Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Lella »

Nat ha scritto:
Paola ha scritto:Credo anche vi sia un abisso tra il PENSARLA COSì ed essere terroristi.
Sarebbe come pensare che tutti i leghisti veramente vogliano imbracciare le armi per attuare la secessione.
( e non ditemi che sono pochi perché i terroristi baschi o quelli dell'IRA hanno tenuto in mano due nazioni per anni spargendo terrore e morte).
di questo sono convinta anch'io
però credo che sono in tanti a pensarla così
così come da noi sono in tanti a pensarla come salvini


invece sono rimasta completamente scioccata dalle parole della mamma del terrorista ancora in fuga:
cioè si cercano giustificazioni e innocenza anche qua
pazzsco, capisco che è la mamma eh però mi sembra fuori da mondo


LA MAMMA DEL KAMIKAZE: NON ERA UN CATTIVO RAGAZZO – I fratelli Abdelslam sono tre: Ibrahim, morto durante gli attentati parigini, Salah, in fuga, e Mohamed che è stato arrestato il 14 novembre a Molenbeek, Belgio. Ed è proprio fuori dalla propria abitazione a Molenbeek che parla la madre di Ibrahim Abdelslam. In un’intervista rilasciata al giornale locale Het Laatste Nieuws la donna ha detto di essere a conoscenza della progressiva radicalizzazione del figlio ma di non credere alla tesi che volesse uccidere qualcuno. Secondo la madre di Ibrahim il ragazzo (che indossava una cintura esplosiva) si sarebbe fatto esplodere per il troppo stress. La prova del fatto che non volesse uccidere nessuno è che l’esplosione di Ibrahim – avvenuta di fronte al caffè Comptoir Voltaire a poche centinaia di metri dal Bataclan – non ha causato vittime. Un terrorista gentile e un po’ nervoso insomma. In fondo era il suo primo giorno da kamikaze. Ma quello del terrorista suicida è un mestiere che non ammette errori. Secondo la madre non era nei piani del figlio uccidere qualcuno “forse – ha aggiunto – il congegno è esploso prima del previsto“. Per fortuna.
mah non saprei trovando così assurdo che un ragazzo di quell'età faccia quella scelta trovo meno incomprensibile una madre che cerca una giustificazione...


Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Nat »

Lella ha scritto:
Nat ha scritto:
Paola ha scritto:Credo anche vi sia un abisso tra il PENSARLA COSì ed essere terroristi.
Sarebbe come pensare che tutti i leghisti veramente vogliano imbracciare le armi per attuare la secessione.
( e non ditemi che sono pochi perché i terroristi baschi o quelli dell'IRA hanno tenuto in mano due nazioni per anni spargendo terrore e morte).
di questo sono convinta anch'io
però credo che sono in tanti a pensarla così
così come da noi sono in tanti a pensarla come salvini


invece sono rimasta completamente scioccata dalle parole della mamma del terrorista ancora in fuga:
cioè si cercano giustificazioni e innocenza anche qua
pazzsco, capisco che è la mamma eh però mi sembra fuori da mondo


LA MAMMA DEL KAMIKAZE: NON ERA UN CATTIVO RAGAZZO – I fratelli Abdelslam sono tre: Ibrahim, morto durante gli attentati parigini, Salah, in fuga, e Mohamed che è stato arrestato il 14 novembre a Molenbeek, Belgio. Ed è proprio fuori dalla propria abitazione a Molenbeek che parla la madre di Ibrahim Abdelslam. In un’intervista rilasciata al giornale locale Het Laatste Nieuws la donna ha detto di essere a conoscenza della progressiva radicalizzazione del figlio ma di non credere alla tesi che volesse uccidere qualcuno. Secondo la madre di Ibrahim il ragazzo (che indossava una cintura esplosiva) si sarebbe fatto esplodere per il troppo stress. La prova del fatto che non volesse uccidere nessuno è che l’esplosione di Ibrahim – avvenuta di fronte al caffè Comptoir Voltaire a poche centinaia di metri dal Bataclan – non ha causato vittime. Un terrorista gentile e un po’ nervoso insomma. In fondo era il suo primo giorno da kamikaze. Ma quello del terrorista suicida è un mestiere che non ammette errori. Secondo la madre non era nei piani del figlio uccidere qualcuno “forse – ha aggiunto – il congegno è esploso prima del previsto“. Per fortuna.
mah non saprei trovando così assurdo che un ragazzo di quell'età faccia quella scelta trovo meno incomprensibile una madre che cerca una giustificazione...

capirei se avesse detto non stava tanto bene, aveva cattivi amici ...

