La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Cosetta »

Ospite ha scritto:Ma il fatto che un bambino Nasca solo tra due esseri di sesso opposto non è indicativo di nulla?

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
No, non di grandi verità di psicologia o puericoltura, dato che accade anche fra animali, anche quando poi i figli sono allevati unicamente da un membro della coppia.
O visto che accadeva anche quando poi erano solo le femmine del gruppo a allevare i piccoli, o quando e dove era una famiglia allargata.
No, il fatto che servano ovulo e spermatozoo per il concepimento non è indicativo di nulla riguardo alla cura successiva, secondo me.


Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Azur »

Vavi ha scritto:L'unica cosa che mi lascia dubbiosa e' l'adozione da parte di una coppia gay, soprattutto di un figlio non neonato.

Non perche' in dubbio sulla capacita' genitoriale di una coppia gay, ma perche' spesso sono bambini MOLTO difficili, che partono gia' da situazioni di estrema difficolta', maltrattati, traumatizzati, quindi mi piacerebbe fare prima il primo passo e creare normalita' con la presenza di famiglie gay e poi in un secondo momento, quando nelle scuole gia' ci sono figli normalissimi di coppie gay, introdurre i figli adottati, quindi potenzialmente piu' difficili.
Sai Vavi, la pensavo anch'io così prima.
Ora, dopo 6 anni di teoria dell'adozione e 2 anni di pratica, ho cambiato idea.
Penso, come Alli, che i requisiti dovrebbero includere anche le coppie omosessuali, e il resto debba essere visto in fase di valutazione dei servizi, e scegliere davvero "la coppia più adatta a quel singolo bambino".

Il timore di "creare difficoltà aggiuntive" è molto simile a quello che recita "un bimbo nero no, perché il paese è piccolo/razzista/chiuso e non lo accetterebbe".
È vero, se sei nero in un paesino leghista è più difficile, se hai due genitori dello stesso sesso fuori dalle grandi città è più difficile, ma sono convinta che la differenza la facciano le capacità genitoriali e la disponibilità a mettersi in gioco dei genitori. Perché queste due problematiche, pur esistenti, sono "esterne" al bambino. I problemi più grandi sono quelli interni, il passato e quel che ne deriva.
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Cosetta »

Anche perché ragionando così saremmo ancora all'età della pietra: come giustamente faceva notare Fra ogni novità che "smuove" un po' la società suscita disapprovazione da parte di alcuni. Eppure piano piano il coraggio di alcuni apre la strada a altri, e chi non ha quel coraggio potrebbe almeno facilitare le cose a chi ce l'ha accogliendo i cambiamenti con maggiore apertura!
Voglio dire: un conto è non essere d'accordo (ci sta), un altro è dire "io sarei d'accordo ma altri no e allora poi la situazione sarebbe difficile"...come disse quel saggio, "gli altri siamo noi" ahahahah ;)
Avatar utente
Vavi
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3861
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:00 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Vavi »

Non sono sicura di essermi spiegata bene...
ci riprovo.

Una volta i figli di divorziati erano rari e un po' additati, e se avevano problemi di qualsiasi natura era colpa del divorzio.
Ora le famiglie allargate sono "normali", nel senso che sono comuni. I figli di divorziati sono moltissimi.
In classe di Sara (dell'anno scorso) la meta', META', hanno i genitori separati o divorziati, o figli di coppia di seconde nozze con altri fratellastri o sorellastre.
Tra loro una ragazzina che e' stata adottata, e i genitori recentemente si sono separati. Pensavo che per lei fosse un doppio trauma, ed invece ha problemi come gli altri. Non le pesa piu' di tanto perche' comune, insomma. Diciamo "socialmente acquisita" come situazione.

