COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da Paola »

Trilli ha scritto: Quello che non mi piace è il ragionamento che si vuol far passar per buono:
A) un docente è pagato meno dei suoi colleghi europei perché sta a scuola poche ore.
B) un docente, però, per essere bravo, deve dedicare alla scuola, fuori dal proprio domicilio, molte ore in più.
C) queste ore, che in altri lavori dipendenti sono chiamate " straordinari" vengono ovviamente prestate a titolo gratuito.
D) a chi è disponibile (o semplicemente può permettersi di farlo) a svolgerle, si dà una cifra simbolica a titolo di riconoscimento.
Quindi, lo stipendio inferiore si giustifica anche a fronte di un orario molto maggiore di quello previsto?
A me, se si parla di un discorso puramente economico, non conviene svolgere attività in più. Perché con l'incentivo non ci pago la baby sitter che mi tocca prendere per far ritirare mia figlia a scuola.
Perciò ho deciso di dedicare tempo in più solo in alcuni casi: ai genitori che non possono accedere al normale orario di ricevimento; a tutti gli incontri con uonpia, specialisti, mediatori e facilitatori culturali; a qualche progetto di valore e adatto alle mie competenze, da sviluppare con colleghi in gamba. Quest'anno ad esempio, partendo dal ritrovamento di un villaggio romano in zona, scriveremo un racconto (fantasy, giallo, d'avventura...), lo sceneggeremo, lo trasformeremo in graphic novel (disegnata dai ragazzi) e realizzeremo gadget per il museo in cui sono esposti i reperti.
Sul resto, mi spiace, passo. Credo di aver sottratto già troppo tempo a mia figlia da che è nata. Se la mia assenza potesse garantirle un futuro migliore, potrei valutare la cosa. Ma le cose non stanno così, e senza rete familiare io non me la sento.
Ovvio che non pretendo di ricevere alcun incentivo. C'è chi si impegna più di me.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Vuoi che parliamo di questo?
Parliamone.

A) sì, non è corretto che un lavoratore statale abbia dei privilegi sui normali contratti di lavoro che prevedono le 40 ore. Su questo non capirò mai perché nel pubblico le ore sono sempre di meno, anche per chi sta allo sportello del comune, non solo per l'insegnate. E non mi sta bene non per te insegnate di Italiano, non mi sta bene perché la stessa riduzione di orario la si applica anche a quelle materie che non hanno altro lavoro che le lezioni frontali.

B) almeno quelle per arrivare a 40 mi parrebbe il
Minimo

C) straordinario? Forse è un po' che manchi dal mondo del lavoro non statale. Se non sei in una multinazionale o a cottimo t'assicuro che lo straordinario non esiste, soprattutto per i lavori di concetto.

D) prima lo faceva senza nemmeno riconoscimento. E la linea mi pare chiara, adesso sono "solo" 200.000.000 ma il trend sarà questo. Premiare chi lavora dato che i lavativi non è possibile licenziarli. (E su questo, se permetti, andrebbe fatto un capitolo a parte, dovreste scioperare voi insegnanti perché vengano rimossi dal l'incarico i colleghi fannulloni).

Lo stipendio inferiore forse ti sfugge che NON è solo il tuo, ma anche il mio è anche quello del l'operaio della FIAT rispetto ai colleghi europei.

Non riesco a capire perché in comitato non dovremmo considerare le attività che hai descritto come extra e provare a inserirle nei criteri per poterle pagare qualora arrivassero più fondi.

Detto ciò quel che per una volta vorrei sentirmi dire qui, fuori fortuna mi è stato detto, soprattutto quando c'è la rincorsa delle mamme lavoratrici a farsi mettere ultime ai colloqui perché finiscono alle 18 di lavorare, che finire alle 13 o alle 16 e poter lavorare da casa è UN PRIVILEGIO. E questo privilegio oggi non è riservato a tutti i lavoratori.


Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da Paola »

micmar ha scritto:
vuoi i conti della serva? E sia
per un giorno di sciopero la decurtazione in busta paga è di €70
quindi si può supporre che mi siano pagate 3-4 ore di lavoro in più al mese, rispetto al fancazzista. Tu che con gli insegnanti ci lavori sai che questo calcolo fa ridere.
il problema qui non è contestare la meritocrazia ma è il non colpire in alcun modo il fancazzismo, quelli che hanno un lavoro fuori, continueranno a farlo e quelli che a scuola lavoravano continueranno a farlo, nonostante i 30€ che non sono sufficientemente appetibili per spostare l'interesse a fare.

e sui 500€....
avrebbero un senso se le risorse alle scuole non fossero state tagliate, ma credo che a questo punto avrebbe avuto più senso destinarle ai singoli istituti per pagare attività di formazione OBBLIGATORIA (ai corsi di aggiornamento i bisognosi non ci sono mai) per docenti e studenti.
E invece il MIUR ha dovuto emettere una nota nella quale specifica che non è possibile spenderli in telefonini, ti rendi conto?
Mentre le maestre di Tommaso usano parte dei 500€ per pagare ai loro bambini le lezioni di coro che il fondo di istituto non è in grado di mantenere.

