Alice, la dislessia, la disortografia.

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da sweet »

Vi leggo e vi ammiro. Ne sapete veramente tantissimo...mi chiedo, a che età si "scoprono" queste piccole mancanze (passatemi il termine non mi viene altro)? È la maestra che segnala?


Avatar utente
la yle
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3291
Iscritto il: gio ago 23, 2007 3:03 pm

Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da la yle »

Trilli agisci
Io mi sono fidata delle stesse parole dette a te dalle maestre e sai come è andata
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

sweet ha scritto:Vi leggo e vi ammiro. Ne sapete veramente tantissimo...mi chiedo, a che età si "scoprono" queste piccole mancanze (passatemi il termine non mi viene altro)? È la maestra che segnala?
Per me è lavoro, non (solo) il problema di mia figlia! Di qui la conoscenza approfondita.
I disturbi specifici dell'apprendimento si diagnosticano dalla seconda elementare. Di solito segnalano le maestre.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

la yle ha scritto:Trilli agisci
Io mi sono fidata delle stesse parole dette a te dalle maestre e sai come è andata
No ma io non vedo Alice in difficoltà in generale. Oggi scienze 9,5 per dire. Ma ha scritto BOTTTIGLIA con 3 T Immagine.
Mi fido perché la nostra scuola è molto attrezzata sui dsa, la referente è una persona davvero in gamba. E mi ha confermato anche oggi in piscina che è ok l'audiolibro e dirà alle maestre di non infierire sugli errori ortografici. Ci torno con calma.
Avatar utente
la yle
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3291
Iscritto il: gio ago 23, 2007 3:03 pm

Re: RE: Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da la yle »

Trilli ha scritto:
la yle ha scritto:Trilli agisci
Io mi sono fidata delle stesse parole dette a te dalle maestre e sai come è andata
No ma io non vedo Alice in difficoltà in generale. Oggi scienze 9,5 per dire. Ma ha scritto BOTTTIGLIA con 3 T Immagine.
Mi fido perché la nostra scuola è molto attrezzata sui dsa, la referente è una persona davvero in gamba. E mi ha confermato anche oggi in piscina che è ok l'audiolibro e dirà alle maestre di non infierire sugli errori ortografici. Ci torno con calma.
Trilli ti chiamerei volentieri
Mi sento troppo dentro questa cosa
Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: RE: Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da sweet »

Trilli ha scritto:
sweet ha scritto:Vi leggo e vi ammiro. Ne sapete veramente tantissimo...mi chiedo, a che età si "scoprono" queste piccole mancanze (passatemi il termine non mi viene altro)? È la maestra che segnala?
Per me è lavoro, non (solo) il problema di mia figlia! Di qui la conoscenza approfondita.
I disturbi specifici dell'apprendimento si diagnosticano dalla seconda elementare. Di solito segnalano le maestre.
Grazie trilli. Sei proprio brava.
Avatar utente
kri
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 1292
Iscritto il: ven gen 01, 2010 1:00 am

Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da kri »

Trilli ha scritto:
kri ha scritto:Trilli, ricordo la tua attesa, l'anno scorso, dell'esito del dettato Tressoldi-Cornoldi (giusto?) e il tuo sollievo nel sapere che Alice l'aveva superato. Ora capisco perché!