Ecco io credo che occorra prima legittimare le unioni civili e i figli esistenti, come mi pare abbiano proposto se non ho capito male, e poi quando i figli di coppie gay sono comuni, un concetto socialmente acquisito, insomma "normali" in questo senso, allora si puo' pensare a adozioni da parte di una coppia gay di un bambino esterno alla coppia. Insomma ripeto non metto in dubbio la capacita' genitoriale in se' (poi ci saranno opportuni controlli come nelle coppie etero immagino) ma il fatto che la società sia un po' pronta, un po' meno meno sul chivala'.

Cinzia non posso basare un concetto cosi' generico su l'opinione di un singolo caso, per una che dice che avrebbe preferito genitori gay, ce ne sara' un altro che ha un genitore gay coglione e avrebbe preferito non averlo.

Dal mio punto di vista esistono i diritti da tutelare, i diritti delle coppie gay di essere riconosciute (e sarebbe ora cazzo, scusate il francesismo), i diritti di un minore cresciuto con un genitore gay e relativo compagno/a di restare in famiglia in caso di morte del primo, o di ereditare.
E il diritto di un bimbo orfano di essere cresciuto in una famiglia che non solo lo ama, ma vive in una societa' che li supporta, e non una coppia sotto la lente d'ingrandimento dei media o del giudizio della società. Perche' QUEL bambino ha piu' bisogno di altri di "normalità", di essere aiutato. E' nostro dovere per il bene del bambino metterlo nella condizione migliore possibile di vita, e una coppia gay OGGI probabilmente non lo e' perche' la società non glielo permette. Quindi occorre fare il primo passo velocemente (e noi etero saremmo STUPIDI a cercare di ostacolarlo) e poi attendere semplicemente che la storia faccia il suo corso e i tempi maturino da soli.

(Io conosco migliaia di persone, tra cui molte persone gay (dichiarate e non) e NESSUNA di loro ha figli. )
Avatar utente
Cosetta
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8322
Iscritto il: lun lug 22, 2013 4:13 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Cosetta »

Eh ma Vavi appunto... siccome non è poi così facile per le coppie gay avere figli, con l'adozione sarebbe più semplice per tutti perchè ci sarebbero più figli di coppie gay. Altrimenti non vedo come possa avvenire questo processo di "normalizzazione"
Avatar utente
Vavi
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3861
Iscritto il: ven dic 15, 2006 7:00 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Vavi »

Cosetta ha scritto:Eh ma Vavi appunto... siccome non è poi così facile per le coppie gay avere figli, con l'adozione sarebbe più semplice per tutti perchè ci sarebbero più figli di coppie gay. Altrimenti non vedo come possa avvenire questo processo di "normalizzazione"
Intanto ufficializzando le coppie gay e i loro figli gia' esistenti.

E poi la fecondazione assistita per esempio.
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Azur »

Vavi ha scritto:Intanto ufficializzando le coppie gay e i loro figli gia' esistenti.
E poi la fecondazione assistita per esempio.
Questo sicuramente, siamo già in grande ritardo sul resto del mondo.

Sull'adozione capisco benissimo quello che vuoi dire e ovviamente concordo che IL soggetto da tutelare è il bambino, ma non so... credo molto nell'importanza di un abbinamento mirato bambino-genitori compatibili, e quindi mi sembra che avere a disposizione un numero maggiore di coppie (quelle attuali + quelle omosessuali) tra cui scegliere "quella giusta" non possa che essere positivo proprio per il bambino (fermo restando che l'adozione è un diritto del bambino, non degli adulti, quindi si deve dare per scontato in partenza che NON tutte le coppie arrivano ad adottare).

Immagino che comunque nella grande maggioranza dei casi i giudici deciderebbero che è meglio una coppia standard etero, ma metti che per uno specifico bambino/a, per la sua storia personale, è meglio vivere con solo donne/uomini, perché precludere a priori questa possibilità?
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da CisePunk »

ma allora perché in altri Stati come Stati Uniti o Francia anche il single può adottare un bambino?
Perché preferire una coppia etero (che come tutte le coppie potrà lasciarsi) e non un single o una coppia gay?
Io questo non riesco a capirlo.
Rispondi