Contraccezione: la spirale

Moda, tendenze e bellezza
Luvetta

Contraccezione: la spirale

Messaggio da Luvetta »

Lo so che è un argomento che è stato toccato molte volte, ma ancora sono molto combattuta.
Per un'ipercolesterolemia congenita, e per un ridotto calibro dei vasi sanguigni (insomma, sono una chiavica) sarebbe fortemente sconsigliato per me prendere la pillola.
Inoltre fumo.
Inoltre ho 32 anni (il limite x la pillola per le fumatrici, a quanto ne so, è 35 anni).

Ma del profilattico non mi fido.
Della retro meno che mai.
Dei "conti" neanche, ho un ciclo irregolarissimo, ovulazioni fantasma..

Ed in famiglia siamo "al completo", quindi un'eventuale gravidanza non puo' essere considerata come un "se capita..."

Ma la spirale mi è sempre rimasta antipatica per il "concetto",il fatto che non impedisca il concepimento, ma l'impianto.
Inoltre, quanto è sicura?
Ho sentito percentuali che vanno dal 98% al 99.80%
Per me, in quell'1.8% c'è un mondo di differenza.

E poi, su un ciclo già di per se abbondante, come influisce?
Ogni quanto tempo va cambiata?
Va controllato il posizionamento in utero?
Quanto costa mettersi la spirale?
Inoltre ho sentito di un nuovo tipo di spirale, che gradualmente provoca la chiusura delle tube: non vi sembra agghiacciante?

Vorrei sapere le vostre opinioni, esperienze, considerazioni. Entro un paio di mesi vorrei decidermi..

GRAZIE!!! :bacio:



Avatar utente
emy
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5320
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:47 pm
Contatta:

Messaggio da emy »

La spirale o IUD (Intra Uterine Device)

La spirale è un pezzo di polietilene all’incirca della grandezza di 2/3 centimetri a forma di “T” di “V” o di ancora capovolta.

In genere al suo stelo centrale è avvolto un filamento di rame o di rame e argento.

Viene posizionato all’interno dell’utero da un medico con una modalità che deve rispettare tutti i canoni di sterilità e sicurezza della piccola chirurgia ambulatoriale.

Può rimanere all’interno dell’utero per 5 anni senza perdere la sua efficacia che però non è mai del 100%.

E’ stata inoltre accusata di aumentare le infezioni ginecologiche e le case produttrici, in genere sul foglietto illustrativo, declinano ogni responsabilità per eventuali sterilità insorte dopo l’uso della spirale.

Nonostante questi rischi negli anni rivestano più l’aspetto della precauzione medico-legale che del rischio effettivo della salute, vige tuttora l’usanza di non mettere la spirale a donne che non abbiano ancora avuto figli.

Anche gli effetti collaterali, come mestruazioni più abbondanti o più dolorose, pur se molto variabili da donna a donna sembrano essere più importanti nelle donne senza figli.

Per queste ultime inoltre (così come per le donne che non hanno avuto parti spontanei), l’inserzione può risultare dolorosa e, sia pure raramente, provocare vertigini e/o nausea.

Esiste in commercio una spirale “medicata” contenente ormoni che trova l’indicazione nelle donne con cicli abbondanti che in questo modo a volte possono evitare il ricorso alla chirurgia; l’unico svantaggio sono le sue dimensioni che la rendono inadatta alle donne con un utero piccolo.

E’ stato a lungo detto che la spirale possa provocare gravidanze extrauterine; non è vero.
E’ vero invece che da esse non è in grado di proteggere.

Il suo meccanismo d’azione è legato sia alla presenza del rame in alta concentrazione, tossico per gli spermatozoi, sia alla sua funzione di “antiannidante”.

In effetti, qualora l’ovulo dovesse essere fecondato, il prodotto del concepimento non potrà attecchire attaccandosi alla parete uterina in quanto l’ambiente viene reso inadatto dalla presenza del corpo estraneo.

E’ questo il motivo per cui la spirale non viene inserita nei consultori di ispirazione cattolica e può invece essere usata anche a distanza di 3 o 4 giorni da un rapporto a rischio di gravidanza indesiderata.

Si inserisce di solito al terzo o quarto giorno delle mestruazioni, sei settimane dopo un parto o anche subito dopo un aborto (indicazione quest’ultima un poco controversa); dopo un taglio cesareo è invece necessario attendere qualche mese perché la cicatrice dell’incisione uterina si consolidi.

Avatar utente
emy
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5320
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:47 pm
Contatta:

Messaggio da emy »

La spirale



La spirale (o IUD) è un dispositivo in plastica di forma varia, lungo circa cm 4 del peso di pochi grammi, su cui è avvolto un filo di rame.


Come agisce
I meccanismi di azione sono molteplici e non del tutto chiariti. Si può comunque dire che l'azione della spirale è collegata a modeste modificazioni locali della mucosa uterina, capaci - insieme a variazioni funzionali delle tube - di disturbare il processo di fecondazione e/o di annidamento dell'uovo.

A ciò si aggiunge, nelle spirali al rame, una riduzione della capacita fecondante degli spermatozoi.

Un recente studio condotto per conto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dimostrato che il più frequente meccanismo di azione della spirale è quello di prevenire la fertilizzazione dell'uovo, e perciò funziona più come contraccettivo che come miniabortivo.




