Parlare di violenza ai nostri figli...

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
matiti
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2752
Iscritto il: gio mar 10, 2011 11:43 am

Re: RE: Re: Parlare di violenza ai nostri figli...

Messaggio da matiti »

sweet ha scritto:
Poochie ha scritto:Mio figlio maggiore ha 6 anni e mezzo...già da un po' ho inziato a spiegargli che putroppo ci sono anche persone cattive che potrebbero fargli male.
Ovviamente non sono stata esplicita su come e dove...ma deve capire che non ci si può fidare di tutti soprattutto di chi non conosce.
Lui per carattere sarebbe molto poco diffidente... anzi, è il bambino che dà confidenza a tutti e questo mi spaventa
Invece secondo me bisogna essere espliciti sul come e il dove. Questa storia/progetto è nata apposta per introdurre l'argomento ai nostri bambini. Spetta a noi genitori, a chi altro?
Ieri sera l'ho letta ai miei bambini, mi hanno fatto tante domande ed erano curiosi.
Un bambino su 5. E per lo più da conoscenti/parenti. E' nostro dovere dare armi ai nostri bambini, in primis la fiducia nei nostri confronti.
Concordo, è un argomento spinoso che fa paura ma non dobbiamo mettere la testa sotto la sabbia, è nostro dovere di genitore.
Brava che hai già letto la storia, io lo farò questa sera.


Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: RE: Re: RE: Re: Parlare di violenza ai nostri figli...

Messaggio da sweet »

matiti ha scritto:
sweet ha scritto:
Poochie ha scritto:Mio figlio maggiore ha 6 anni e mezzo...già da un po' ho inziato a spiegargli che putroppo ci sono anche persone cattive che potrebbero fargli male.
Ovviamente non sono stata esplicita su come e dove...ma deve capire che non ci si può fidare di tutti soprattutto di chi non conosce.
Lui per carattere sarebbe molto poco diffidente... anzi, è il bambino che dà confidenza a tutti e questo mi spaventa
Invece secondo me bisogna essere espliciti sul come e il dove. Questa storia/progetto è nata apposta per introdurre l'argomento ai nostri bambini. Spetta a noi genitori, a chi altro?
Ieri sera l'ho letta ai miei bambini, mi hanno fatto tante domande ed erano curiosi.
Un bambino su 5. E per lo più da conoscenti/parenti. E' nostro dovere dare armi ai nostri bambini, in primis la fiducia nei nostri confronti.
Concordo, è un argomento spinoso che fa paura ma non dobbiamo mettere la testa sotto la sabbia, è nostro dovere di genitore.
Brava che hai già letto la storia, io lo farò questa sera.
Pensa che mi hanno fatto tante domande, quello che per noi è ormai scontato per loro non lo è. E poi abbiamo fatto il gioco del segreto buono e del segreto cattivo.
Avatar utente
Martina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2049
Iscritto il: ven gen 13, 2012 4:18 pm

Re: Parlare di violenza ai nostri figli...

Messaggio da Martina »

Non ho ancora lett ma grazie mille dello spunto.

Concordo su chi dice che col linguaggio giusto occorre spiegare con chiarezza. Creare "vergogna" e "non chiarezza" alimenta il "non ne posso parlare". Invece chiarezza aiuta a condividere ed acquistare fiducia
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: Parlare di violenza ai nostri figli...

Messaggio da MatifraSo »

Parlarne è utile, anzi direi indispensabile.
Con parole adatte all'età, con termini che possano capire.
Molto bello è anche il libro "non voglio le tue caramelle". Consigliato proprio qui sul forum anni fa, l'ho spesso letto alle bimbe quando erano più piccole.
Lì però, parlano sempre come se il pericolo fosse lo sconosciuto. Solo in un esempio è un amico di famiglia.
Avatar utente
matiti
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2752
Iscritto il: gio mar 10, 2011 11:43 am

Re: Parlare di violenza ai nostri figli...

Messaggio da matiti »

MatifraSo ha scritto:Parlarne è utile, anzi direi indispensabile.
Con parole adatte all'età, con termini che possano capire.
Molto bello è anche il libro "non voglio le tue caramelle". Consigliato proprio qui sul forum anni fa, l'ho spesso letto alle bimbe quando erano più piccole.
Lì però, parlano sempre come se il pericolo fosse lo sconosciuto. Solo in un esempio è un amico di famiglia.
Grazie, prendo nota del libro.
Rispondi