E allora se vogliamo parlare di meritocrazia a me, se permetti sta sulle palle, che al fancazzista non venga fatto NULLA, che non venga almeno obbligato a sedersi davanti a un oratore dal quale magari imparerebbe qualcosa, o che i 30€ non gli vengano tolti.
Allora, 'sta obiezione dello sciopero che vi tolgono 70 euro mi fa incazzare.
1) li tolgono anche a me
2) si toglie l'equivalente di un giorno di lavoro, non delle ore che avresti fatto quel giorno! Non è una paga oraria. Se poi voi al giorno fate meno delle 8 ore dovreste prenderlo come un privilegio e non come un diritto!

Il fancazzismo è una vostra fissa! Non è fattibile colpirlo! Se non riformando tutto il pubblico impiego che è così dal tempo dei Romani.

Quindi anziché un indiscriminato aumento con rinnovo del contratto si stanziano quei soldi (meno in realtà lo so) solo per chi effettivamente si distingue. A me sembra un concetto così coretto da fare paura.

Sui 500 euro. Le mie maestre usano i loro telefonini sempre, anche per comunicare con i genitori. A casa usano il loro computer, la loro stampante.

Proprio perché io ritengo che i fancazzisti siano pochi e spero che possano essere individuati dal dirigente, vengano mandate lettere di richiamo e si inizi a boicottarli (per esempio facendo un orario di lavoro che li obblighi a stare a scuola la prima e l'ultima ora più un'ora centrale rovinandogli il lavoro extra) IO SONO CONTENTISSIMA CHE SIANO STATI DATI e se anche si comprassero il telefono non avrei da biasimare.

Ieri, una mia amica insegnante alle superiori, si lamentava che alcuni corsi di aggiornamento siano deserti! Lei, che è in consiglio con me, proponeva di inserire chi li fa fra i meritevoli che ripeto, oggi hanno questi 30 euro ma lo scopo della legge è far capire che gli aumenti e i bonus saranno solo a fronte dell'impegno che già tanti danno e non è riconosciuto.
Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da Paola »

Trilli ha scritto: Nessuno ha messo in dubbio la tua professionalità.
Bieco è l'aziendalismo del governo Renzi. Non tu.
Che invece hai detto senza troppi eufemismi che pensarla come me è da insegnante lavativo.
Tralascio i 7 mesi di maternità non usufruiti, il mese di allattamento cui ho rinunciato, le malattie consigliate dal medico e da me sempre accorciate. Tralascio il lavoro dal mare ad agosto, le telefonate a mio carico dalla Croazia... Tutte cazzate, se non sei d'accordo con la B.s. sei un lavativo.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Ma guarda che oggi sono cose che tantissimi lavoratori fanno! Con la differenza che per te è una scelta per me è un obbligo, sennò vengo LICENZIATA. E credo che sia anche corretto perché siamo così in basso che non c'è margine per fare altro.
Avatar utente
ciota81
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 552
Iscritto il: mar nov 08, 2011 12:09 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da ciota81 »

Comunque vi assicuro che io che sono all'infanzia faccio moooooolte più ore delle 25 contrattuali e sono davvero pochi pochi pochi i giorni in cui arrivo a casa alle 17


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da Paola »

ciota81 ha scritto:Comunque vi assicuro che io che sono all'infanzia faccio moooooolte più ore delle 25 contrattuali e sono davvero pochi pochi pochi i giorni in cui arrivo a casa alle 17


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Ma perché devi avere per contratto 25 ore?
Io vorrei che facessimo i conti della serva.
Sei in una scuola statale?
Avatar utente
ciota81
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 552
Iscritto il: mar nov 08, 2011 12:09 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da ciota81 »

È il primo anno che insegno
Ho fatto per 10 anni l'educatore professionale con minori svantaggiati
Prima avevo un part time di 25 ore
Ore che sono di ruolo( tho, ho vinto un concorso pubblico!) il mio tempo pieno è di 25 ore



Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
ciota81
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 552
Iscritto il: mar nov 08, 2011 12:09 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da ciota81 »

E ripeto, ne faccio molte di più delle 25 che dovrei fare
Non mi lamento, perché comunque è vero che 25 sarebbero poche.
Ma appunto ne faccio almeno 35 che mi sembra un monte ore rispettoso di tutte le altre categorie di lavoratori


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Paola
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6945
Iscritto il: ven dic 15, 2006 12:06 pm

Re: COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI

Messaggio da Paola »

ciota81 ha scritto:E ripeto, ne faccio molte di più delle 25 che dovrei fare
Non mi lamento, perché comunque è vero che 25 sarebbero poche.
Ma appunto ne faccio almeno 35 che mi sembra un monte ore rispettoso di tutte le altre categorie di lavoratori


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Se non te la senti non rispondere, cosa prendi al mese?
Non è che voglio fare un interrogatorio ma vorrei capire quale la differenza fra uno stipendio di un lavoratore nella scuola e quello di uno nel privato.

Sul fatto che tu ne fai 35 tanto di cappello, però capisci che se la legge prevede che tu ne faccia 25, ci sarà chi non ha il tuo stesso impegno e prenderà il tuo stesso stipendio!!! Nel privato, anche la scuola, questo non accade.
Rispondi