Apologia di una ciclista solitaria

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Lella »

Io sinceramente li guardo sempre con simpatia i ciclisti, io sono pigra ma stimo chi ha voglia di movimento e trova piacere nel farlo!


Avatar utente
Babina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4102
Iscritto il: gio feb 19, 2009 12:21 pm

Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Babina »

Bella Trilli!
Io ti sono solidale.
Amo la bicicletta (mtb per la verità) ma è tanto che non ci vado più con costanza (e poi in tutta sincerità, i tuoi livelli galattici non li ho mai raggiunti :))
Ho un marito appassionato ed un padre sfegatato e fissato;
l'argomento di conversazione preferito di mio papà sono i nuovi itinerari da fare, ne studia in continuazione.
per dirti: si sta facendo gran parte delle salite di tour e giro, l'anno scorso si è pure portato mio figlio maggiore a fare gli ultimi km della tappa con arrivo ad Aprica.
Anche lui si lamenta spesso del poco rispetto e della poca considerazione che le auto hanno per i ciclisti; e lo dice spesso che i ciclisti devono avere occhi e orecchie anche per gli automobilisti, prestare il doppio dell'attenzione e delle accortezze!
Spesso fa il paragone con la Francia, ad esempio: la strada che sale sul Col du Galibier, da lui fatta tante volte, è larga e permette ai tanti ciclisti di salirvi senza il rischio di essere investiti; inoltre si dice ogni volta sorpreso dal fatto che le macchine non sorpassano i ciclisti, ma gli stanno tranquillamente dietro finchè non c'è spazio sufficiente sull'altra corsia per effettuare un sorpasso come si fa tra auto ed auto, quindi non sfiorando il ciclista che rischia di perdere l'equilibrio.
Avatar utente
candyda
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2278
Iscritto il: mer gen 12, 2011 9:50 am
Località: TORINO

Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da candyda »

Trilli, quello che hai scritto è molto bello.
Condivido parola per parola, perchè anche io ero una "IOciclista" come te.
Dovrebbero essercene mooooolti di più.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Trilli »

Bibi ha scritto:Posso mettere sul sito? :)
Certo!

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Trilli »

sweet ha scritto:Bello!
Ammetto di aver odiato più volte i noiciclisti che sulle strade per raggiungere i miei (zona lago d'Iseo) fanno tutte le cose sbagliate che hai descritto, soprattutto mettersi in file da due o da tre...pericolosissimo per tutti..
Proprio dalle mie parti! Io non scendo spesso sul lago, mio marito più spesso (anche in questo momento)

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Trilli »

Babina ha scritto:Bella Trilli!
Io ti sono solidale.
Amo la bicicletta (mtb per la verità) ma è tanto che non ci vado più con costanza (e poi in tutta sincerità, i tuoi livelli galattici non li ho mai raggiunti :))
Ho un marito appassionato ed un padre sfegatato e fissato;
l'argomento di conversazione preferito di mio papà sono i nuovi itinerari da fare, ne studia in continuazione.
per dirti: si sta facendo gran parte delle salite di tour e giro, l'anno scorso si è pure portato mio figlio maggiore a fare gli ultimi km della tappa con arrivo ad Aprica.
Anche lui si lamenta spesso del poco rispetto e della poca considerazione che le auto hanno per i ciclisti; e lo dice spesso che i ciclisti devono avere occhi e orecchie anche per gli automobilisti, prestare il doppio dell'attenzione e delle accortezze!
Spesso fa il paragone con la Francia, ad esempio: la strada che sale sul Col du Galibier, da lui fatta tante volte, è larga e permette ai tanti ciclisti di salirvi senza il rischio di essere investiti; inoltre si dice ogni volta sorpreso dal fatto che le macchine non sorpassano i ciclisti, ma gli stanno tranquillamente dietro finchè non c'è spazio sufficiente sull'altra corsia per effettuare un sorpasso come si fa tra auto ed auto, quindi non sfiorando il ciclista che rischia di perdere l'equilibrio.
Lo sfegatato qui è mio marito, 9000 km l'anno più quelli con la MTB nei boschi dietro casa... Ogni anno Gavia, Mortirolo, Crocedomini, le salite storiche delle nostre zone. Lamenta un calo nelle prestazioni ma a 56 anni impiega poco più della metà di me a percorrere il Colle Gallo (dove c'è la Madonna dei ciclisti)...
Io sono a ben altro livello, ma mi piace tanto pedalare!

