc :bacio: :bacio: he' come sai il forum non ha funzionato.
Il parere di mio marito, considerata l'età del bimbo, e sopratutto ll tasso della sideremia (basso),e' il seguente.
Il quadro è tipico di una microcitosi, molto probabilmente non congenita ( cioè non dovuta ad emogloblinopatia) ma dovuta a carenza di ferro: le anemie sideropeniche che ne conseguono mimano infatti quasi perfettamente i portatori eterozigoti di anemia mediterranea.
Bisogna quindi individuare le cause, in questa ipotesi, della carenza di ferro ( possono essere molteplici ) rimosse le quali dovrebbe normalizzarsi l'emocromo( esistono anche mezzi diagnostici diversi per
escludere una emoglobinopatia.)
La formula leucocitaria in un bambino di quell'età è normale.
I segni irritativi a carico dei leucociti sono di facile riscontro nel corso di malattie infettive sopratutto virali.
Non conoscendo lo stato clinico del bimbo, ne' il decorso della malattia che ne ha determinato il ricovero- elementi di grande importanza diagnostica- non posso dirti altro.

Ciao, ed auguri.
Un bacione.
:bacio:
Sei stata veramente molto gentile e ringrazio anche tuo marito per aver guardato i valori ed espresso il suo parere....mi e' molto chiaro il quadro che avete fatto , e mi ha avete anche rincuorato. Gli esami sono stati fatti in seguito al ricovero che ha avuto il piccolo per una bronchiolite, sono passati 10 gg ma la situazione non e' migliorata (motivo per cui forse i valori a cui ti riferisci segnalano ancora qualcosa che non va), giovedi' l'ho riportato dalla pediatra che gli ha trovato rinite con otalgia, dopo tre gg di loranid e otalgan non abbiamo risolto, ieri sera urlava dal dolore e siamo finiti per l'ennesima volta al PS dove gli hanno trovato le orecchie infiammatissime con anche secrezione da una, non volevo assolutamente cominciare un nuovo ciclo di antibiotici visto che il piccolo ne ha gia' fatti tre in due mesi ma su parere del medico abbiamo dovuto cominciare l'antibiotico altrimenti nn si sarebbe risolta......

grazie di cuore, e' bello vedere che qualcuno si interessa e ti da una mano e che ci sono persone squisite come voi, so che i problemi di Enea rispetto a quelli di altri bimbi sono irrilevanti e che ci sono molti neonati con le sue stesse patologie ma sono reduce veramente da un periodaccio e vedere questo mio cucciolo cosi destabilizzato mi fa veramente male, l'interesse altrui e' qualcosa che scalda il cuore e aiuta a tirare avanti

:bacio: :bacio:

Rispondi