La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Idee culinarie per grandi e bambini
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da CisePunk »

Parto dal "significato" di frittura che è un sistema di cottura di un alimento, per immersione in un mezzo (il grasso), portato a temperatura elevata affinché si ottenga:
1) la denaturazione delle proteine:
aumenta la digeribilità
la superficie si rapprende (croccantezza)
2) la evaporazione dell’acqua:
l'alimento si deumidifica;
l'acqua, fuoriuscendo, impedisce l’ingresso del grasso nel cibo
Il "punto di fumo" è la temperatura alla quale, i trigliceridi (glicerina esterificata da acidi grassi), si scindono mettendo in libertà la glicerina che, rapidamente, origina composti irritanti e tossici fra i quali la acroleina, ma è bene tener presente che, attualmente, al “punto di fumo” si dà scarso significato sia per la difficoltà nel deteminarlo sia, soprattutto, perché è in funzione di molti fattori fra cui materie e sostanze organiche "non grasse" presenti (lecitine nel "soia", sostanze "insaponificabili" negli altri, acidità (nel "da" oliva, i 180° di PF scendono a 140° con acidità attorno a 1, 5%) , ecc.
Ricordando che si tratta di un valore empirico, non supportato da prove scientifiche, ve ne allego alcune indicazioni:
Strutto, attorno a 200-220 °C
Oli “da oliva” , circa 180 °C
(ma con la acidità, e altro, si abbassa fino a 140 °C)
Olio di arachide, 170-175 °C
Olio di vinacciolo, 165-170 °C
Olio di girasole, 160-165 °C
Olio di soia , 130-140 °C
Olio di crocifere, ??
Olio di semi vari, è in funzione dei componenti

È stato proposto, e si utilizza, un Indice di Stabilità in Frittura (ISF) che ha più di una base scientifica perché tiene conto della insaturazione degli acidi grassi e della loro reattività con l’Ossigeno. Vi propongo questa tabella (chi ha cercato di decifrarla ieri la troverà meglio oggi; chi non l'ha vista ieri, non la apprezzerà neanche adesso!)

olio di-------------------ac. saturi---------mono- -----poli- --------indice di
---------------------------------------------insaturi----insaturi-----stabilità in frittura

strutto--------------------40-42%--------48-50%----~ 10%----------1
(preso a riferimento)
oliva-----------------------9-15%---------75-80%-----8–10%------1,2-1,5
palma, frazionato----------41%-----------46%---------13%---------1,8
arachide--------------------19%-----------53%---------28%---------3,4
mais------------------------15%-----------30%----------55%--------6,0
girasole--------------------11%-----------29%-----------60%--------6,3
soia-------------------------15%-----------25%-----------60%--------7,5
semi vari--------------------?---------------?---------------?----------7,3-7,6

L'ISF (l'ultima colonna) dice quante volte meno adatto a friggere (cioè a resistere ai danni dovuti al calore) è un certo grasso a confronto dello strutto considerato come "1"
La frittura prevede diverse possibilità di esecuzione, in particolare si parla di :
Frittura “senza rivestimento”: le derrate si friggono direttamente tal quali e si assiste che
- Zuccheri e/o amido, caramellano (patate, paste, frittelle, ecc.)
- L’albumina contenuta, coagula (uova)
- Altre proteine si denaturano (piccoli pesci, latterini ecc., specie se asciugati, magari al sole, per 5-10 minuti)

Frittura “con rivestimento”: consiste nel predisporre sui pezzi da friggere un “film” che impermeabilizzi la superficie isolando l’interno dal grasso di frittura. E' bene non usare sale che concentra l'umidità controindicata nella formazione della “crosta”. Si procede mediante:
- Infarinatura: inumidire passare i pezzi della derrata nella farina.
- Doratura: inumidire (acqua, latte), passare i pezzi della derrata nella farina e nell'uovo.
- Panatura: si usa per cibi umidi e in pezzi grossi creando una tripla protezione. In pratica, dopo l'eventuale infarinatura le derrate si passano prima in uovo sbattuto e poi in pangrattato.
- Impastellatura: si impiega per reperti vegetali molto umidi per i quali si prepara una pastella con farina, e/o latte, uovo.

Fare una "buona" frittura, nella quale siete bravissimi/e, tener presente che
-Il grasso deve essere molto caldo per far denaturare la superficie in un tempo il più possibilmente rapido.
-La temperatura non deve esser troppo alta per non “bruciare” l’esterno mentre si sta cuocendo l’interno.
-Durante la cottura dell’interno, l’acqua esce in forma di vapore (bollicine che “friggono”) così impediscono al grasso di penetrare nella derrata.
-Una certa umidità rimasta nell’alimento fritto attesta una minor presenza di grasso.
-La cottura avviene tecnicamente bene sia “in padella” (con poco olio, circa a metà altezza) che “in immersione” (l’olio copre completamente il prodotto).
-I cibi da friggere dovrebbero essere poco umidi all’interno e preparati in pezzature piccole e/o sottili.

Tenere, infine presente che le temperature più "consigliabili" sono:
- Per lunghe fritture (tranci di pesce, coniglio, volatili, ecc.) friggere fra i 140-160 °C;
-Per fritture “con rivestimento” come frittelle, crocchette, ecc. che, in genere, sono precotte mantenersi fino a 175 °C;
- Per piccoli pesci, carni sminuzzate (uso orientale), chips, patate-fiammifero, ecc. mantenersi fra 175 – 185 °C.

Se si usa il burro come vettore termico si tenga presente che, una volta liquefatto, la temperatura da non superare è indicata dal passaggio del colore al rosso prima e, successivamente, al tono nocciola (burro rosso).


Avatar utente
Babbi
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1130
Iscritto il: lun set 21, 2009 11:30 pm
Contatta:

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da Babbi »

interessante...ora devo solo capire con cosa è meglio friggere ahahah
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da Tropical »

Molto interessante. Grazie, Cinzia.

Per la frittura io uso olio di arachidi. Per il prezzo a volte devo scegliere quello di girasole.
Avrei a disposizione anche l'extravergine di oliva, che però ha un gusto forte e spesso copre il sapore del fritto.
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da CisePunk »

ilk problema è sempre la temperatura.
L'idea sarebbe sempre l'olio extravergine d'oliva.
Come potete vedere dalla tabella, però, il massimo è incredibilmente lo strutto come efficienza di frittura, ma ha una percentuale alta di grassi saturi.
Anche io uso spesso l'olio di arachidi (il terzo della lista praticamente).
Ma se devo fare zucca, melanzane o altre verdure, la scelta cade sempre sull'extravergine.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da Trilli »

Grazie Cinzia! Ora studio meglio le tabelle!

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da CisePunk »

ho un suo intervento anche relativamente all'olio di riso: interessa?
Weinà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3014
Iscritto il: lun set 09, 2013 5:41 pm

La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da Weinà »

È un thread interessantissimo!
Persino io, che sono a dieta e devo perdere mille milioni di chili, ho una volta a settimana le chips e una volta la fettina impanata e fritta, tassativamente in olio extra vergine di oliva.


Sent from my iPhone using Tapatalk
Avatar utente
Martina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2049
Iscritto il: ven gen 13, 2012 4:18 pm

Re: La frittura (gentilmente concesso dal grande Ettore Franca)

Messaggio da Martina »

Quindi le patate fritte mi fanno bene?? :G
Rispondi