Alice, la dislessia, la disortografia.

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Pol&son »

nanny ha scritto:ma perchè pensano che certificare il problema abbasserebbe la sua autostima? se proprio lei ti chiede che cos'ha che non va darle una risposta certa non potrebbe portarla a rilassarsi piuttosto? chiedo eh, tu conosci tua figlia e sai quale potrebbe essere la sua reazione ma secondo me, però forse ragiono da adulta, conoscere il problema è il primo passo per risolverlo a maggior ragione poi che essendo anche suo papà dislessico non lo vivrebbe così male, che dici?
Io son abbastanza concorde
Dare un nome al proprio mostro aiuto a sconfiggerlo


Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Azur »

Penso anch'io che la strada sia parlare con Alice e spiegarle da dove vengono le sue difficoltà...
Per come l'ho "letta" in questi anni, mi pare una bambina con tutti gli strumenti per capirlo e gestirlo bene con il vostro aiuto...
Avatar utente
kri
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 1292
Iscritto il: ven gen 01, 2010 1:00 am

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da kri »

Trilli, ricordo la tua attesa, l'anno scorso, dell'esito del dettato Tressoldi-Cornoldi (giusto?) e il tuo sollievo nel sapere che Alice l'aveva superato. Ora capisco perché!

Ti posso fare una domanda, forse stupida e dettata dalla mia ignoranza sui DSA?
Scrivi che Alice legge bene (inventa delle parole con criterio alla prima lettura, se rilegge non fa errori) e che comprende i testi. Perché, allora, gli audiolibri? Come integrazione o come sostituzione?
Io, da un lato, penso che l'apprendimento che passa per l'ascolto sia una risorsa enorme, spesso sottovalutata, che tutti dovrebbero coltivare e, non a caso, tra i miei compagni di liceo e università più "efficienti", c'erano quelli che imparavano la lezione già in aula.
Tuttavia, se Alice comprende il testo e lo ri - legge correttamente, mi immagino che abbia gli strumenti per apprendere tramite il testo scritto, forse con una fatica (che tu non descrivi, ma in qualche modo deve esserci) che magari compenserà nel tempo, come già ora compensa altre difficoltà.
Sappi che non sottovaluto assolutamente le difficoltà di Alice, chiedo proprio per capire.
Poi, concordo pienamente, che il danno più grande che si possa fare è rovinare la voglia e la curiosità di apprendere dei nostri figli.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Lella »

Azur ha scritto:Penso anch'io che la strada sia parlare con Alice e spiegarle da dove vengono le sue difficoltà...
Per come l'ho "letta" in questi anni, mi pare una bambina con tutti gli strumenti per capirlo e gestirlo bene con il vostro aiuto...
Concordo
Poi credo che sia più facile perdere l'autostima non capendo perchè si commettono tanti errori...

Proprio perchè esistono strumenti alternativi all'apprendimento "canonico" è giusto che siano messi a sua completa disposizione senza che nessuno si permetta di storcere il naso.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

nanny ha scritto:ma perchè pensano che certificare il problema abbasserebbe la sua autostima? se proprio lei ti chiede che cos'ha che non va darle una risposta certa non potrebbe portarla a rilassarsi piuttosto? chiedo eh, tu conosci tua figlia e sai quale potrebbe essere la sua reazione ma secondo me, però forse ragiono da adulta, conoscere il problema è il primo passo per risolverlo a maggior ragione poi che essendo anche suo papà dislessico non lo vivrebbe così male, che dici?
Perché un percorso di diagnosi è lungo e faticoso, e prevede l'incontro con figure solitamente deputate ad altri tipi di diagnosi.
Perché ha gli strumenti per compensare da sola.
E last but not least perché nelle prove tipo Tressoldi non fa neppure un errore. Quindi si rischia di metterla in ansia e di non avere la certificazione.
Quando il disturbo è lieve risulta controproducente intraprendere un percorso. Lo dico avendo anche sott'occhio più di un alunno nelle sue condizioni.
Lei ha solo bisogno di strategie per compensare!
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

Pol&son ha scritto:
nanny ha scritto:ma perchè pensano che certificare il problema abbasserebbe la sua autostima? se proprio lei ti chiede che cos'ha che non va darle una risposta certa non potrebbe portarla a rilassarsi piuttosto? chiedo eh, tu conosci tua figlia e sai quale potrebbe essere la sua reazione ma secondo me, però forse ragiono da adulta, conoscere il problema è il primo passo per risolverlo a maggior ragione poi che essendo anche suo papà dislessico non lo vivrebbe così male, che dici?
Io son abbastanza concorde
Dare un nome al proprio mostro aiuto a sconfiggerlo
Sì, ma il nome glielo diamo senza percorso di diagnosi. Magari glielo farò spiegare dalla referente (che lei conosce bene e con cui ha confidenza) o dalla sua maestra.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

kri ha scritto:Trilli, ricordo la tua attesa, l'anno scorso, dell'esito del dettato Tressoldi-Cornoldi (giusto?) e il tuo sollievo nel sapere che Alice l'aveva superato. Ora capisco perché!

Ti posso fare una domanda, forse stupida e dettata dalla mia ignoranza sui DSA?
Scrivi che Alice legge bene (inventa delle parole con criterio alla prima lettura, se rilegge non fa errori) e che comprende i testi. Perché, allora, gli audiolibri? Come integrazione o come sostituzione?
Io, da un lato, penso che l'apprendimento che passa per l'ascolto sia una risorsa enorme, spesso sottovalutata, che tutti dovrebbero coltivare e, non a caso, tra i miei compagni di liceo e università più "efficienti", c'erano quelli che imparavano la lezione già in aula.
Tuttavia, se Alice comprende il testo e lo ri - legge correttamente, mi immagino che abbia gli strumenti per apprendere tramite il testo scritto, forse con una fatica (che tu non descrivi, ma in qualche modo deve esserci) che magari compenserà nel tempo, come già ora compensa altre difficoltà.
Sappi che non sottovaluto assolutamente le difficoltà di Alice, chiedo proprio per capire.
Poi, concordo pienamente, che il danno più grande che si possa fare è rovinare la voglia e la curiosità di apprendere dei nostri figli.
Un dsa è come un miope. Io ci vedo benino anche senza lenti, ma mi affatico inutilmente. Non c'è nessun vantaggio a sforzarmi di non usarle.
Piuttosto ti chiedo: perché secondo te NON dovrebbe usare gli audiolibri per studiare? Si esercita nella lettura in italiano, in matematica, oppure leggendo Geronimo Stilton nel tempo libero. Storia scienze e geografia può ascoltarle. È un metodo più efficace, non ci vedo nulla di male.
Io non credo alla storia che lo studio debba essere necessariamente fatica. E soprattutto credo che ognuno abbia il suo stile cognitivo, che va rispettato e anzi incoraggiato Immagine
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

Seem83 ha scritto:Ti ho letta tutta.
Potresti tentare, come noi, una riabilitazione logopedica.
Non sei tenuta a farle fare necessariamente una certificazione , ma potresti inserirla tra i BES, che hanno diritto a tutti gli ausili come un bimbo certificato.
Ma perché logopedia? Lei i fonemi li percepisce correttamente, ma non ha l'automatismo per tradurli in grafemi. Infatti non commette sempre lo stesso errore, ma scrive lo stesso suono una volta sbagliato e dieci giusto. Anche se conosce la regola eh.
Rispondi