Una notizia che continua a farmi pensare

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
giuliana
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2255
Iscritto il: sab dic 16, 2006 2:05 pm

Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da giuliana »

Anche io la penso come Tati e Lella, se un figlio arrivasse a tanto darei le colpe a me per non averlo correttamente seguito e non aver valutato con attenzione le amicizie.
Conoscere i ragazzi che frequentano i nostri figli lo trovo fondamentale, è per questo che da sempre si cerca in famiglia mia, di conoscere di persona i genitori e i ragazzini che frequentano a scuola o in attività sportive.
Una scuola che forma e cresce, che segue, che promuove lo sport e la musica è stata la nostra scelta, proprio per dare un imprintig di cosa deve essere la vita, l'impegno, la famiglia, gli amici, lo sport, il vivere sani.


Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da Trilli »

Io però rimando al mittente la responsabilità che mi viene addossata come educatore. Se vedo un ragazzino per 2-4 ore a settimana è ben difficile che io possa incidere sulla sua educazione quando la famiglia rema in tutt'altra direzione. E se ci provo, rischio anche di essere criticata perché è la famiglia che decide come educare i figli...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
tati
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 11634
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da tati »

Certo Trilli, ma solitamente il professore tenta quantomeno di far capire alla famiglia che un problema forse c'è.
Poi non viene ascoltato, ed ha comunque fatto la sua parte perché in poche ore a settimana e con più alunni non può certo fare il miracolo.
Ma spero si renda conto se ci sono problemi e ne parli con i genitori.

Elisa in classe ha una ragazzina problematica, i professori ci hanno provato. ma dalla parte famiglia non c'è nessun interessato.
So benissimo che tra qualche anno sarà anche peggio per lei, ma lì di chi è la colpa è ben chiaro ahimè.
renocchia
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1807
Iscritto il: mer ott 05, 2011 9:11 am

Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da renocchia »

Tati ma spesso capita che le famiglie oltre a non interessarsi si incazzano proprio col professore che solleva il problema

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Laura
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1640
Iscritto il: dom set 28, 2008 5:45 pm

Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da Laura »

Io invece, anche se lo so che la gran parte nella crescita la fanno la famiglia e gli amici,
non posso fare a meno di sentirmi tanto responsabile di quello che succede ai miei alunni,
penso sempre che forse non sono stata abbastanza incisiva o non ho saputo trasmettere certi valori.
Me ne faccio un problema.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da Trilli »

Laura ha scritto:Io invece, anche se lo so che la gran parte nella crescita la fanno la famiglia e gli amici,
non posso fare a meno di sentirmi tanto responsabile di quello che succede ai miei alunni,
penso sempre che forse non sono stata abbastanza incisiva o non ho saputo trasmettere certi valori.
Me ne faccio un problema.
Io ci sono passata pesantemente, anni fa. Un gruppo di ragazzine di 13-14 anni, tutte alunne nostre, si è scoperto che faceva sesso orale in cambio di ricariche telefoniche. Loro hanno negato, la stampa ha enfatizzato, quindi abbiamo fatto quadrato minimizzando gli episodi per dare alle ragazze la possibilità di rifarsi una vita e una reputazione. Ma purtroppo era quasi tutto vero.
Queste ragazze avevano fruito per tre anni di un progetto di educazione all'affettività, eh. Quindi la scuola ci aveva messo del suo. Ma io, come docente di un laboratorio di giornalismo, MAI avrei pensato di dover puntualizzare a delle 13enni che non si fa sesso orale a pagamento (e vi risparmio i dettagli disgustosi dell'"arcobaleno"), perché è degradante e pure pericoloso per la propria e altrui salute. Non mi sento responsabile, ecco. Mi dispiace per loro, ma so bene chi e come sono i loro genitori.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: RE: Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da Lella »

Trilli ha scritto: Io ci sono passata pesantemente, anni fa. Un gruppo di ragazzine di 13-14 anni, tutte alunne nostre, si è scoperto che faceva sesso orale in cambio di ricariche telefoniche. Loro hanno negato, la stampa ha enfatizzato, quindi abbiamo fatto quadrato minimizzando gli episodi per dare alle ragazze la possibilità di rifarsi una vita e una reputazione. Ma purtroppo era quasi tutto vero.
Queste ragazze avevano fruito per tre anni di un progetto di educazione all'affettività, eh. Quindi la scuola ci aveva messo del suo. Ma io, come docente di un laboratorio di giornalismo, MAI avrei pensato di dover puntualizzare a delle 13enni che non si fa sesso orale a pagamento (e vi risparmio i dettagli disgustosi dell'"arcobaleno"), perché è degradante e pure pericoloso per la propria e altrui salute. Non mi sento responsabile, ecco. Mi dispiace per loro, ma so bene chi e come sono i loro genitori.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Sicuramente la responsabilità primaria e determinante è quella dei genitori, ma sono convinta che un contributo come ruolo formativo lo danno anche gli insegnanti, gli istruttori, gli educatori in genere e a volte possono colmare qualche vuoto.
Certo che se all'origine (famiglia) il vuoto è totale è forse impossibile.
Avatar utente
kida
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 659
Iscritto il: mer set 17, 2008 9:42 am

Re: RE: Re: Una notizia che continua a farmi pensare

Messaggio da kida »

Lella ha scritto:
Trilli ha scritto: Io ci sono passata pesantemente, anni fa. Un gruppo di ragazzine di 13-14 anni, tutte alunne nostre, si è scoperto che faceva sesso orale in cambio di ricariche telefoniche. Loro hanno negato, la stampa ha enfatizzato, quindi abbiamo fatto quadrato minimizzando gli episodi per dare alle ragazze la possibilità di rifarsi una vita e una reputazione. Ma purtroppo era quasi tutto vero.
Queste ragazze avevano fruito per tre anni di un progetto di educazione all'affettività, eh. Quindi la scuola ci aveva messo del suo. Ma io, come docente di un laboratorio di giornalismo, MAI avrei pensato di dover puntualizzare a delle 13enni che non si fa sesso orale a pagamento (e vi risparmio i dettagli disgustosi dell'"arcobaleno"), perché è degradante e pure pericoloso per la propria e altrui salute. Non mi sento responsabile, ecco. Mi dispiace per loro, ma so bene chi e come sono i loro genitori.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Sicuramente la responsabilità primaria e determinante è quella dei genitori, ma sono convinta che un contributo come ruolo formativo lo danno anche gli insegnanti, gli istruttori, gli educatori in genere e a volte possono colmare qualche vuoto.
Certo che se all'origine (famiglia) il vuoto è totale è forse impossibile.
quoto Lella se la famiglia non c'è gli insegnanti possono fare ben poco ahimè
Rispondi