la gratificazione alimentare a scuola

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
nanny
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1109
Iscritto il: ven giu 25, 2010 12:01 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da nanny »

Secondo me dipende un pò anche come viene posta la cosa: se è "se fate i bravi vi diamo le caramelle/il giochino" non va bene ma se è "oggi siete stati davvero bravi, per festeggiare mangiamo tutti una caramella o prendete tutti un adesivo" potrebbe essere un aiuto per i più piccoli per capire che l'impegno paga. Poi da più grandi si può iniziare a cogliere l'appagamento personale astratto diciamo per un lavoro ben fatto...


Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da Lella »

nanny ha scritto:Secondo me dipende un pò anche come viene posta la cosa: se è "se fate i bravi vi diamo le caramelle/il giochino" non va bene ma se è "oggi siete stati davvero bravi, per festeggiare mangiamo tutti una caramella o prendete tutti un adesivo" potrebbe essere un aiuto per i più piccoli per capire che l'impegno paga. Poi da più grandi si può iniziare a cogliere l'appagamento personale astratto diciamo per un lavoro ben fatto...
l'appagamento personale astratto passa dal riconoscimento dei risultati, nostro ma anche degli altri
dai non possiamo negarlo neanche per noi stesse!
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da MatifraSo »

nanny ha scritto:Secondo me dipende un pò anche come viene posta la cosa: se è "se fate i bravi vi diamo le caramelle/il giochino" non va bene ma se è "oggi siete stati davvero bravi, per festeggiare mangiamo tutti una caramella o prendete tutti un adesivo" potrebbe essere un aiuto per i più piccoli per capire che l'impegno paga. Poi da più grandi si può iniziare a cogliere l'appagamento personale astratto diciamo per un lavoro ben fatto...
Ecco, sì.
Sembra la stessa frase, invece messa in modo diffetente acquista un senso totalmente diverso.
Avatar utente
kida
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 659
Iscritto il: mer set 17, 2008 9:42 am

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da kida »

Non dico di non gratificare i bambini per i loro risultati, anzi vanno gratificati, spronati per i risultati che ottengono, fa piacere a noi il riconoscimento figuriamoci a loro

quello che è completamente sbagliato è gratificare con il cibo, sapete che ho avuto dei disturbi alimentari e ho lavorato molto su questa associazione, molte, anzi tantissime persone che ho incontrato nel mio percorso, specialisti e non mi hanno aperto gli occhi sulla nostra "dipendenza" dal cibo

su quanto le nostre azioni negative o positive siano strettamente legate al cibo, è un discorso molto lungo e complesso che tocca parecchie sfere emotive, ma è sbagliato insegnare ai bambini questa associazione

detto questo non dico assolutamente che ogni bambino che "subisce" questa gratificazione in età adulta sia matematicamente soggetto a disturbi alimentari, assolutamente, ma comunque avrà dei collegamenti con il suo passato
Avatar utente
lory76
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1329
Iscritto il: mer ott 15, 2008 2:47 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da lory76 »

MatifraSo ha scritto: Torna indietro nel tempo.
Ai tempi (lontaaaaaaani, hahahahahaa) di quando andavi a scuola.
Arrivi a casa con un bell'8 in matematica (a me mai successo).
Eri più contenta se i tuoi dicevano "hai fatto solo il tuo dovere" oppure se dicevano "brava, sono contenta che tu ci sia riuscita"?
Possiamo ripetere fino alla nausea che le cose le dobbiamo fare per noi, che si studia per il piacere personale, che si lavora per una crescita e una realizzazione di sé stessi e bla bla bla. Ciò non toglie che l'apprezzamento della comunità fa piacere.
Ok.
Però trovo esagerato che "tu" ad ogni bel voto elargisca un premio materiale a tuo figlio.
Ci sta l'elogio.
Ci sta il premio una tantum.

Il metodo come prassi invece non mi convince.
Avatar utente
lory76
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1329
Iscritto il: mer ott 15, 2008 2:47 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da lory76 »

Lella ha scritto: se se ti voglio vedere se fai una bella torta con impegno e passione e nessuno in famiglia ti gratifica :lol:
Come sopra, mi basta un complimento, non una rosa rossa :-)

E poi penso: è diversa la gratificazione materiale da quella non materiale?
O alla fin fine la si può mettere sotto lo stesso piano?
Avatar utente
nanny
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1109
Iscritto il: ven giu 25, 2010 12:01 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da nanny »

Lella ha scritto:
nanny ha scritto:Secondo me dipende un pò anche come viene posta la cosa: se è "se fate i bravi vi diamo le caramelle/il giochino" non va bene ma se è "oggi siete stati davvero bravi, per festeggiare mangiamo tutti una caramella o prendete tutti un adesivo" potrebbe essere un aiuto per i più piccoli per capire che l'impegno paga. Poi da più grandi si può iniziare a cogliere l'appagamento personale astratto diciamo per un lavoro ben fatto...
l'appagamento personale astratto passa dal riconoscimento dei risultati, nostro ma anche degli altri
dai non possiamo negarlo neanche per noi stesse!
certamente, ma appunto mentre per un adulto può esserci la consapevolezza anche solo personale di aver fatto un buon lavoro, sebbene anche a noi faccia più piacere che lo notino anche gli altri, per un bambino è difficile che ci sia questa consapevolezza e quindi l'appagamento passa necessariamente dal riconoscimento altrui. Poi che questo riconoscimento sia il dare una caramella non riesco a decidere se è un bene o un male, devo essere sincera. Pur avendo a mia volta avuto disturbi alimentari e pur avendo cercato di non caricare il cibo di troppa importanza con i miei figli, non vedo nella caramella data secondo le modalità che ho messo sopra un male assoluto.
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da MatifraSo »

lory76 ha scritto:
MatifraSo ha scritto: Torna indietro nel tempo.
Ai tempi (lontaaaaaaani, hahahahahaa) di quando andavi a scuola.
Arrivi a casa con un bell'8 in matematica (a me mai successo).
Eri più contenta se i tuoi dicevano "hai fatto solo il tuo dovere" oppure se dicevano "brava, sono contenta che tu ci sia riuscita"?
Possiamo ripetere fino alla nausea che le cose le dobbiamo fare per noi, che si studia per il piacere personale, che si lavora per una crescita e una realizzazione di sé stessi e bla bla bla. Ciò non toglie che l'apprezzamento della comunità fa piacere.
Ok.
Però trovo esagerato che "tu" ad ogni bel voto elargisca un premio materiale a tuo figlio.
Ci sta l'elogio.
Ci sta il premio una tantum.

Il metodo come prassi invece non mi convince.
No, ma infatti il premio di solito si da nei casi eccezionali. L'8 alle superiori in un argomento ostico, ma può anche essere un semplice 6 in una materia in cui non si riesce di solito ad arrivare nemmeno al 5.
Chiaro che non mi aspetto i complimenti in famiglia per la pasta al sugo. Ma se mi riesce una ricetta nuova o un piatto dopo che magari era riuscito male, sì.
E questo post è partito da una prima elementare ad ottobre. Chiaro che la maestra non continuerà a dare caramelle fino in quinta, ma all'inizio dell'anno lo trovo un bel gesto. Non per la caramella in sé, ma alternata ad altre gratificazioni.
Tra l'altro, a me piace sia trattata alla stregua dinun giochino o un timbrino. Non le si dà particolare importanza.
Rispondi