Il premio è educativo?

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Azur »

Dei miei ad es. la grande è sempre stata totalmente autonoma e gelosissima della sua autonomia, per cui le mie offerte di "aiuto" erano viste come ingerenze indesiderate,
mentre il secondo (1° media appunto) pur potendosela cavare da solo chiede molto spesso una "presenza", è una cosa che, soprattutto nella prima parte dell'anno, con tutte le novità, lo rassicurava molto (anche se poi all'atto pratico non ha bisogno di supporto didattico), instaurando un circolo virtuoso (maggiore attenzione>maggiore sicurezza>ecc)


Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Trilli »

Pol&son ha scritto:Secondo la mia psicologa poi bisogna educarli al positivo: se per farti capire che si sta meglio a ricevere dei bei voti ti devo invogliare con un premio, il fine giustifica i mezzi.
Quando ti sarai abituato alla sensazione positiva nell'aver fatto bene il tuo lavoro il premio in sé avrà meno importanza
Allora ci vogliono piccoli premi per piccole conquiste.
Un premio grosso per un obiettivo lontano e per così dire astratto raramente funziona.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Pol&son »

Trilli ha scritto:
Pol&son ha scritto:Secondo la mia psicologa poi bisogna educarli al positivo: se per farti capire che si sta meglio a ricevere dei bei voti ti devo invogliare con un premio, il fine giustifica i mezzi.
Quando ti sarai abituato alla sensazione positiva nell'aver fatto bene il tuo lavoro il premio in sé avrà meno importanza
Allora ci vogliono piccoli premi per piccole conquiste.
Un premio grosso per un obiettivo lontano e per così dire astratto raramente funziona.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Sì infatti noi abbiamo iniziato con la bustina in edicola al sabato se scriveva tutti i compiti il venerdì

Però anche fissare la gita a Gardaland nel caso in cui la pagella fosse migliorata è servito....
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: RE: Re: RE: Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Tropical »

Trilli ha scritto:
Pol&son ha scritto:Secondo la mia psicologa poi bisogna educarli al positivo: se per farti capire che si sta meglio a ricevere dei bei voti ti devo invogliare con un premio, il fine giustifica i mezzi.
Quando ti sarai abituato alla sensazione positiva nell'aver fatto bene il tuo lavoro il premio in sé avrà meno importanza
Allora ci vogliono piccoli premi per piccole conquiste.
Un premio grosso per un obiettivo lontano e per così dire astratto raramente funziona.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Grazie, Trilli. Era proprio questo che chiedevo col mio thread.
Il regalo grosso a fine anno può starci, ma quello piccolo, per ogni verifica o interrogazione, è controproducente?
Ora ho le idee più chiare.
Avatar utente
Laura
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1640
Iscritto il: dom set 28, 2008 5:45 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Laura »

E' chiaro che non vado al lavoro solo per i soldi (altrimenti non farei l'insegnante...)
ma una retribuzione al proprio lavoro è gratificante,
io non voglio essere pagata per quello che faccio a casa perchè ognuno in maniera diversa collabora,
per dire il grande mette la tavola, il piccolo s'impegna a non lasciare panni e giochi in giro; la casa è di tutti,
quello è il loro dovere, lo studio come lo sport sono degli impegni notevoli.
Come Mr Mainagioia, i miei erano "Hai preso nove? Che hai sbagliato?"
...e che palle anche...

Detto questo, non è che ogni 'starnuto' devono avere un premio, però se per esempio si impegnano e recuperano una materia per loro difficile,
o riescono a tenere una certa media o anche se vedo che si impegnano al loro massimo, una piccola gratificazione si può concedere.
Che poi magari ecco una giornata passata in famiglia o un film che vogliono vedere al cinema sono anche occasioni per stare insieme.
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Azur »

Laura ha scritto:Detto questo, non è che ogni 'starnuto' devono avere un premio, però se per esempio si impegnano e recuperano una materia per loro difficile,
o riescono a tenere una certa media o anche se vedo che si impegnano al loro massimo, una piccola gratificazione si può concedere.
Guarda, anche su questo secondo me dipende (al terzo figlio sono diventata relativista assoluta ahah).
Con il piccolo le gratificazioni di questo genere parevano funzionare bene ma...dopo un po' è diventato un delirio di mercanteggiamenti peggio che in un suk "se prendo 8 allora" "ma se prendo 9 che è più di 8..." ecc ecc, senza contare i tentativi di estendere il "meccanismo premio" anche a tutto il resto "se mi comporto bene" "se vado a letto senza storie" "se...." e le crisi isteriche se il premio promesso non arrivava nei tempi e nelle modalità pensate da lui.
Quindi abbiamo dovuto fare marcia indietro se no non si viveva più.
Avatar utente
Laura
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1640
Iscritto il: dom set 28, 2008 5:45 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Laura »

lela, ma infatti non intendo per ogni voto o se prendo otto,
come vedi ho scritto "mantenere un voto o recuperare una materia"
che è una cosa che implica qualche mese di impegno.
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Il premio è educativo?

Messaggio da Azur »

Lo so, ed è quello che avevamo iniziato a fare noi,
ma evidentemente nel mio "soggetto predisposto" l'idea del premio/gratificazione ha preso la stessa ossessività che hanno (per lui) ad esempio i videogiochi (su cui anche non possiamo mai allentare le regole). (diciamo che è un bambino da o tutto o niente...)
Rispondi