Ti posso fare una domanda, forse stupida e dettata dalla mia ignoranza sui DSA?
Scrivi che Alice legge bene (inventa delle parole con criterio alla prima lettura, se rilegge non fa errori) e che comprende i testi. Perché, allora, gli audiolibri? Come integrazione o come sostituzione?
Io, da un lato, penso che l'apprendimento che passa per l'ascolto sia una risorsa enorme, spesso sottovalutata, che tutti dovrebbero coltivare e, non a caso, tra i miei compagni di liceo e università più "efficienti", c'erano quelli che imparavano la lezione già in aula.
Tuttavia, se Alice comprende il testo e lo ri - legge correttamente, mi immagino che abbia gli strumenti per apprendere tramite il testo scritto, forse con una fatica (che tu non descrivi, ma in qualche modo deve esserci) che magari compenserà nel tempo, come già ora compensa altre difficoltà.
Sappi che non sottovaluto assolutamente le difficoltà di Alice, chiedo proprio per capire.
Poi, concordo pienamente, che il danno più grande che si possa fare è rovinare la voglia e la curiosità di apprendere dei nostri figli.
Un dsa è come un miope. Io ci vedo benino anche senza lenti, ma mi affatico inutilmente. Non c'è nessun vantaggio a sforzarmi di non usarle.
Piuttosto ti chiedo: perché secondo te NON dovrebbe usare gli audiolibri per studiare? Si esercita nella lettura in italiano, in matematica, oppure leggendo Geronimo Stilton nel tempo libero. Storia scienze e geografia può ascoltarle. È un metodo più efficace, non ci vedo nulla di male.
Io non credo alla storia che lo studio debba essere necessariamente fatica. E soprattutto credo che ognuno abbia il suo stile cognitivo, che va rispettato e anzi incoraggiato Immagine
Forse non mi sono espressa in maniera chiara. Non penso che Alice non debba usare gli audiolibri, semmai mi domandavo se tu ritenessi che dovesse abbandonare del tutto il testo scritto per lo studio di storia, geografia e scienze. Raccontando tu che Alice ha una buona comprensione del testo, a me veniva naturale pensare ad una integrazione audiolibri / libro scritto. Perché si stretta di una risorsa in più, ovviamente se non costa troppa fatica.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: RE: Re: Alice, la dislessia, la disortografia.

Messaggio da Trilli »

kri ha scritto:
Trilli ha scritto:
kri ha scritto:Trilli, ricordo la tua attesa, l'anno scorso, dell'esito del dettato Tressoldi-Cornoldi (giusto?) e il tuo sollievo nel sapere che Alice l'aveva superato. Ora capisco perché!

Ti posso fare una domanda, forse stupida e dettata dalla mia ignoranza sui DSA?
Scrivi che Alice legge bene (inventa delle parole con criterio alla prima lettura, se rilegge non fa errori) e che comprende i testi. Perché, allora, gli audiolibri? Come integrazione o come sostituzione?
Io, da un lato, penso che l'apprendimento che passa per l'ascolto sia una risorsa enorme, spesso sottovalutata, che tutti dovrebbero coltivare e, non a caso, tra i miei compagni di liceo e università più "efficienti", c'erano quelli che imparavano la lezione già in aula.
Tuttavia, se Alice comprende il testo e lo ri - legge correttamente, mi immagino che abbia gli strumenti per apprendere tramite il testo scritto, forse con una fatica (che tu non descrivi, ma in qualche modo deve esserci) che magari compenserà nel tempo, come già ora compensa altre difficoltà.
Sappi che non sottovaluto assolutamente le difficoltà di Alice, chiedo proprio per capire.
Poi, concordo pienamente, che il danno più grande che si possa fare è rovinare la voglia e la curiosità di apprendere dei nostri figli.
Un dsa è come un miope. Io ci vedo benino anche senza lenti, ma mi affatico inutilmente. Non c'è nessun vantaggio a sforzarmi di non usarle.
Piuttosto ti chiedo: perché secondo te NON dovrebbe usare gli audiolibri per studiare? Si esercita nella lettura in italiano, in matematica, oppure leggendo Geronimo Stilton nel tempo libero. Storia scienze e geografia può ascoltarle. È un metodo più efficace, non ci vedo nulla di male.
Io non credo alla storia che lo studio debba essere necessariamente fatica. E soprattutto credo che ognuno abbia il suo stile cognitivo, che va rispettato e anzi incoraggiato Immagine
Forse non mi sono espressa in maniera chiara. Non penso che Alice non debba usare gli audiolibri, semmai mi domandavo se tu ritenessi che dovesse abbandonare del tutto il testo scritto per lo studio di storia, geografia e scienze. Raccontando tu che Alice ha una buona comprensione del testo, a me veniva naturale pensare ad una integrazione audiolibri / libro scritto. Perché si stretta di una risorsa in più, ovviamente se non costa troppa fatica.
Il testo scritto lo usano in classe, a casa per studiare potrebbe usare l'audiolibro (è lui la risorsa in più, non la pagina scritta Immagine)
Rispondi