ma questa ha detto "non credo alla tesi che volesse uccidere qualcuno"
è tipico fare la vittima e dare la colpa agli altri insinuando responsabilità altrui
basta con questo atteggiamento
Veronica
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 1052
Iscritto il: mer ago 07, 2013 11:26 am

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Veronica »

No vabbè hai tre figli terroristi aspiranti suicidi assassini e non ti accorgi di niente ? Ma dai lo sapeva sicuramente , e magari ti risponde " eh ma in Palestina la nostra gente soffre ! "
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Azur »

Paola ha scritto:Io andrei giù pensante anche con mamma ì, fratello, nonno, zio, cugino e parente alla lunga.
O si dissociano e collborano e aiutano o rischiano l'espulsione.
Non deve esserci margine di PENSIERO che possano anche solo lontanamente pronunciarle certe cose.

Poi io farei chiudere anche LIBERO e arresterei Bossi, per capirci.
Ogni attacco alla democrazia, anche verbale, va assolutamente condannato, senza SE e senza MA.
quoto assolutamente
Julia
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 936
Iscritto il: gio ago 22, 2013 8:30 pm
Località: Bologna

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Julia »

Finchè il contesto nel quale viviamo sarà quello in cui durante un minuto di silenzio pre partita (Grecia-Turchia), i tifosi turchi fischiano e gridano Allah è grande...e nessuno si dissocia (nessuna autorità, nessuna tifoseria, allenatore, giocatori..), rimarrà la percezione che il mondo mussulmano non vuole dissociarsi completamente...la percezione generale, non di noi singoli che riconosciamo che non è così.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Lella »

Paola ha scritto:[

Il futuro è nelle loro menti.
Riprendo questo perchè anch'io ripongo fiducia nella generazione dei nostri figli e dobbiamo prenderci la responsabilità di una generazione, la nostra, che si è un pò svuotata di idelogia e anche e soprattutto di solidarietà.

Riporto qui sotto l'iniziativa che fanno al liceo dove va Andrea:
***********
PARIGI: La Scuola è "presente" - IL PROGETTO PER GLI STUDENTI

Quanto accade a Parigi non può lasciarci indifferenti e il Majorana vuole, anche in questo difficile momento, svolgere il proprio ruolo educativo e far capire agli studenti che “ci siamo”.

Abbiamo deciso quindi osservare il “minuto di silenzio” e di organizzare una una serie di incontri sul tema - della durata di un’ora - rivolti alle classi, riunite in assemblea Lunedì 16 e Martedì 17 novembre. Gli incontri sono stati tenuti dai nostri Docenti di Storia e Filosofia che hanon risposto alle numerose domande, profonde riflessioni degli studenti . E adesso continuiamo: glii studenti saranno invitati a elaborare in forma anonima propri pensieri, riflessioni, scrivere emozioni e sentimenti. Tutti gli elaborati saranno raccolti e analizzati da un gruppo di studenti e dal sociologo Carlo Antonio Barberini, del Centro Studi Buonarroti, al fine di effetuare una ricerca sociologica che porti a individuare il punto di vista di un gruppo così numeroso di studenti. Gli esiti saranno oi presentati nel corso di un'assemblea studentesca cui parteciperà lo stesso sociologo.
*********************
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Lella »

Julia ha scritto:Finchè il contesto nel quale viviamo sarà quello in cui durante un minuto di silenzio pre partita (Grecia-Turchia), i tifosi turchi fischiano e gridano Allah è grande...e nessuno si dissocia (nessuna autorità, nessuna tifoseria, allenatore, giocatori..), rimarrà la percezione che il mondo mussulmano non vuole dissociarsi completamente...la percezione generale, non di noi singoli che riconosciamo che non è così.
ma il contesto lo facciamo pure noi
e lasciamo perdere cosa urlano i tifosi in Italia....
Azur
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 5030
Iscritto il: ven dic 15, 2006 8:03 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Azur »

Lella ha scritto:
Paola ha scritto:[

Il futuro è nelle loro menti.
Riprendo questo perchè anch'io ripongo fiducia nella generazione dei nostri figli
Anch'io non vedo altra strada.
L'iniziativa del liceo di Andrea mi sembra molto intelligente, e l'unica cosa da fare per il futuro.
Istruzione, comprensione, intelligenza.
Solo così si può salvare la società.

Poi per certo servono misure serie di altro livello.
E non lasciar passare i messaggi di odio in nessuna forma.
Ad esempio allo stadio che dice Julia, l'obbligo di società gocatori e di tutte le figure ufficiali di condannare apertamente i "tifosi", pena l'escusione dal campionato o quel che è (ma questo lo sostengo da oltre 15, da ben prima dei cori razzisti contro Balotelli...)
E così via, ai diversi livelli della società e della vita comune.
Rispondi