aspettiamo una Personcina

...linee, punti, sfere, in essere e in divenire
Weinà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3014
Iscritto il: lun set 09, 2013 5:41 pm

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Weinà »

Che bello Chiara! Anch'io stavo così in gravidanza e quindi ti capisco. Anche quando dici di sentirti ridicola. :-)
Sono felice che Raf sia così coinvolto perché il compagno di parto è davvero una figura importante. Mio marito è stato la mia roccia. La mattina dopo il parto era quasi più rotto di me perché io quando ero in piedi mi aggrappavo a lui durante le contrazioni e quel poveretto ha 3 ernie del disco ahahah!
E poi sì, continuava a dire che ero bravissima e stavo facendo tutto benissimo e che ero forte e me lo diceva guardandomi in faccia con occhi rassicuranti. Davvero ineccepibile. Ora quando altri amici parlano del momento in cui le loro mogli hanno partorito e di quanto sia stato difficile quel momento, lui dice: "se sai bene cosa deve succedere e come, è tutto molto più semplice e lo affronti con la giusta grinta".
Insomma, prevedo un buon parto per te, con questi presupposti e questo atteggiamento.


Sent from my iPhone using Tapatalk


Avatar utente
Tropical
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 6358
Iscritto il: sab gen 07, 2012 10:31 am
Contatta:

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Tropical »

E' bello leggerti così fiduciosa.
Avatar utente
Chiara
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2899
Iscritto il: mar set 24, 2013 10:21 am

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Chiara »

riguardo al dolore, la tipa ha detto che solo il 5% della percezione è oggettivamente dolore fisico, il resto deriva da uno stato di paura (che il futuro papà può mitigare con la sua presenza attiva) e dall'idea che l'evento sia incontrollabile (ma saranno serviti a qualcosa dieci incontri e tutti gli esercizi?)

poi ha ridetto che le decine di ormoni, che governano naturalmente il processo del parto, sono inibiti con epidurale e cesareo, così per esempio non partono le endorfine, che sono le sostanze che fanno innamorare del proprio figlio e agevolano le cure parentali.
Avatar utente
Chiara
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2899
Iscritto il: mar set 24, 2013 10:21 am

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Chiara »

Weinà ha scritto:Che bello Chiara! Anch'io stavo così in gravidanza e quindi ti capisco. Anche quando dici di sentirti ridicola. :-)
Sono felice che Raf sia così coinvolto perché il compagno di parto è davvero una figura importante. Mio marito è stato la mia roccia. La mattina dopo il parto era quasi più rotto di me perché io quando ero in piedi mi aggrappavo a lui durante le contrazioni e quel poveretto ha 3 ernie del disco ahahah!
E poi sì, continuava a dire che ero bravissima e stavo facendo tutto benissimo e che ero forte e me lo diceva guardandomi in faccia con occhi rassicuranti. Davvero ineccepibile. Ora quando altri amici parlano del momento in cui le loro mogli hanno partorito e di quanto sia stato difficile quel momento, lui dice: "se sai bene cosa deve succedere e come, è tutto molto più semplice e lo affronti con la giusta grinta".
Insomma, prevedo un buon parto per te, con questi presupposti e questo atteggiamento.


Sent from my iPhone using Tapatalk
cara, grazie!!
Avatar utente
Chiara
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2899
Iscritto il: mar set 24, 2013 10:21 am

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Chiara »

Tropical ha scritto:E' bello leggerti così fiduciosa.
sono gli ormoni mi sa!! :angelic-green:
Weinà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3014
Iscritto il: lun set 09, 2013 5:41 pm

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Weinà »

Chiara ha scritto:riguardo al dolore, la tipa ha detto che solo il 5% della percezione è oggettivamente dolore fisico, il resto deriva da uno stato di paura (che il futuro papà può mitigare con la sua presenza attiva) e dall'idea che l'evento sia incontrollabile (ma saranno serviti a qualcosa dieci incontri e tutti gli esercizi?)