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: RE: Re: RE: Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da sweet »

Trilli ha scritto:
sweet ha scritto:Bello!
Ammetto di aver odiato più volte i noiciclisti che sulle strade per raggiungere i miei (zona lago d'Iseo) fanno tutte le cose sbagliate che hai descritto, soprattutto mettersi in file da due o da tre...pericolosissimo per tutti..
Proprio dalle mie parti! Io non scendo spesso sul lago, mio marito più spesso (anche in questo momento)

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Sì lo so che sono le tue parti. Io intendo zona clusane-paratico-sarnico-iseo.
Credimi a volte il sabato fanno file da tre. E sono magari un gruppo di 8/9. Io sto super attenta ma non ti nascondo che mi si rizzano i capelli dal nervoso quando faccio una statale a 30 all'ora senza poter superare.
Avatar utente
Babina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4102
Iscritto il: gio feb 19, 2009 12:21 pm

Re: RE: Re: Apologia di una ciclista solitaria

Messaggio da Babina »

Trilli ha scritto:
Babina ha scritto:Bella Trilli!
Io ti sono solidale.
Amo la bicicletta (mtb per la verità) ma è tanto che non ci vado più con costanza (e poi in tutta sincerità, i tuoi livelli galattici non li ho mai raggiunti :))
Ho un marito appassionato ed un padre sfegatato e fissato;
l'argomento di conversazione preferito di mio papà sono i nuovi itinerari da fare, ne studia in continuazione.
per dirti: si sta facendo gran parte delle salite di tour e giro, l'anno scorso si è pure portato mio figlio maggiore a fare gli ultimi km della tappa con arrivo ad Aprica.
Anche lui si lamenta spesso del poco rispetto e della poca considerazione che le auto hanno per i ciclisti; e lo dice spesso che i ciclisti devono avere occhi e orecchie anche per gli automobilisti, prestare il doppio dell'attenzione e delle accortezze!
Spesso fa il paragone con la Francia, ad esempio: la strada che sale sul Col du Galibier, da lui fatta tante volte, è larga e permette ai tanti ciclisti di salirvi senza il rischio di essere investiti; inoltre si dice ogni volta sorpreso dal fatto che le macchine non sorpassano i ciclisti, ma gli stanno tranquillamente dietro finchè non c'è spazio sufficiente sull'altra corsia per effettuare un sorpasso come si fa tra auto ed auto, quindi non sfiorando il ciclista che rischia di perdere l'equilibrio.
Lo sfegatato qui è mio marito, 9000 km l'anno più quelli con la MTB nei boschi dietro casa... Ogni anno Gavia, Mortirolo, Crocedomini, le salite storiche delle nostre zone. Lamenta un calo nelle prestazioni ma a 56 anni impiega poco più della metà di me a percorrere il Colle Gallo (dove c'è la Madonna dei ciclisti)...
Io sono a ben altro livello, ma mi piace tanto pedalare!

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Gavia, Montecampione (durissima) Stelvio e Mortirolo, (fatto anche io qualche anno fa...) minimo tutte le estati.... e poi tanti giri per valli meno conosciute da Edolo in su...
Chissà, si saranno pure incrociati sulle vette delle nostre montagne.... ahahah!
Il Colle Gallo non me lo hanno mai nominato... metterò la pulce nell'orecchio a mio marito :)
Tu sarai anche ad un altro livello (comunque ALTO!), ma sei ammirevole e determinata. BRAVA!!
Rispondi