Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Trilli »

La riflessione scaturisce soprattutto dalla frequentazione dei social, ma anche da occasionali conversazioni con persone di mia conoscenza.
Premessa d'obbligo: ho avuto una formazione prettamente umanistica (liceo classico e facoltà di lettere) eppure ho sempre coltivato una passione del tutto dilettantistica per le scienze. Leggo, mi informo, guardo avidamente documentari. Con la coscienza ben chiara di essere appunto una dilettante, e quindi desiderosa di ascoltare chi ha dedicato una vita allo studio di certe materie.
Noto invece, sempre più diffusa, una diffidenza per gli scienziati, che si estende pericolosamente a molti campi del sapere.
Basti pensare alla medicina, alla diffidenza per i protocolli vaccinali o di cura: quanti si permettono di metterli in discussione, modificarli in base al loro sentire, o addirittura di non metterli in pratica, magari affidandosi a cialtroni più o meno preparati? Quanti portano avanti teorie strampalate basandosi semplicemente sull'esperienza personale, che in medicina vale zero? Ci sono in giro tanti nonni che fumando hanno vissuto 90 anni e tanti adulti che hanno viaggiato senza seggiolino e cinture da bambini, ma ciò non significa che il fumo non faccia male e che sia pericoloso trasportare i bimbi slegati...
Altro campo minato: la climatologia. Il riscaldamento globale non esiste (magari perché ha fatto freddino una settimana a ottobre), gli allarmi sono ingiustificati.
Per non parlare dei geologi e dei sismologi, rei di non saper prevedere un terremoto (quando tutti sanno che è sempre preceduto da vento caldo) e di insistere a parlare di tettonica a placche, e a non riconoscere il ruolo delle trivellazioni in Adriatico nel provocare i sismi in Italia Centrale.
Ciò che più mi sconcerta è che spesso gli scienziati che sostengono certe tesi sono automaticamente accusati di essere al soldo di qualcuno. Vedi il pediatra favorevole alle vaccinazioni, sicuramente al soldo di Big Pharma; o ancora i sismologi dell'INGV prezzolati dal governo per abbassare la magnitudo dei terremoti.
Perché questa sfiducia, mi chiedo? Colpa della scuola, che non sempre dà un'adeguata formazione scientifica? Mi piacerebbe capire, anche per provare a formare cittadini un po' più preparati e un po' meno complottari.


Talita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1119
Iscritto il: ven ago 09, 2013 10:05 am

Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Talita »

Per quanto riguarda la medicina, le cause sono due, secondo me
1) la medicina é (giustamente!) cambiata, da un approccio paternalistico in cui il medico era una sorta di dio che tutto sapeva e poteva, ora si cerca di spiegare, condividere le informazioni e coinvolgere il malato nelle decisioni. Questo ha fatto credere ad alcuni ignoranti di sapere più di chi ha studiato anni quella materia.
2) Sono state scoperte molte frodi scientifiche, imbrogli, truffe ecc... che hanno creato sfiducia.

Comunque secondo me alla base di tutto c'è una completa ignoranza della statistica e del metodo scientifico.
La gente non capisce il concetto di cosa é "statisticamente rilevante" e cosa é invece un evento isolato trascurabile, così come la dimostrazione del il nesso causa-effetto.
Cose che si imparano in statistica, appunto.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Trilli »

Talita ha scritto:Per quanto riguarda la medicina, le cause sono due, secondo me
1) la medicina é (giustamente!) cambiata, da un approccio paternalistico in cui il medico era una sorta di dio che tutto sapeva e poteva, ora si cerca di spiegare, condividere le informazioni e coinvolgere il malato nelle decisioni. Questo ha fatto credere ad alcuni ignoranti di sapere più di chi ha studiato anni quella materia.
2) Sono state scoperte molte frodi scientifiche, imbrogli, truffe ecc... che hanno creato sfiducia.

Comunque secondo me alla base di tutto c'è una completa ignoranza della statistica e del metodo scientifico.
La gente non capisce il concetto di cosa é "statisticamente rilevante" e cosa é invece un evento isolato trascurabile, così come la dimostrazione del il nesso causa-effetto.
Cose che si imparano in statistica, appunto.
Considerazioni corrette!
Mi chiedo però perchè, quando le truffe riguardano chi si oppone alla medicina "tradizionalista" (vedi caso Wakefield e falsa correlazione vaccini-autismo) finiscono, al contrario, col rafforzare la posizione del truffatore.
Sul nesso causa-effetto sì, ho notato che si scambia spesso una correlazione temporale con una causale.
Domandona: come si pone rimedio all'ignoranza di cui sopra?
Avatar utente
Scilla
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6229
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:55 pm

Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Scilla »

Interessante, seguo
Talita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1119
Iscritto il: ven ago 09, 2013 10:05 am

Re: RE: Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Talita »

Trilli ha scritto:
Talita ha scritto:Per quanto riguarda la medicina, le cause sono due, secondo me
1) la medicina é (giustamente!) cambiata, da un approccio paternalistico in cui il medico era una sorta di dio che tutto sapeva e poteva, ora si cerca di spiegare, condividere le informazioni e coinvolgere il malato nelle decisioni. Questo ha fatto credere ad alcuni ignoranti di sapere più di chi ha studiato anni quella materia.
2) Sono state scoperte molte frodi scientifiche, imbrogli, truffe ecc... che hanno creato sfiducia.

