Le poesie della memoria

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Trilli »

Mi sono laureata (in letteratura italiana!) con un professore senese che era un archivio vivente. Da buon toscano, conosceva 'Dante a mente', vale a dire tutta la Commedia. Ma non solo. Fosse Petrarca, Ariosto, Foscolo, Manzoni, Leopardi, attaccava qua e là con citazioni infinite.
Ci spiegò che conoscere a memoria un autore significa possederlo, farlo proprio, preservarlo da qualsiasi forma di oblio, spontaneo o forzato. Lo stesso concetto che si ritrova in Fahrenheit 451 di Bradbury.
Spinta da questa sua passione ho imparato a memoria passi e passi dell' opera dantesca, che sono andati ad aggiungersi all'infinito numero di sonetti, carmi, odi appresi fra medie e liceo.
Esercizio per la memoria e per il senso del ritmo, oltretutto.
Sono particolarmente orgogliosa di due 'chicche', difficilissime perché non in rima.
Uno è l'incipit dei 'Sepolcri' di Ugo Foscolo:

All'ombra dei cipressi e dentro l'urne
Confortate di pianto, è forse il sonno
Della morte men duro? Ove più il sole
Per me alla terra non fecondi questa
bella d'erbe famiglia e d'animali
e quando vaghe di lusinghe innanzi
a me non danzeran l'ore future,
Né da te, dolce amico, udro' più il verso
E la mesta armonia che lo governa
Né più nel cor mi parlerà lo spirto
delle vergini Muse e dell'amore,
unico spirto a mia vita raminga,
qual fia ristoro ai dí perduti un sasso
che distingua le mie dalle infinite
ossa che in terra e in mar semina morte?
Vero è ben, Pindemonte: anche la Speme,
Ultima dea, rifugge i sepolcri
E involve tutte cose un oblio nella sua notte
Eccetera, fino al verso 46 o 47 non sono sicura

L'altro è in latino, l'incipit del De rerum natura di Lucrezio

Aeneadum genetrix, hominum divumque voluptas
Alma venus caeli subter labentia Signa
Quae mare navigerum, quae terras frugiferentis
Concelebras, per te quoniam genus omne animantum
Concipitur, viditque exortum lumina solis,
Te dea te fugiunt venti,te nubila caeli
adventumque tuum, tibi suavis daedala tellus
summittit flores, tibi rident aequora ponti,
placatumque nitet diffuso lumine caelum
Eccetera

I ragazzi alle medie fanno moltissima fatica a imparare a memoria. Ancor più a capire i classici. Si trovano meglio con l'ermetismo, paradossalmente...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
Seem83
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3499
Iscritto il: mar gen 24, 2012 11:23 am
Località: Torino

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Seem83 »

Trilli sei ufficialmente il mio mito. Ia mia memoria è pessima, ho sempre faticato con l'esercizio mnemonico.
Weinà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3014
Iscritto il: lun set 09, 2013 5:41 pm

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Weinà »

Vi leggevo già ammirata, ma dopo i "Sepolcri" e il "De rerum natura" mi levo il cappello davanti a tutte voi. Li ho entrambi studiati al liceo con un'insegnante di italiano e latino che mi ha fatto odiare anche ciò che di mio avrei amato. Se c'è una cosa che rimpiango, è proprio non aver studiato bene la letteratura.
Io ricordo un sacco di incipit ma dopo tre-quattro versi già mi incarto. Forse so ancora tutto L'Infinito, ma solo perché l'avevo imparato per l'esame di terza media.
Mio padre, che ha la terza professionale, ne sa moltissime ma non ne ricorda i titoli. Tipo se gli chiedi L'infinito buio totale, ma se gli dici "Sempre caro" lui ti spara tutta la pappardella. Ci fa troppo ridere! Fa lo stesso coi verbi.


Sent from my iPhone using Tapatalk
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Tropical »

Io come Valeria. Ricordo l'incipit, neanche per intero e poi basta.

Ho una buona memoria, ma non per queste cose, forse perché non mi è mai interessata la letteratura. Preferisco le scienze.
Però vi ammiro e tanto. Siete bravissime.
Avatar utente
Martina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2049
Iscritto il: ven gen 13, 2012 4:18 pm

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Martina »

Dùm loquimùr, fùgerit ìnvida
àetas : càrpe dièm, quàm minimùm crèdula pòstero

questa traduzione (questo è solo un piccolissimo pezzo) mi fece prendere un bel 3 al liceo... La imparai a memoria, ma ora mi resta solo la parte finale. E la pronuncia non so più se è corretta. È Orazio


Trilli fantastica
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da CisePunk »

Trilli, hai citato due capolavori.
Non ho pensato in effetti a Foscolo, ma l'ho giusto spiegato a Matthieu qualche giorno fa, perché dobbiamo andare a fare un corso professionale a Firenze e gli ho parlato della chiesa di Santa Croce e anche io ho iniziato con la pappardella...
Va beh. Sono deformazioni mentali di maniache di letteratura :D
Sai che invece io adoravo Plutarco? Ho letto tutte le vite parallele non perché me lo avessero lasciato a scuola, ma proprio perché adoravo questi parallelismi.
Avatar utente
Lucia76
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4736
Iscritto il: mar nov 09, 2010 2:33 pm

Re: R: Le poesie della memoria

Messaggio da Lucia76 »

Trilli sei mitica.

Io ricordo qualche incipit ma intere solo "ed è subito sera" di Quasimodo (facile!) e "odi et amo" di Catullo in latino.
Avatar utente
Babina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4102
Iscritto il: gio feb 19, 2009 12:21 pm

Re: Le poesie della memoria

Messaggio da Babina »

Trilli, sono davvero ammirata, sei straordinaria!
Rispondi