Quando i nonni sono diventati nonni...

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Befy
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 2823
Iscritto il: mar mar 20, 2007 11:22 am

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da Befy »

Paola ha scritto:Nonno Fiero, l'ho conosciuto e amato anch'io, per osmosi.
Fiero Romagnoli nome di battaglia Nerone, amico dell’Erminia Mattarelli...
Che memoria! :*


Avatar utente
CisePunk
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1210
Iscritto il: mer nov 25, 2015 8:41 pm
Località: Palermo

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da CisePunk »

Ho avuto la fortuna di conoscere sia i nonni che i bisnonni. Sono state persone speciali per me. Porto il ricordo di mio nonno Totò nel cuore e lo porterò per sempre. E ogni notte, sì, ogni notte, mia nonna Caterina torna nei miei sogni ed è viva ed è con me.
Avrei voluto che i miei figli potessero vivere le mie stesse emozioni sempre.
Chiara è stata fortunata: ha conosciuto tutti i nonni (anche qualche bisnonno) e ha potuto godere appieno della loro presenza e costanza e ora vive con i nonni paterni.
I miei figli più piccoli, invece, hanno a mala pena conosciuto i nonni paterni, troppo vecchi, troppo assenti, troppo per i fatti loro e poi morti troppo presto; mentre si sono legati moltissimo a mia madre e mio padre, ma mia madre è morta lo scorso anno ed è stata una tragedia. Maya le voleva (e le vuole) un bene dell'anima. Ancora oggi, ogni tanto, scoppia a piangere e la chiama. E' straziante.
I miei genitori non hanno preso bene che ho avuto tutti questi figli, ma non perché non volessero fare i nonni, bensì perché mia madre era già malata e mio padre in effetti si sente ancora un giovincello. Però mio padre, ultimo nonno rimasto, fa il nonno per quanto può: di notte, di giorno, se ho bisogno di aiuto, lui c'è sempre per loro e mette al primo posto loro e dopo se stesso.
Ecco, io vorrei che questi momenti durassero il più a lungo possibile. Vorrei che i miei figli li portassero nel cuore come io porto nel cuore i miei ricordi e che non li cancellassero mai.
Vorrei che un giorno mi dicessero: "mamma, quanto era speciale nonno Aldo o nonna Giusy?"
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da Lella »

Cosetta ha scritto:Non ci sono più quelle belle discussioni di una volta dove si criticavano le intromissioni dei genitori con i figli e tu e Teresa giù a difenderli eh Pa'?
ahahah
ma dipende da come si parte nel thread iniziale
però è vero è tanto che nessuno si lamenta di intromissione nella gestione dei figli o casa delle madri o peggio delle suocere :G
Talita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1119
Iscritto il: ven ago 09, 2013 10:05 am

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da Talita »

Io se dovessi affidare a mia suocera un mio futuro ipotetico figlio non sarei per nulla tranquilla.

Ma è anche vero che spesso i nonni si comportano diversamente con i nipoti di come hanno fatto con i figli.
Mi sembra impossibile che mia nonna Maria, così affettuosa e paziente con noi, è la stessa che rincorreva mia madre per il cortile brandendo il battipanni :D
Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da Tropical »

I miei nonni erano speciali (si va be', lo sono tutti).

I nonni materni, Antonio e Belinda, li ho vissuti poco perché erano già anziani quando ero bambina. Però ho un bel ricordo: persone buone, gente semplice, sempre sorridente. Mia nonna raccontava sempre la storia della partenza del padre per l'America.

I nonni paterni, Emiddio e Maria Antonia, li ho vissuti fino alla fine.
Dicono che lui fosse piuttosto severo prima che arrivassimo noi nipoti. Poi è cambiato completamente. Con noi era disponibile.
E' stato un uomo sempre attivo. Ha coltivato la terra fino all'ultimo, nonostante la malattia e la quasi cecità.

Mia nonna paterna era super. Una donna mesta, amata da tutti, aveva sempre una parola per chiunque e mai sbagliata.

I nonni di mio figlio....
Nulla da dire sui suoceri. Li adoro. Sono sempre disponibili e accettano tutte le nostre scelte.

I miei genitori sono l'esatto opposto. Disponibili, eh, però cercano sempre di entrare insistentemente nelle nostre scelte, criticandole.
A mia mamma non affiderei mio figlio. E' ansiosa, apprensiva per tutto, pretende di sapere cosa è bene. No no no. Le voglio bene, ma è una nonna eccessiva.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da Trilli »

I nonni vivevano tutti lontano da noi, quindi li ho vissuti poco.
Nonno Filippo ci lasciò nel 1975, ho vaghi e sgradevoli ricordi di un uomo duro, freddo, dispotico.
Sua moglie Felicina era una donna dolce, mite, ingenua e altruista. Ricordo con commozione una settimana trascorsa con lei mentre i miei erano in viaggio, la sua semplicità e le sue premure. Se n'è andata che io avevo 20 anni.
Nonna Gaby era una francese di nobili origini, rimasta orfana durante la Grande Guerra assieme a due fratelli. Aveva un'eleganza innata, mille vestiti e scarpe sempre perfettamente abbinati, un tavolino per il trucco con una meravigliosa specchiera. I troppi lutti subiti (il padre, poi il fratello, a soli 30 anni anche la madre e a 40 infine la sorella) l'avevano resa malinconica. Amava cantare arie d'opera e recitare poesie. Avevo 24 anni quando se n'è andata, ma la demenza senile ce l'aveva portata via da tempo.
Nonno Mario, l'ultimo che ho dovuto salutare, da vedovo ha vissuto due anni vicino a noi. Pranzavo con lui, grande cuoco, e ascoltavo i suoi racconti di combattente nella guerra d'Africa e poi nei Balcani. Era un uomo di gran temperamento, dal carattere focoso, sopravvissuto non solo a due guerre, ma anche a un terribile incidente e a un infarto. Toscano spurio di Livorno, amava la battuta salace e la lettura del Vernacoliere. Mi manca molto la sua risata fragorosa.
Mia figlia ahimè di nonni ne ha due solamente.
Con mio padre il rapporto è superficiale, quasi di forma.
Con mia madre invece si intendono a meraviglia: stesso carattere, stessa vitalità. Le ho viste giocare fino allo sfinimento con i racchettoni, sistemare l' orto, preparare dolci... Peccato per la gran differenza d'età (67 anni)...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
nene70
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7426
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:54 pm

Re: Quando i nonni sono diventati nonni...

Messaggio da nene70 »

io adoro i nonni :D e mi mancano terribilmente i miei.
io sono cresciuta circondata da loro, un cerchio bellissimo, pieno di amore, di vizi, di sciocchezze che mi han fatto diventare quello che sono ora..
con i nonni materni vivevamo, i nonni paterni erano a dieci minuti a piedi.
una vera pacchia.

i miei figli non sono così fortunati..
cioè, hanno solo mia mamma,che fa esattamente la nonna :D
li cura, li coccola, li vizia e io lascio fare, beandomi del fatto che c'è, mandando un po' giu' di magone per chi invece non c'è più e che avrebbe potuto dare e chi invece c'è e non vuole esserci.

i nonni sono una risorsa incredibile.
Rispondi