Comunque secondo me alla base di tutto c'è una completa ignoranza della statistica e del metodo scientifico.
La gente non capisce il concetto di cosa é "statisticamente rilevante" e cosa é invece un evento isolato trascurabile, così come la dimostrazione del il nesso causa-effetto.
Cose che si imparano in statistica, appunto.
Considerazioni corrette!
Mi chiedo però perchè, quando le truffe riguardano chi si oppone alla medicina "tradizionalista" (vedi caso Wakefield e falsa correlazione vaccini-autismo) finiscono, al contrario, col rafforzare la posizione del truffatore.
Sul nesso causa-effetto sì, ho notato che si scambia spesso una correlazione temporale con una causale.
Domandona: come si pone rimedio all'ignoranza di cui sopra?
Perché c'è la mentalità del "ci vogliono fregare" infatti le frasi dei complottisti sono sempre "sveglia/ nessuno te lo dice/ ce lo tengono nascosto" e si trova più soddisfazione nello smentire una teoria universalmente accettata, ci si sente gli unici intelligenti in mezzo a una massa di caproni che accettano verità dall'alto.
É come se tutto fosse diventato discutibile, ma senza che le persone abbiano gli strumenti per discutere alla pari o l'umiltà di farsi spiegare.

Soluzione? Non so.
Però forse insegnare cos'è il metodo scientifico, come si legge un articolo e come si scrive, i parametri da rispettare perche uno studio sia accettato, la selezione del campione, i possibili fattori confondenti, come nasce e si sviluppa una teoria, sarebbe bello rendere meno nascosto il lavoro dei ricercatori, che lavorano per anni ad un progetto con un metodo rigoroso.
Far capire quali sono le riviste serie e quali sono giornaletti divulgativi, l'impact factor etc...
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: RE: Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Azur »

Talita ha scritto:Soluzione? Non so.
Però forse insegnare cos'è il metodo scientifico, come si legge un articolo e come si scrive, i parametri da rispettare perche uno studio sia accettato, la selezione del campione, i possibili fattori confondenti, come nasce e si sviluppa una teoria, sarebbe bello rendere meno nascosto il lavoro dei ricercatori, che lavorano per anni ad un progetto con un metodo rigoroso.
Far capire quali sono le riviste serie e quali sono giornaletti divulgativi, l'impact factor etc...
Quoto, la scuola secondo me è l'unica che può dare una svolta.
Manca una cultura scientifica minima, di base, che permette sia di "sapere di non sapere" sia di capire dove andare a cercare le informazioni.

Sulla medicina oltre ai due punti detti da Talita, aggiungo campagne estremamente aggressive di avvocati "da malasanità" che si vanno a cercare clienti a tutti i costi, in stile americano.
Creano e nutrono una diffidenza estrema, a priori, che sta obbigando anche i medici a cambiare (in peggio) applicando per forza di cose anche la medicina difensiva.
Avatar utente
Scilla
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6229
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:55 pm

Re: RE: Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Scilla »

Talita ha scritto:
Soluzione? Non so.
Però forse insegnare cos'è il metodo scientifico, come si legge un articolo e come si scrive, i parametri da rispettare perche uno studio sia accettato, la selezione del campione, i possibili fattori confondenti, come nasce e si sviluppa una teoria, sarebbe bello rendere meno nascosto il lavoro dei ricercatori, che lavorano per anni ad un progetto con un metodo rigoroso.
Far capire quali sono le riviste serie e quali sono giornaletti divulgativi, l'impact factor etc...
Quoto

il comportamento di molte di queste persone, i cosiddetti complottisti, lo trovo molto pericoloso e altrettanto sottovalutato
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: RE: Re: Gli italiani e la scienza: un rapporto difficile?

Messaggio da Trilli »

Azur ha scritto:
Talita ha scritto:Soluzione? Non so.
Però forse insegnare cos'è il metodo scientifico, come si legge un articolo e come si scrive, i parametri da rispettare perche uno studio sia accettato, la selezione del campione, i possibili fattori confondenti, come nasce e si sviluppa una teoria, sarebbe bello rendere meno nascosto il lavoro dei ricercatori, che lavorano per anni ad un progetto con un metodo rigoroso.
Far capire quali sono le riviste serie e quali sono giornaletti divulgativi, l'impact factor etc...
Quoto, la scuola secondo me è l'unica che può dare una svolta.
Manca una cultura scientifica minima, di base, che permette sia di "sapere di non sapere" sia di capire dove andare a cercare le informazioni.

Sulla medicina oltre ai due punti detti da Talita, aggiungo campagne estremamente aggressive di avvocati "da malasanità" che si vanno a cercare clienti a tutti i costi, in stile americano.
Creano e nutrono una diffidenza estrema, a priori, che sta obbigando anche i medici a cambiare (in peggio) applicando per forza di cose anche la medicina difensiva.
Io come insegnante mi sento sconfortata. Si cerca di educare i ragazzi a basarsi su dati e fatti, a controllare le fonti. Ma l'ambiente esterno influisce moltissimo. Temo sarà un lavoro molto lungo.
Ma come si è arrivati a questo punto? Che cosa non ha funzionato? Colpa di una scuola troppo umanistica e troppo poco scientifica, anche quando si tratta di istruzione tecnica o professionale?
Perdo moltissimo tempo anche online, con esempi semplici e immediati, per cercare di diffondere un approccio minimamente scientifico ai problemi, ma ho la sensazione che sia, appunto, tempo perso.
Rispondi