La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Incontriamoci qui per parlare di tutto
renocchia
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1807
Iscritto il: mer ott 05, 2011 9:11 am

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da renocchia »

Allora abbiamo molto evidentemente dei punti di vista ancora più opposti di quanto credessi.
A me questo appiattimento verso un essere ambiguo non piace.
E lo dico da "maschiaccio " .
S me piace che ci siano le sfumature e le differenze.
Non auspico in una società in cui le donne scaricano al porto e gli uomini passano lo straccio.
Sarò conservatrice che ne so.
Ma a me la vostra visione mi appare come estrema.

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk


Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da CisePunk »

Pol&son ha scritto:
renocchia ha scritto:Quindi in un mondo senza sollecitazioni esterne uomini e donne sono uguali?

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
Secondo me ciascuno potrebbe avere i propri desideri (di gioco o comportamento) assolutamente simili o opposti senza distinzione di sesso
Pensi che le femmine si vorrebbero vestire da principesse se non esistessero le favole?
questa donna mi piace sempre di più.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: RE: Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Lella »

Trilli ha scritto: Quella madre non lo terrebbe comunque, quel neonato.
Non nascerebbe neppure, fosse solo per lei.
Ilk
Vedi Trilli è proprio qui il punto che mi lascia perplessa.
Io non trovo moralmente accettabile che si "commissioni" un bambino che alla nascita viene staccato dalla sua mamma naturale.

Se un domani si potrà sostituire la donna con un utero artificiale, quei bambini "fabbricati" sarà bello che ci siano perché senza la macchina non nascerebbero?
Io lo trovo inquietante.

Per rispondere anche a Cosetta.
L'utero in affitto è vietato, bene.
Oggi, se passasse la legge, il compagno omosessuale può adottare il figlio naturale (che si presume figlio di una relazione etero precedente), bene anche qui perché si regolarizza nell'interesse del bambino una situazione di fatto già esistente.

Un domani, il compagno omosessuale potrà adottare il figlio naturale del partner uomo (che SA A PRIORI che il figlio sarà adottabile dal partner) , ecco come si può garantire che quel figlio naturale non venga da un utero in affitto per il desiderio forte di un figlio biologico?
Questa resta la mia perplessità.
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Pol&son »

renocchia ha scritto:Allora abbiamo molto evidentemente dei punti di vista ancora più opposti di quanto credessi.
A me questo appiattimento verso un essere ambiguo non piace.
E lo dico da "maschiaccio " .
S me piace che ci siano le sfumature e le differenze.
Non auspico in una società in cui le donne scaricano al porto e gli uomini passano lo straccio.
Sarò conservatrice che ne so.
Ma a me la vostra visione mi appare come estrema.

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
Ma perchè devo passarlo io lo straccio? Io odio fare i mestieri
A scaricar navi invece mi trovo
renocchia
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1807
Iscritto il: mer ott 05, 2011 9:11 am

Re: RE: Re: RE: Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da renocchia »

Lella ha scritto:
Trilli ha scritto: Quella madre non lo terrebbe comunque, quel neonato.
Non nascerebbe neppure, fosse solo per lei.
Ilk
Vedi Trilli è proprio qui il punto che mi lascia perplessa.
Io non trovo moralmente accettabile che si "commissioni" un bambino che alla nascita viene staccato dalla sua mamma naturale.

Se un domani si potrà sostituire la donna con un utero artificiale, quei bambini "fabbricati" sarà bello che ci siano perché senza la macchina non nascerebbero?
Io lo trovo inquietante.

Per rispondere anche a Cosetta.
L'utero in affitto è vietato, bene.
Oggi, se passasse la legge, il compagno omosessuale può adottare il figlio naturale (che si presume figlio di una relazione etero precedente), bene anche qui perché si regolarizza nell'interesse del bambino una situazione di fatto già esistente.

Un domani, il compagno omosessuale potrà adottare il figlio naturale del partner uomo (che SA A PRIORI che il figlio sarà adottabile dal partner) , ecco come si può garantire che quel figlio naturale non venga da un utero in affitto per il desiderio forte di un figlio biologico?
Questa resta la mia perplessità.
È la mia stessa perplessità.
Bene che si regolarizzino situazione esistenti.
Ma come si potrebbe evitare lo scenario che prospetta Lella e immagino anche io?

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da CisePunk »

renocchia, rispetto il tuo pensiero, ma per me si chiama semplicemente evoluzione della specie. La capacità di adattamento è dettata dai tempi.
Anche a me piace che ci siano delle differenze e, giorni fa, sentendo delle ragazze che commentavano le sopracciglia appena rifatte di un ragazzo che era con loro (perfettamente etero), ho riso. Ciò non toglie che sono fermamente convinta delle pari opportunità tra uomo e donna e che ci siano uomini più adatti a fare le mamme e donne più adatte a fare gli scaricatori di porto e le camioniste.
Questo non credo passi dall'educazione soltanto, ma anche dalla predisposizione.
In una società, poi, in cui il lavoro precario la fa da padrone, i ruoli si gestiscono in modo molto diverso e la collaborazione, laddove è possibile, è una necessità e non una scelta.
Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da CisePunk »

Si è ribadito più volte che non verrà reso legale l'utero in affitto.
Chi vorrà usufruirne dovrà comunque andare all'estero, dove è possibile farlo, proprio come ora.
Che io sia d'accordo o meno su questo punto ha poca importanza, perché chi lo fa adesso continuerà a farlo e chi non lo fa o non è d'accordo continuerà a non essere d'accordo e a non farlo.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: La famiglia tradizionale e quella meno tradizionale

Messaggio da Lella »

CisePunk ha scritto:Si è ribadito più volte che non verrà reso legale l'utero in affitto.
Chi vorrà usufruirne dovrà comunque andare all'estero, dove è possibile farlo, proprio come ora.
Che io sia d'accordo o meno su questo punto ha poca importanza, perché chi lo fa adesso continuerà a farlo e chi non lo fa o non è d'accordo continuerà a non essere d'accordo e a non farlo.
ma scusa lo fai, in Italia intendo, se sai che poi il tuo compagno lo potrà adottare
che discorso è? perchè altrove si fà, va bene?
bah
Rispondi