Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Lory P
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2599
Iscritto il: dom mag 25, 2014 2:56 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Lory P »

Pol&son ha scritto:
Trilli ha scritto:
Lory P ha scritto: Il discorso è molto amplio e complesso per racchiuderlo in poche righe ..comunque non mi hai offeso .trovo soltanto uh po brutto dare la colpa a Dio quando le cose nn vanno bene ,o quando accadono le malattie ..sai Paola per quanto io sia credente e mi affido a Dio come a una guida o supporto nei momenti di difficoltà c è stato un momento nella mia vita in cui ,ero arrabbiata con Dio ,in cui ho dubitato della sua esistenza ..ed è stato quando ho abortito a 19 settimane ..però (e lo so 'può sembrare un paradosso )è stato grazie a lui e grazie alla fede che piano piano sono risalta dal tunnel in cui ero caduta ...comunque io rispetto chi non crede,però ecco mi infastidisco uh po quando sento dare la colpa a Dio per tutto ciò che accade nel mondo ..ci sono tante combinazioni ,eventi e coincidenze che accadono indipendentemente da lui a parer mio....
Mai pensato che Dio abbia a che fare con ciò che di doloroso accade nel mondo.
Allo stesso modo però penso anche che, se esiste Dio è davvero mi ha permesso in qualche modo di venire al mondo, mi abbia anche lasciato la libertà di vivere questa vita nel bene e nel male.
Nello specifico, quel ragazzo mio ex alunno è diventato tetraplegico non certo perché Dio avesse in mente questo destino per lui, ma banalmente perché correva troppo veloce con un motorino truccato e non è stato in grado di fermarsi a un semaforo rosso per far passare un pedone.
Non credo neppure che l'essere non autosufficiente è inchiodato in un letto sia una sorta di espiazione per l'errore commesso. È un dato di fatto, una realtà immutabile, tutto qui, per me.
Ciò che trovo intollerabile è che quel ragazzo sia costretto a protrarre indefinitamente una vita di sofferenza perché qualcuno ha deciso che la sua vita è degna di essere vissuta in quanto parte di un piano di Dio. Se lui non ci crede, perché gli deve essere imposto un imperativo di una fede non sua?
Per contro, se quel ragazzo fosse credente e convinto di vivere tutti i giorni che Dio gli concede, non cercherei certo di convincerlo del contrario.
Mi ha sempre colpito il fatto che molti credenti lamentino mancanza di rispetto da parte di chi credente non è, quando invece, sovente, è chi crede a voler imporre la sua visione della vita agli altri. Si pensi al divorzio, all'ivg, alle unioni civili e all'omosessualità, o anche al cosiddetto gender.
Straquoto
E non ultimo la religione cattolica in una scuola pubblica che dovrebbe essere laica

Vero che posso scegliere di non farla, però sarebbe l'unico lascio perdere
Se non ricordo male c è la libertà di nn far fare religione cattolica ..c è la voce con la casella :si o no religione cattolica nel modulo d iscrizione ..almeno ricordo così Immagine


Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Pol&son »

Lory P ha scritto:
Pol&son ha scritto:
Trilli ha scritto: Mai pensato che Dio abbia a che fare con ciò che di doloroso accade nel mondo.
Allo stesso modo però penso anche che, se esiste Dio è davvero mi ha permesso in qualche modo di venire al mondo, mi abbia anche lasciato la libertà di vivere questa vita nel bene e nel male.
Nello specifico, quel ragazzo mio ex alunno è diventato tetraplegico non certo perché Dio avesse in mente questo destino per lui, ma banalmente perché correva troppo veloce con un motorino truccato e non è stato in grado di fermarsi a un semaforo rosso per far passare un pedone.
Non credo neppure che l'essere non autosufficiente è inchiodato in un letto sia una sorta di espiazione per l'errore commesso. È un dato di fatto, una realtà immutabile, tutto qui, per me.
Ciò che trovo intollerabile è che quel ragazzo sia costretto a protrarre indefinitamente una vita di sofferenza perché qualcuno ha deciso che la sua vita è degna di essere vissuta in quanto parte di un piano di Dio. Se lui non ci crede, perché gli deve essere imposto un imperativo di una fede non sua?
Per contro, se quel ragazzo fosse credente e convinto di vivere tutti i giorni che Dio gli concede, non cercherei certo di convincerlo del contrario.
Mi ha sempre colpito il fatto che molti credenti lamentino mancanza di rispetto da parte di chi credente non è, quando invece, sovente, è chi crede a voler imporre la sua visione della vita agli altri. Si pensi al divorzio, all'ivg, alle unioni civili e all'omosessualità, o anche al cosiddetto gender.
Straquoto
E non ultimo la religione cattolica in una scuola pubblica che dovrebbe essere laica

Vero che posso scegliere di non farla, però sarebbe l'unico lascio perdere
Se non ricordo male c è la libertà di nn far fare religione cattolica ..c è la voce con la casella :si o no religione cattolica nel modulo d iscrizione ..almeno ricordo così Immagine
Certo, solo che quando tuo figlio è l'unico alla fine lasci perdere, poi a me piacerebbe anche che studiassero tutte le religioni, però in modo più obiettivo

La nostra insegnante di religione mi piace moltissimo una persona dolce e pacata, per cui lui la fa volentieri. È proprio il principio che è sbagliato, ci può essere storia delle religioni, ma non religione cattolica in una scuola statale secondo me
Avatar utente
Lory P
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2599
Iscritto il: dom mag 25, 2014 2:56 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Lory P »

Ah adesso ho capito ,scusa avevo letto di fretta e avevo capito tu intendessi nn c era proprio la libera scelta di fare o meno religione cattolica
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Trilli »

Anche Alice frequenta l'ora di religione, per ora.
Ci sono 4 che non se ne avvalgono, ma sono due musulmani un'induista un sikh e in quanto stranieri in quell'ora fanno recupero di italiano. Io non sono molto convinta perché non mi piace che le si dica che ha il peccato di Eva addosso o che non andare a Messa è peccato mortale. Lei però vuole partecipare.
Alle medie penso che non gliela farò fare.
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Tropical »

Ma se fosse il marito/compagno o genitore a fare richiesta di eutanasia, accettereste?
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Trilli »

Tropical ha scritto:Ma se fosse il marito/compagno o genitore a fare richiesta di eutanasia, accettereste?
Genitore sì. So bene come la pensano i miei su queste cose, dato che vorrebbero fare testamento biologico per evitare accanimento terapeutico e scegliere di porre fine dignitosamente ai propri giorni. So che temono più la non autosufficienza che non la morte.
Marito lo ammetto farei fatica ora come ora.
Avatar utente
Lory P
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2599
Iscritto il: dom mag 25, 2014 2:56 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Lory P »

Anto nn so rispondere ..non mi sono mai posta questa domanda ..ammetto che per entrambi sarebbe difficile decidere....
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: Perché non possiamo decidere della nostra vita?

Messaggio da Pol&son »

Sul mio ex marito non ho dubbi
Rispondi