--------------------------------------------------------------------------------


Come si usa
Lo IUD dev'essere applicato e rimosso da un medico. Non occorre anestesia. Gli ultimi giorni del flusso mestruale sono il periodo migliore per l'applicazione, sia perché il collo dell'utero è un poco dilatato, sia perché la donna è certa di non essere incinta.

Lo IUD può essere inserito anche nelle donne che hanno effettuato un aborto: sarà opportuno attendere il primo ciclo mestruale dopo l'interruzione della gravidanza.

Dopo un parto la spirale potrà essere inserita quando, a distanza di 30-40 giorni, si riscontrerà il ritorno dell'utero alle sue normali condizioni di tono e volume.



Tutte le spirali hanno un filo terminale che fuoriesce dal collo dell'utero, per 3 o 4 cm, in modo che la donna stessa, specialmente dopo ogni mestruazione, possa agevolmente controllare la presenza dello IUD, introducendo un dito in vagina e ricercando il filo sul collo dell'utero. Infatti, I'espulsione spontanea dello IUD avviene più spesso nel periodo mestruale e nei primi mesi di uso del metodo.

L'uso della spirale nelle donne che non hanno mai partorito può provocare disturbi simili ai dolori mestruali, che tendono a regredire dopo i primi 2 o 3 mesi.

Le prime mestruazioni dopo l'applicazione dello IUD sono spesso più abbondanti e ci possono essere delle piccole perdite tra una mestruazione e l'altra. Sono molto rari i casi di disturbi, tali da rendere necessaria la rimozione della spirale (5% circa).

Prima di inserire lo IUD è necessario fare una visita ginecologica accurata ed un pap-test.

Allo stato attuale delle ricerche è da escludere che lo IUD provochi tumori.




--------------------------------------------------------------------------------


Chi non la deve usare
Le infiammazioni dell'apparato genitale costituiscono una controindicazione all'applicazione dello IUD, mentre la nulliparità, l'utero retroflesso o precedente parto cesareo sono controindicazioni relative, da sottoporre caso per caso alla valutazione del ginecologo.

Perdite di sangue al di fuori delle mestruazioni richiedono accertamenti ed una eventuale terapia prima dell'applicazione.




--------------------------------------------------------------------------------


Sicurezza
Lo IUD è uno dei metodi contraccettivi più efficaci (98-99%).

Poiché esiste la possibilità di un'espulsione parziale o totale inavvertita, la donna dovrebbe imparare ad accertare da sola la presenza dello IUD, soprattutto dopo ogni mestruazione. Occorre pertanto insegnare alla donna come individuare il collo dell'utero e l'orifizio esterno da cui fuoriesce il filo terminale della spirale.

E' opportuno sottoporsi ad una visita di controllo dopo il primo, il terzo e il sesto mese di uso e successivamente ogni sei mesi.

Lo IUD può essere usato per diversi anni; i dispositivi intrauterini medicati con rame vanno sostituiti seconda del tipo ogni 2, 3 o 5 anni. Dopo la rimozione, in genere si può introdurre un nuovo IUD nella stessa seduta.

Se una donna rimane incinta con la spirale inserita e decide di portare avanti la gravidanza, lo IUD può essere rimosso entro la 12a settimana per ridurre il rischio di un aborto con infezione, ma - se viene lasciato nell'utero - non provoca malformazioni al prodotto del concepimento.

Luvetta

Messaggio da Luvetta »

Grazie Emy!
mi hai fatto "ricordare" che ho l'utero retroverso..
sigh!

Che pensi tu della spirale?

Avatar utente
Ambra
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3715
Iscritto il: ven dic 15, 2006 6:03 pm

Messaggio da Ambra »

tesoro,ti posso dire che io ho avuto un´extrauterina forse
causata proprio dalla iud e l´ho provata a rimettere a novembre e mi
si toglieva (la partorivo!!!!!) e quindi non se ne fa niente.
Hai un bel consultorio dove ti possano informare sul diaframma?

Luvetta

Messaggio da Luvetta »

Il diaframma non mi da sufficiente sicurezza (non me ne dà nemmeno il preservativo, figurati!!!)
anche tu riflettevi sull'opportunità di legare le tube, se non erro.
Non la considero un'operazione reversibile.
Mi dà così dell' "ineluttabile"... definitivo... triste...
già non ho un bel rapporto con la mia femminilità. Se poi sapessi anche di essere sterile?
Lo so che in pratica, con la pillola, sono sterile anche adesso ma...
Uffa, belle seghe mentali, eh!

Avatar utente
Fede
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 8468
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:16 pm

Messaggio da Fede »

il mio gine non la mette, non so per quale motivo
se da' cicli abbonanti come ho sentito, la scarto subito
e con il colesterolo sto messa come te :(

Avatar utente
Daria
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6327
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:36 pm

Messaggio da Daria »

sul discorso spirale ho molti dubbi pure io.....direi che comoda e' comoda ma mi fa paura l'idea di un corpo estraneo ........io sono ancora in attesa di visita dal gine appunto per decidere con lui che tipo di contraccetivo usare, sono molto tentata da anello , cerotto o sistema persona. pero' adesso come adesso, mi e' appena tornato il ciclo, sono ancora un po' sballata e irregolare per cui credo aspettero'..vedo che Emy ti ha riportato un bell'articolo..poi appena faccio visita e ho info dal consultorio vi dico qualcosa di piu'

Bloccato