Noibimbi e sport

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Laura
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1640
Iscritto il: dom set 28, 2008 5:45 pm

Re: Noibimbi e sport

Messaggio da Laura »

Lo sport preferito di Valerio sarebbe il salto sul divano,
ma siccome è abbastanza robusto lo abbiamo sempre obbligato a fare qualcosa
dopo due anni di nuoto annoiato e due di basket finiti col rifiuto completo (a causa di alcune dinamiche di squadra)
siamo approdati da 2 anni al Kung fu.
Praticamente è il primo sport per cui non mi ha mai chiesto di saltare una lezione... forse abbiamo trovato la strada!

Federico invece che è il moto perpetuo, perciò confidavo in lui,
è completamente refrattario a qualsiasi idea di "corso strutturato", quindi per ora non fa nulla.


Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: Noibimbi e sport

Messaggio da CisePunk »

noi abbiamo provato a rotazione... niente!
Ruggero e Maya, ad Abbiategrasso, facevamo ginnastica artistica.
A Palermo hanno fatto jujitsu. Hanno conseguito la cintura gialla ma poi il padre non ha voluto più pagare.
Alla fine, visto che decido io... ho preferito la musica. Scusatemi, ma per me è più importante visto che abbiamo tutti gli strumenti a casa e mi piace suonare in compagnia.
Nei weekend facciamo trekking.
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: Noibimbi e sport

Messaggio da Pol&son »

Trilli ha scritto:
Pol&son ha scritto:Io avrei il terrore (forse limite mio) a pensare a 28 seienni in acqua
Qui hanno cominciato a portarli alla materna, quindi non erano 28 seienni ma 25 treenni! Non è mai annegato nessuno..

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Ok ma io li vedo in piscina al corso
Alcuni bambini son molto dispettosi e con l'acqua non si scherza
Limite mio forse eh
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: Noibimbi e sport

Messaggio da Tropical »

Giocare a calcio col papà in casa vale come sport?
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Noibimbi e sport

Messaggio da Trilli »

Pol&son ha scritto:
Trilli ha scritto:
Pol&son ha scritto:Io avrei il terrore (forse limite mio) a pensare a 28 seienni in acqua
Qui hanno cominciato a portarli alla materna, quindi non erano 28 seienni ma 25 treenni! Non è mai annegato nessuno..

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Ok ma io li vedo in piscina al corso
Alcuni bambini son molto dispettosi e con l'acqua non si scherza
Limite mio forse eh
No, devi tranquillizzarti, davvero. I bambini al corso sono ben diversi che con i genitori. Si parte poi sempre nella piscina bassa, col maestro dentro con loro, e solo quando hanno preso dimestichezza con l'acqua vanno nella piscina grande (prima con ausili per il galleggiamento, poi senza ma nella corsia vicina al bordo e infine in quelle centrali).
Non ho mai visto bimbi farsi i dispetti al corso di nuoto, davvero. I nostri maestri sono in gamba, ma non credo siano un unicum in Italia :-)

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: RE: Re: Noibimbi e sport

Messaggio da sweet »

Pol&son ha scritto:
Trilli ha scritto:
Pol&son ha scritto:Io avrei il terrore (forse limite mio) a pensare a 28 seienni in acqua
Qui hanno cominciato a portarli alla materna, quindi non erano 28 seienni ma 25 treenni! Non è mai annegato nessuno..

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Ok ma io li vedo in piscina al corso
Alcuni bambini son molto dispettosi e con l'acqua non si scherza
Limite mio forse eh
A Lucia invece la paura dell'acqua è venuta proprio così.
Alla materna l'anno scorso facevano acquaticita', la prima lezione acqua bassa e bon. La seconda acqua alta, tutti attaccati al bordo, una bambina non l'ha fatta attaccare alla scaletta per salire, lei è scivolata con le mani ed è andata giù.
L'istruttore l'ha presa dopo tre secondi eh...ma non vi dico il trauma.
Certo trilli che non è annegata, ma assicurare che non succeda mai niente è un po' azzardato. Dei piccoli incidenti possono capitare in qualsiasi sport.

