Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Incontriamoci qui per parlare di tutto
Avatar utente
Nat
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 6237
Iscritto il: sab dic 16, 2006 12:38 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Nat »

Mah io invece capisco
Non per forza uno deve sentire casa propria un posto in cui si è trasferito, spesso la "casa" rimane il posto di origine, mi pare normale
Rimanere legati ai sapori, odori ecc.. dell'infanzia

Questo non impedisce l'integrazione


Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da micmar »

niente da fare, LORO sono avanti. W la France
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/11/ ... ti/439588/
Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da micmar »

Nat ha scritto:Mah io invece capisco
Non per forza uno deve sentire casa propria un posto in cui si è trasferito, spesso la "casa" rimane il posto di origine, mi pare normale
Rimanere legati ai sapori, odori ecc.. dell'infanzia

Questo non impedisce l'integrazione
ma infatti, integrarsi non vuole dire dimenticare le proprie origini o il senso di appartenenza a una terra
Talita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1119
Iscritto il: ven ago 09, 2013 10:05 am

Re: RE: Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Talita »

micmar ha scritto:niente da fare, LORO sono avanti. W la France
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/11/ ... ti/439588/
Loro li arrestano, noi li eleggiamo.
Talita
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1119
Iscritto il: ven ago 09, 2013 10:05 am

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Talita »

Arrivo adesso e ho letto con interesse tutta la discussione.
Io non ho ancora capito i motivi dell'attacco alla Francia (ammesso che abbia senso cercare una logica): ho letto che il califfato ha dichiarato di aver voluto colpire il teatro come "luogo di perdizione" allora viene da pensare che si sia voluta colpire la Francia illuminata, laica, libera.
Altri, come Gino Strada la vede come una conseguenza del comportamento dell'Occidente, tipo i bombardamenti di Hollande. Forse i motivi sono entrambi, mescolati con il fanatismo, l'ignoranza, l'odio.

Io sono ignorante in politica internazionale e non ho mai capito fino in fondo chi finanzia e arma questi pazzi, qui è accennato, non so se è veritiero o no....

http://m.famigliacristiana.it/articolo/ ... chiere.htm

Anzi, se qualcuno ha qualche articolo che spieghi questo in modo comprensibile me lo linki, please
Avatar utente
tati
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 11634
Iscritto il: ven dic 15, 2006 10:35 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da tati »

Vi ho letto, ma non riesco a dare un senso a quanto accaduto.
Forse un misto delle cose che avete scritto, non so.
Non siamo al sicuro, perché possono esserci anche mille militari in più, ma questa gente riesce a colpire comunque.
E colpisce, colpisce dove più fa male.
Magari ora è passata, per il momento.
Magari la Francia riesce anche a rialzarsi, ma non è finita.
E non ho idea di come si potrebbe farla finire.

Paura ce ne è... nel nostro piccolo Elisa doveva andare a Roma con l' oratorio e le abbiamo detto di no.
Mi spiace, ha anche pianto perché è una cosa a cui tiene molto, e che so che la potrebbe far crescere davvero tanto.
Ma ad oggi, con l' ansia di quanto sta accadendo e potrebbe accadere, io non ce la faccio a dire di si.
Non sono in grado di poter affrontare una paura tanto grande.
Milena
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1070
Iscritto il: sab dic 16, 2006 3:52 pm

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da Milena »

Paola ha scritto:Detto tutto ciò volevo ringraziare tutti per la pacatezza di questa discussione che rimane umana anche su posizioni contrastanti.

Riporto un pezzo di approfondimento del fatto quotidiano perché se in una redazione giornalistica, ove stanno affrontando la questione Parigi, si arriva alle nostre stesse riflessioni, credo che vi sia davvero, in questo momento, un percorso di riflessione importante.
Io, delle tre opzioni sotto, farei un po' è un po' senza escluderne nessuna...

Si discute parecchio, anche tra noi, nelle redazioni, di cosa sta succedendo. Di come dobbiamo inquadrare e raccontare i fatti di Parigi. Le opzioni sono molte:


1) terrorismo simile a quello degli anni Settanta in Italia, ci sono pochi fanatici islamisti circondati da un brodo di coltura di rabbia e frustrazione che garantisce ai violenti protezione e consenso.
2) E’ lo scontro di civiltà iniziato l’11 settembre, Islam contro Occidente, e l’Occidente sta perdendo perché mentre i terroristi possono farlo soffrire, il nemico è impalpabile, privo di regole e morale, spietato.
3) La religione, l’Islam e la mitologia del Califfato sono tutte sovrastrutture, addobbi di una questione geopolitica molto precisa, cioè il caos in cui è sprofondato (con l’aiuto degli Stati Uniti e di tutti noi) il Medio Oriente

Il resto dell'articolo qui
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11 ... e/2220367/
Io ascoltando i tanti interventi radiofonici di giornalisti, scrittori, esperti della questione mediorientale mi sono convinta che la spiegazione sia al punto 3.
Le motivazioni religiose e ideologiche sono usate dal califfato per imbottire i terroristi di idee e esplosivi e per convincere altri fanatici tipo il ragazzino citato da Antonella.
Resta un mistero capire come riescano. Perché l'amore e la pace predicati dal cattolicesimo non hanno così presa? Domanda retorica, naturalmente.
Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Re: Parigi, oltre al dolore, proviamo a riflettere insieme su cosa sta succedendo?

Messaggio da micmar »

Milena ha scritto:
Paola ha scritto:Detto tutto ciò volevo ringraziare tutti per la pacatezza di questa discussione che rimane umana anche su posizioni contrastanti.

Riporto un pezzo di approfondimento del fatto quotidiano perché se in una redazione giornalistica, ove stanno affrontando la questione Parigi, si arriva alle nostre stesse riflessioni, credo che vi sia davvero, in questo momento, un percorso di riflessione importante.
Io, delle tre opzioni sotto, farei un po' è un po' senza escluderne nessuna...

Si discute parecchio, anche tra noi, nelle redazioni, di cosa sta succedendo. Di come dobbiamo inquadrare e raccontare i fatti di Parigi. Le opzioni sono molte:


1) terrorismo simile a quello degli anni Settanta in Italia, ci sono pochi fanatici islamisti circondati da un brodo di coltura di rabbia e frustrazione che garantisce ai violenti protezione e consenso.
2) E’ lo scontro di civiltà iniziato l’11 settembre, Islam contro Occidente, e l’Occidente sta perdendo perché mentre i terroristi possono farlo soffrire, il nemico è impalpabile, privo di regole e morale, spietato.
3) La religione, l’Islam e la mitologia del Califfato sono tutte sovrastrutture, addobbi di una questione geopolitica molto precisa, cioè il caos in cui è sprofondato (con l’aiuto degli Stati Uniti e di tutti noi) il Medio Oriente

Il resto dell'articolo qui
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11 ... e/2220367/
Io ascoltando i tanti interventi radiofonici di giornalisti, scrittori, esperti della questione mediorientale mi sono convinta che la spiegazione sia al punto 3.
Le motivazioni religiose e ideologiche sono usate dal califfato per imbottire i terroristi di idee e esplosivi e per convincere altri fanatici tipo il ragazzino citato da Antonella.
Resta un mistero capire come riescano. Perché l'amore e la pace predicati dal cattolicesimo non hanno così presa? Domanda retorica, naturalmente.
perchè tra il cattlicesimo e l'islam ci sono 600 anni di differenza, non c'è stato ancora un fenomeno simile alla nostra rivoluzione francese e il concetto di laicità nei paesi arabi è praticamente inesistente
Rispondi