Scelta della a scuola superiore-the day agter

Una sezione per discutere delle problematiche legate all'adolescenza dei nostri eredi.
Avatar utente
la yle
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3291
Iscritto il: gio ago 23, 2007 3:03 pm

Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da la yle »

o meglio: due anni dopo


vorrei parlare dell'argomento da un altro punto di vista: la realtà delle valutazioni di indirizzo fatte dalla scuola media alle famiglie


mi è abbastanza chiaro ormai che i ragazzi che alle medie sono sulla media del 6/7 sarebbe meglio che frequentassero istituti professionali


i sette pieni e gli otto, gli istituti tecnici, dall'otto pieno al dieci, i licei

(questa è una mia personalissima classifica e visione dell'argomento secondo la mia esperienza, ed è ovvio che ogni famiglia sa con chi ha a che fare e si comporta di conseguenza in base -anche-al proprio livello di percezione della realtà)


ora, sarei stata molto piu felice che mi avessero consigliato da subito una scuola professionale per marco piuttosto che un istituto tecnico....le preferenze del ragazzo c'entrano ma fino ad un certo punto così come le attitudini. il concetto di: a lui piace/lui vuole/è quello che si sente di fare, onestamente OGGI mi lascia molto perplessa


io punterei sulla valutazione delle reali competenze acquisite sia didattiche che di metodo di studio dei ragazzi.


l'intelligenza c'entra ma, l'intelligenza senza il metodo è zoppa. l'intelligenza senza la voglia lo è altrettanto, l'intelligenza senza la preparazione di base pure


poi, parlando qua e la, vengo a scoprire che la gestione di un istituto professionale costa molto piu che la gestione di un liceo quindi si cerca di sfavorire l'iscrizione dei ragazzi all'istituto professionale a vantaggio dei licei (e itis).

costa molto allestire un laboratorio, un'officina meccanica, una cucina professionale.

costa fatica trovare professori delle materie di indirizzo e costa ancora di piu tenerli nella scuola se i progetti e i laboratori non sono (per loro) accattivanti

ed è ancora piu oneroso organizzare l'alternanza scuola-lavoro 


formare un professore di itis/liceo è più semplice (in fondo è tutto a loro spese) e l'allestimento dell'edificio scolastico è comunque gestibile...una palestra, un laboratorio di lingue, qualche pc, qualche lavagna lim.... 


ergo: che i 6 vadano al professionale, gli altri facciano un po' quello che vogliono


....ho una conoscente che ha obbligato la scuola a variare l'indirizzo del figlio da istituto tecnico al liceo...se poi va male al liceo e si ricordano del giudizio di indirizzo....sono cavoli di mio figlio....


cosa ne pensate di questi miei pensieri scombinati?...sempre che mi sia spiegata in modo comprensibile :)



grazie

y




Inviato dal mio LG-H320 utilizzando Tapatalk
Ultima modifica di la yle il mer nov 04, 2015 3:36 pm, modificato 1 volta in totale.


Avatar utente
DANYDDB
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ott 08, 2013 11:59 am
Località: como

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da DANYDDB »

Io ho due figli uno in 3 superiore ITIS e l altra cfp 1 anno.
Credo che la scelta della scuola in base al voto sia un pó superata. Nel senso chi è bravo fa liceo chi ha poca voglia faccia professionale.

Perché ti lascia perplesso quello che lui OGGI VUOLE FARE ?

È presto scegliere il futuro a 13 anni molti neanche a 40 sanno ancora cosa voler fare nella vita.

Ma credo che la prima scelta vada lasciata a loro anche a costo di perdere il primo anno, quando c è un sogno e la volontà spesso ragazzi che avevano 6 alle medie più alle superiori hanno 7 senza problemi

Se invece parliamo del futuro lavorativo dei ragazzi cosa faranno quando usciranno dalle scuole Qs è un mistero è una grossa incognita


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Rie »

Non so... io voglio immaginare che le raccomandazioni dei professori siano solo indicative, e soprattutto voglio sperare che non ci siano motivazioni venali nel consigliare indirizzi di studio ai ragazzi.