Rimane che non so come far superare questo ostacolo a Lucia che ovviamente adesso non vuol sentir neanche parlare di nuoto.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: RE: Re: Noibimbi e sport

Messaggio da Trilli »

sweet ha scritto:
Pol&son ha scritto:
Trilli ha scritto: Qui hanno cominciato a portarli alla materna, quindi non erano 28 seienni ma 25 treenni! Non è mai annegato nessuno..

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Ok ma io li vedo in piscina al corso
Alcuni bambini son molto dispettosi e con l'acqua non si scherza
Limite mio forse eh
A Lucia invece la paura dell'acqua è venuta proprio così.
Alla materna l'anno scorso facevano acquaticita', la prima lezione acqua bassa e bon. La seconda acqua alta, tutti attaccati al bordo, una bambina non l'ha fatta attaccare alla scaletta per salire, lei è scivolata con le mani ed è andata giù.
L'istruttore l'ha presa dopo tre secondi eh...ma non vi dico il trauma.
Certo trilli che non è annegata, ma assicurare che non succeda mai niente è un po' azzardato. Dei piccoli incidenti possono capitare in qualsiasi sport.

Rimane che non so come far superare questo ostacolo a Lucia che ovviamente adesso non vuol sentir neanche parlare di nuoto.
No, ma così non ha senso.
Qui, quando dico che "prima" stanno nell'acqua bassa, intendo che per le prime 10 lezioni stanno nella piscina piccola, usando anche i tubi galleggianti, camminando sui tappeti, imparando a fare la 'stella', ecc.
L'anno successivo hanno cominciato a portarli in acqua alta ma con salvagente prima e con tubi poi.
Comincio a pensare che i nostri due maestri dei piccoli siano davvero più bravi della media eh (sarà perché sono entrambi ciclisti?!?).
C'è anche da dire che sento spesso mamme lamentarsi della lentezza dell'apprendimento del nuoto, perché con questo sistema ci vogliono più corsi per imparare. Tra l'altro, imparano prima a nuotare sott'acqua e poi in superficie, apprendendo separatamente gambata e bracciata di ciascuno stile. È un percorso lungo, ma limita paure e shock.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
sweet
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2637
Iscritto il: lun ago 26, 2013 10:19 pm
Località: brescia

Re: RE: Re: RE: Re: RE: Re: Noibimbi e sport

Messaggio da sweet »

Trilli ha scritto:
sweet ha scritto:
Pol&son ha scritto: Ok ma io li vedo in piscina al corso
Alcuni bambini son molto dispettosi e con l'acqua non si scherza
Limite mio forse eh
A Lucia invece la paura dell'acqua è venuta proprio così.
Alla materna l'anno scorso facevano acquaticita', la prima lezione acqua bassa e bon. La seconda acqua alta, tutti attaccati al bordo, una bambina non l'ha fatta attaccare alla scaletta per salire, lei è scivolata con le mani ed è andata giù.
L'istruttore l'ha presa dopo tre secondi eh...ma non vi dico il trauma.
Certo trilli che non è annegata, ma assicurare che non succeda mai niente è un po' azzardato. Dei piccoli incidenti possono capitare in qualsiasi sport.

Rimane che non so come far superare questo ostacolo a Lucia che ovviamente adesso non vuol sentir neanche parlare di nuoto.
No, ma così non ha senso.
Qui, quando dico che "prima" stanno nell'acqua bassa, intendo che per le prime 10 lezioni stanno nella piscina piccola, usando anche i tubi galleggianti, camminando sui tappeti, imparando a fare la 'stella', ecc.
L'anno successivo hanno cominciato a portarli in acqua alta ma con salvagente prima e con tubi poi.
Comincio a pensare che i nostri due maestri dei piccoli siano davvero più bravi della media eh (sarà perché sono entrambi ciclisti?!?).
C'è anche da dire che sento spesso mamme lamentarsi della lentezza dell'apprendimento del nuoto, perché con questo sistema ci vogliono più corsi per imparare. Tra l'altro, imparano prima a nuotare sott'acqua e poi in superficie, apprendendo separatamente gambata e bracciata di ciascuno stile. È un percorso lungo, ma limita paure e shock.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
E direi che questa è proprio la strada giusta...che poi calcola che non era nemmeno una scuola di nuoto ma un progetto gioco.
Rispondi