Il costante massacro dei compiti

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
Rie
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7933
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:51 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Rie »

A me i libri delle medie di mio figlio piacciono. Forse meno ricchi ma più attenti alla sperimentazione e alle nuove tecnologie.

Probabilmente non riesco a fare un paragone efficace tra adesso e allora, perché io ero secchiona e autonoma, mio figlio è fancazzista e va marcato stretto.
Resta però auspicabile che , specie da un giorno all'altro, il carico di compiti non sia eccessivo.

Tra pochi (e utili) esercizi e una caterva di esercizi la differenza può essere il rifiuto della scuola nonostante una partenza con ottime intenzioni, come descritto da Bibi per Eva.

Una domanda per trilli e le altre prof... una mia cara amica insegna alle medie e mi ha detto che più passano gli anni più i ragazzi sono (svegli ma) poco disposti ad applicarsi facendo fatica. .. e più i genitori sono portati a giustificarli, anche a sproposito. È lei sfortunata con le sue classi o è una tendenza che avete riscontrato anche voi?

Comunque quello che scrive trilli sull'attenzione ai ragazzi , rispetto alla selezione pura di un tempo, è molto bello.


Avatar utente
Laura
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1640
Iscritto il: dom set 28, 2008 5:45 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Laura »

Madda il problema è che i ragazzi oggi hanno un milione di altri interessi, poi hanno ps, internet, wii e quant'altro
senza contare lo sport e la vita "sociale":io a 12 anni col cavolo che uscivo a sere alterne(solo la domenica e controllata!!)
Però questi ragazzi possono dare tanto, l'attenzione di cui parlava Trilli è importante.
Dobbiamo convincerli che non è vero che "tanto qualsiasi cosa faccio è uguale..."

I genitori sono un capitolo a parte: il tempo è sempre meno, le famiglie più complicate;
il difenderli e giustificarli sempre è, loro credono, una forma d'attenzione.
Sono sincera: io spesso preferisco fare leva sul ragazzo stesso, a volte ottengo maggiori risultati.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Trilli »

Io ho l'impressione che il canale della parola scritta, che presuppone analisi e sequenzialità, sia faticoso per molti di questi ragazzi, cresciuti con le immagini, gli schermi, la simultaneità.
Bisogna per forza scendere a patti con il loro linguaggio. E per questo i testi non possono essere "ricchi" come lo erano i nostri. Però il docente deve metterci accanto altro: mappe, presentazioni, documentari, risorse sul web...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Lella »

Trilli ha scritto:Io ho l'impressione che il canale della parola scritta, che presuppone analisi e sequenzialità, sia faticoso per molti di questi ragazzi, cresciuti con le immagini, gli schermi, la simultaneità.
Bisogna per forza scendere a patti con il loro linguaggio. E per questo i testi non possono essere "ricchi" come lo erano i nostri. Però il docente deve metterci accanto altro: mappe, presentazioni, documentari, risorse sul web...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Bella osservazione
Poi è vero che spesso la differenza la fa l'insegnante ma forse anche la famiglia in termini di volontà ed autonomia.
nene70
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 7426
Iscritto il: ven dic 15, 2006 11:54 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da nene70 »

Trilli ha scritto:Io ho l'impressione che il canale della parola scritta, che presuppone analisi e sequenzialità, sia faticoso per molti di questi ragazzi, cresciuti con le immagini, gli schermi, la simultaneità.
Bisogna per forza scendere a patti con il loro linguaggio. E per questo i testi non possono essere "ricchi" come lo erano i nostri. Però il docente deve metterci accanto altro: mappe, presentazioni, documentari, risorse sul web...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
assolutamente d'accordo.
fra detesta la storia, ad esempio, l'annoia...si spegne proprio..
m seguire rai storia o focus,invece gli è semplice e molto più leggero.
Dilly
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 6079
Iscritto il: sab feb 21, 2009 4:21 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Dilly »

Trilli ha scritto: Che i ragazzi siano meno autonomi, è vero. Ma sono i genitori che si sostituiscono a loro in tanti aspetti anche pratici e quotidiani.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Nel nostro caso sono le maestre per che dicono ai bambini che noi genitori dobbiamo fare i compiti insieme a loro
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da MatifraSo »

Trilli ha scritto:Io ho l'impressione che il canale della parola scritta, che presuppone analisi e sequenzialità, sia faticoso per molti di questi ragazzi, cresciuti con le immagini, gli schermi, la simultaneità.
Bisogna per forza scendere a patti con il loro linguaggio. E per questo i testi non possono essere "ricchi" come lo erano i nostri. Però il docente deve metterci accanto altro: mappe, presentazioni, documentari, risorse sul web...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Però secondo me proprio per il fatto di essere sempre immersi in schermi, immagini veloci, suoni più o meno alti, confusione, avere dei momenti di "decompressione" dove si usa la parola scritta, un linguaggio più tranquillo e meno ansiogeno non può che far bene. Abituarsi a riflettere, leggere una riga e tornare indietro se non si è capito bene credo sia più efficace.
Trilli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: lun ago 05, 2013 12:28 pm

Re: RE: Re: Il costante massacro dei compiti

Messaggio da Trilli »

MatifraSo ha scritto:
Trilli ha scritto:Io ho l'impressione che il canale della parola scritta, che presuppone analisi e sequenzialità, sia faticoso per molti di questi ragazzi, cresciuti con le immagini, gli schermi, la simultaneità.
Bisogna per forza scendere a patti con il loro linguaggio. E per questo i testi non possono essere "ricchi" come lo erano i nostri. Però il docente deve metterci accanto altro: mappe, presentazioni, documentari, risorse sul web...

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Però secondo me proprio per il fatto di essere sempre immersi in schermi, immagini veloci, suoni più o meno alti, confusione, avere dei momenti di "decompressione" dove si usa la parola scritta, un linguaggio più tranquillo e meno ansiogeno non può che far bene. Abituarsi a riflettere, leggere una riga e tornare indietro se non si è capito bene credo sia più efficace.
Nessuno dice che non debbano leggere.
Il testo da studiare ce l'hanno.
Ma non può essere come i testi di 30 anni fa.
A meno di lasciare indietro 3/4 degli alunni.
Nella scuola dell'obbligo non è accettabile.

Inviato dal mio Nexus 7 utilizzando Tapatalk
Rispondi