Alex fa la seconda media. Ma già adesso penso con apprensione a quella scelta. Perché è il classico ragazzo "intelligente che non si applica". Per il quale spero nella passione e nella motivazione che solo un indirizzo gradito può dare.
Perciò credo che darò peso limitato alle valutazioni dei professori. E tanto al suo desiderio.
Forse anche per colpa del mio vissuto personale . Ho patito una scelta di studi di testa e non di cuore, viceversa con la passione sono stata brillante al liceo dopo un inizio in sordina.
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Rie »

la yle ha scritto:
poi, parlando qua e la, vengo che la gestione di un istituto professionale costa molto piu che la gestione di un liceo quindi si cerca di sfavorire l'iscrizione dei ragazzi all'istituto professionale a vantaggio dei licei (e itis).





Inviato dal mio LG-H320 utilizzando Tapatalk
ecco. .. non ho capito chi e perché dovrebbe attivarsi per sfavorire le iscrizioni ai professionali.

ai prof delle medie perché converrebbe? Come insegnanti penso che preferiscano una valutazione obiettiva piuttosto che indirizzare a scuole più "difficili" ma meno costose.
Risparmiare soldi pubblici... mi sembra una finalità troppo astratta per avere rilievo.
Una più o meno occulta direttiva dall'alto temo poi sia improbabile.
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Rie »

Il resto del tuo pensiero lo capisco, anzi lo sento ragionevole rispetto alle mie speranze probabilmente mal riposte nell'intelligente che non si applica :D
(Fortuna che il secondogenito è secchione, almeno lui!).
Avatar utente
Gabry
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3988
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:50 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Gabry »

Non so nel mio caso personale, le prof di Sofia sono affettuose e attente, credo che mi affiderò e mi fiderò del loro giudizio. Devo riflettere sul discorso istituti tecnici e co, mi si è aperta tutta una prospettiva nuova


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Rie »

Le cose sono un po' diverse.
Sia come indirizzi, sia forse come livello: da quello che sento mi pare che i licei e gli istituti tecnici si siano più avvicinati rispetto a seeeeeecoli fa quando ero studente io.
Avatar utente
Martina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2049
Iscritto il: ven gen 13, 2012 4:18 pm

Re: Scelta della a scuola superiore-the day agter

Messaggio da Martina »

Non ti so dire per esperienza di figli, ma per esperienza di studentessa.

Alle medie ero un disastro. Timida, impacciata, poco incline allo studio. A mia madre dissero che era meglio facessi un professionale e qualcosa di pratico. I test che si facevano allora mi diedero idonea per un alberghiero.

Volli iscrivermi al magistrale. Mia madre cercò di farmi capire quanto fosse impegnativo, ma non volli sentir ragioni. La prof di italiano mi disse che non sarei arrivata al diploma.

I primi tre anni furono duri... Promossa sempre ma a pelo e grazie a molteplici ore di ripe. Sempre incostante nell'impegno e nello studio. Mia madre mi propose più e più volte di cambiare percorso, ma niente.

Poi la svolta. Improvvisa, immotivata. Ho iniziato a cavarmela un po meglio. Sono uscita dalla maturità con un discreto 88/100.

Mi son laureata lavorando e andando fuori corso di pochi mesi.

Mi son pure iscritta ad una seconda laurea, ma non terminata per varie vicissitudini.

Pensa che la prof di italiano delle medie è passata alle superiori...

Ci siamo incontrate per un anno alle superiori da colleghe. Lei aveva la cattedra di italiano e storia, io facevo la supplente di storia e filosofia in una terza e psicologia e sociologia in una quarta.

Questo per dirti che le strade a volte son veramente strane eh. Io trovo fantastico, cosa che ai miei tempi non c'era, la possibilità di un biennio simile per tutti, così da poter scegliere di potersi sposare senza perdere anni di scuola.

Poi bisognerebbe vedere, facendo una statistica, quanto le indicazioni dei professori si avverano azzeccate. Se la percentuale è alta il sistema funziona, altrimenti sarebbe da rivedere. Ovvio poi le eccezioni ci sono...

Trilli, domanda, gli insegnanti hanno modo di vedere se le "previsioni" (passatemi il termine non proprio corretto) fatte poi si avverano? Cioè se son azzeccate?
Rispondi