poi ha ridetto che le decine di ormoni, che governano naturalmente il processo del parto, sono inibiti con epidurale e cesareo, così per esempio non partono le endorfine, che sono le sostanze che fanno innamorare del proprio figlio e agevolano le cure parentali.
Oh, non raccontiamocela eh, le contrazioni da parto sono DOLOROSISSIME. Poi certo, c'è chi ha una soglia del dolore più alta e chi no, ma non è di certo una passeggiata.
La consapevolezza di questo aiuta, secondo me, a viverla con meno paura.
Sai che sarà doloroso, ma sai anche che è un dolore finalizzato all'evento più emozionante della tua vita. Non è un dolore patologico che quindi è sintomo che c'è qualcosa che non va. È fisiologico, normale. Tutte le donne hanno sempre partorito così e nella stragrande maggioranza dei casi tutto è andato a meraviglia.
Se tu sei serena, ti fidi del tuo corpo e di coloro che ti aiutano a partorire, se non sei stressata tutto procederà molto più velocemente. Questo a me avevano detto al corso preparto. La paura e lo stress bloccano la dilatazione, mentre gli ormoni buoni, l'ossitocina (il cellulare voleva scrivere osso topina ahahah) e tutto il resto accelerano il processo.


Sent from my iPhone using Tapatalk
Avatar utente
Chiara
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2899
Iscritto il: mar set 24, 2013 10:21 am

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Chiara »

Weinà ha scritto:
Chiara ha scritto:riguardo al dolore, la tipa ha detto che solo il 5% della percezione è oggettivamente dolore fisico, il resto deriva da uno stato di paura (che il futuro papà può mitigare con la sua presenza attiva) e dall'idea che l'evento sia incontrollabile (ma saranno serviti a qualcosa dieci incontri e tutti gli esercizi?)

poi ha ridetto che le decine di ormoni, che governano naturalmente il processo del parto, sono inibiti con epidurale e cesareo, così per esempio non partono le endorfine, che sono le sostanze che fanno innamorare del proprio figlio e agevolano le cure parentali.
Oh, non raccontiamocela eh, le contrazioni da parto sono DOLOROSISSIME. Poi certo, c'è chi ha una soglia del dolore più alta e chi no, ma non è di certo una passeggiata.
La consapevolezza di questo aiuta, secondo me, a viverla con meno paura.
Sai che sarà doloroso, ma sai anche che è un dolore finalizzato all'evento più emozionante della tua vita. Non è un dolore patologico che quindi è sintomo che c'è qualcosa che non va. È fisiologico, normale. Tutte le donne hanno sempre partorito così e nella stragrande maggioranza dei casi tutto è andato a meraviglia.
Se tu sei serena, ti fidi del tuo corpo e di coloro che ti aiutano a partorire, se non sei stressata tutto procederà molto più velocemente. Questo a me avevano detto al corso preparto. La paura e lo stress bloccano la dilatazione, mentre gli ormoni buoni, l'ossitocina (il cellulare voleva scrivere osso topina ahahah) e tutto il resto accelerano il processo.
Weinà ha scritto:
sì sì parla di dieci volte il mio più forte braccio di ferro! una roba inimmaginabile credo finchè non ci sei dentro... e che chi assiste resta spiazzato nel vedere la compagna in quello stato. Ma dice di non contrastare, di rilassare più possibile e di aprire invece di chiudere.

Una tizia che ho incontrato all'ospedale ha fatto questo corso per la prima gravidanza e ha detto che era in uno stato di tale esaltazione che non ha sentito male, poi... speriamo!!


Ah, hanno inventato il cesareo dolce, la psicologa ha fatto un corso anche su quello. Invece di tirar su i bambini come conigli li fanno uscire con delicatezza e con mamma e papà che li guardano e li rassicurano. Poi per quei bimbi si può fare una riprogrammazione del momento del parto, in vasca, ripetendo il processo finchè il bimbo non dà una certa risposta di rilassamento. Sono proprio affascinata io!!
Weinà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3014
Iscritto il: lun set 09, 2013 5:41 pm

Re: aspettiamo una Personcina

Messaggio da Weinà »

Esatto, non contrastare. Stai facendo un ottimo corso, vedrai che ti sarà utilissimo!


Sent from my iPhone using Tapatalk
Rispondi