semoi

Raccontaci chi sei e come sei arrivata qui
Avatar utente
Marì
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1916
Iscritto il: ven dic 15, 2006 5:18 pm

Messaggio da Marì »

Bellissimo... :wub: :wub:
Anche a me mancava qualcosa... quando ho iniziato a conoscerti mi scervellavo a capire se stessi a Benevento o a Treviso... ora mi è tutto più chiaro...


Teresa
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:25 pm

Messaggio da Teresa »

J.Bond_0072 ha scritto:D'altronde siamo una squadra fortissimi !!!
Scusa ma quanti nanosecondi hai impiegato a capire chi si celava dietro a Bond.....James Bond ?
niente quando hai svelato che facevamo uso di droga, ho capito SUBBITO che eri tu...
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Messaggio da Lella »

E' stato davvero un piacere rileggerti .................
Marco72

Messaggio da Marco72 »

Accidenti mi sono tradito subito, si vede che mi conosci troppo bene !!!

P. S. : Dì a Gianni che gli compro un fifì perchè solo col passamontagna fa brutto entrare in casa di altri!!!


GIANNISANTOSUBBITO
nene70
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7426
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:54 pm

Messaggio da nene70 »

grazie teresa,me lo sono riletto con calma, di nuovo...
grazie
Avatar utente
giuliana
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2255
Iscritto il: sab dic 16, 2006 2:05 pm

Messaggio da giuliana »

che bello leggerti!
bello bello bello! :bacio:
Ospite

Messaggio da Ospite »

Questa volta sono io l’alterata.
Alterata come solo le grandi emozioni ti alterano.
Alterata dai colori dell’arcobaleno.
Alterata dai periodi picassiani.
Alterata dalla vita normale che si perpetua semplicemente in una originalità esistenziale.
“semoi”, “ti prendo e ti porto via”


Questo non è uno suadede, è un flamenco.
Accozzaglia di rumori di nacchere, mantiglie nere e rosse, capelli lunghi-scompigliati-scuri di zingara, suoni ancestrali, giravolte di gonne a balze, sudore di vita, battute di tacco a scandire istante dopo istante il divenire precipitoso di un’esistenza normale.

Puzza di latte e biscotti con i grembi già pieni di figli che dovranno venire e cervelli analitici.
Digiuni catartici che anelano al viola. Le auree viola, sì della logica, ma anche della spiritualità e dell’ascetismo dei santi.

I colori drammatici dei tramonti africani.
Il vociare animalesco, e perciò vivo, delle borgate napoletane.
E’ un flamenco delle emozioni, un flamenco dell’anima.

Quella vita che ha l’ardore di tendersi come l’arciere con il proprio arco. E’ la traiettoria perfetta per centrare i propri sogni. La sbavatura di vento non calcolata, la potenza “logica” dei muscoli, la tensione di tutta una vita verso la meta.
Quella freccia scoccata.
Il colpo secco.
L’incipit.
L’arrivo.
Il centro.
La freccia che colpisce atrocemente potente quel punto lontano. Preciso ma lontano. Quella traiettoria che disegna l’infanzia, l’adolescenza, la maturità e se dio vorrà la vecchiaia.
Quel punto preciso che è famiglia, la tua famiglia.

E’ quella traiettoria che descrive la tua freccia che mi fa trasecolare, che la rende simile alla mia, simile a quella di qualsiasi altra persona.
Ma le sbavature di vento ci caratterizzano, rendono uniche e irripetibili le nostre esistenze.
Agata, mia figlia, poteva essere Teresa. Avevo una prozia cieca che adoravo. Nessuno mi accarezzava i capelli, da piccina, come lei faceva con me.
Agata poteva essere Teresa.
Carla la madre. Teresa la figlia.
Teresa la madre. Carla la figlia.
Padri burberi e figlie accondiscendenti. Madri tenere ed alleate, fragili e potenti. Eurostar che s’incrociano. Un posto in prima classe, una di fronte all’altra, guardandosi di sfuggita con un libro in mano. Di Neruda, forse. Sfiorate, per caso, tra tutta l’umanità brulicante e palpitante delle stazioni.
Toscana, Campania. Nord-Centro-Sud.
Impressionante. Inquietante. Forse.
Ma poi Catania. E Agata, la santa della città. La sbavatura di vento.
E tutto è diverso.


E ora.
Il profumo di latte e biscotti.
I seni colmi di latte.
Le ginocchia sbucciate delle nostre figlie.
Le gravidanze da ricordare. L’onnipotenza dei parti. Nuovi figli. Speranze.
Madri passionali, tenere e logiche. Mariti d’amare. Figli a cui dare amore, speranza, futuri senza indugi, alleanze patriarcali.
Reciprocità di sentimenti. Tribolazioni materne.
Passato-presente-futuro. Giochi di specchi, sbavature di vento e ombre. Uguali e diverse.
Arcieri con il proprio arco. E le loro marce di Mendelshon. Loro, dei nostri figli. Non più nostre ma loro. Noi combinante a festa, con in mano un pugno di riso, e loro con i sorrisi stampati. Noi arcieri stanchi, con ormai poche frecce nella nostra faretra. Noi con il fiato sospeso ad aspettare il loro centro, ad aspettare la sbavatura di vento che ipotecherà il loro futuro, solo loro. Noi che deponiamo l’arco. Ora è loro. E guardiamo la loro vita in punta di piedi. E aspettiamo quello che ci vorranno dare: i loro figli, la nostra vita che si perpetua.
I volti solcati dalle rughe, le mani tremanti, i muscoli oramai molli, il cuore che palpiterà ancora, ed ancora, solo per loro.
E questa volta senza sbavature di vento.
Le tre età di Klimt. L’ultimo caschè di un tango durato una vita.



Carla – Feima 73

Immagine
Teresa
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2533
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:25 pm

Messaggio da Teresa »

resto a guardare le eta' di klimt

oggi e' un giorno strano.

Ho letto queste parole 4 volte
e guardo la tua immagine nell'avatar
troppo bella, quasi, per esser vera.
Rispondi