la gratificazione alimentare a scuola

Parliamo dei nostri bambini dai 6 a 12 anni
Avatar utente
Pol&son
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 4583
Iscritto il: mer ago 21, 2013 4:02 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da Pol&son »

La gratificazione ci sta ma per me non puó essere cibo


Avatar utente
kida
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 659
Iscritto il: mer set 17, 2008 9:42 am

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da kida »

lory76 ha scritto:Il discorso alimentare lo state già affrontando.
Io pongo anche un altro dubbio: ma perché sottovalutiamo i nostri bambini così tanto?

Perché pensiamo non siano capaci di attenzione e/o impegno, se non in cambio di qualcosa?

E che tipo di attenzione e/o impegno possono avere se solo in cambio di una gratificazione?

Sembra il trovare la strada più comoda, ma che a lungo è un percorso senza risultati.
La penso esattamente come te

Ho parlato con le altre mamme che mi hanno preso per pazza

Nel gruppo c'era anche la rappresentante che ha fatto presente alle maestre i miei dubbi e la risposta è stata la seguente ( cito testuali parole ) : le caramelle in questo momento sono fondamentali e necessarie; lasciamo che i bambini si godano questo momento finché sono possibili e poi verranno sostituiti con i timbrini e poi con i voti"

Io davvero non ho parole
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da MatifraSo »

Non sono fondamentali e necessarie. Ma fanno piacere. Come ho detto, alternate ad altre cose, proprio per non focalizzare l'attenzione solo sulla caramella.
Proprio come il premio produzione al lavoro a fine anno. Come quando cuciniamo qualcosa e i bimbi dicono "che buono!". È fondamentale? No. È necessario? No.
Fa piacere.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da Lella »

MatifraSo ha scritto:Non sono fondamentali e necessarie. Ma fanno piacere. Come ho detto, alternate ad altre cose, proprio per non focalizzare l'attenzione solo sulla caramella.
Proprio come il premio produzione al lavoro a fine anno. Come quando cuciniamo qualcosa e i bimbi dicono "che buono!". È fondamentale? No. È necessario? No.
Fa piacere.
ma infatti io non capisco perchè demonizzarle
tra l'altro funziona così sempre dopo, nello sport, nella vita lavorativa, anzi secondo me è proprio educativa, l'impegno paga sempre, poi che siano gratifiche a parole o materiali poco cambia.
E mi viene anche da pensare che porre il veto sul cibo si dà proprio al cibo più importanza di quello che ha e non viceversa.
Il cibo è gratificante come altre cose nella vita.
Avatar utente
lory76
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1329
Iscritto il: mer ott 15, 2008 2:47 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da lory76 »

Lella ha scritto:
MatifraSo ha scritto:Non sono fondamentali e necessarie. Ma fanno piacere. Come ho detto, alternate ad altre cose, proprio per non focalizzare l'attenzione solo sulla caramella.
Proprio come il premio produzione al lavoro a fine anno. Come quando cuciniamo qualcosa e i bimbi dicono "che buono!". È fondamentale? No. È necessario? No.
Fa piacere.
ma infatti io non capisco perchè demonizzarle
tra l'altro funziona così sempre dopo, nello sport, nella vita lavorativa, anzi secondo me è proprio educativa, l'impegno paga sempre, poi che siano gratifiche a parole o materiali poco cambia.
E mi viene anche da pensare che porre il veto sul cibo si dà proprio al cibo più importanza di quello che ha e non viceversa.
Il cibo è gratificante come altre cose nella vita.

Ci devo pensare...
Così di primo acchito mi verrebbe da dire che le cose andrebbero fatte per passione, per soddisfazione personale, il che esula un riconoscimento esterno alla persona stessa.
Ma forse è un utopia :-)
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da MatifraSo »

lory76 ha scritto:
Lella ha scritto:
MatifraSo ha scritto:Non sono fondamentali e necessarie. Ma fanno piacere. Come ho detto, alternate ad altre cose, proprio per non focalizzare l'attenzione solo sulla caramella.
Proprio come il premio produzione al lavoro a fine anno. Come quando cuciniamo qualcosa e i bimbi dicono "che buono!". È fondamentale? No. È necessario? No.
Fa piacere.
ma infatti io non capisco perchè demonizzarle
tra l'altro funziona così sempre dopo, nello sport, nella vita lavorativa, anzi secondo me è proprio educativa, l'impegno paga sempre, poi che siano gratifiche a parole o materiali poco cambia.
E mi viene anche da pensare che porre il veto sul cibo si dà proprio al cibo più importanza di quello che ha e non viceversa.
Il cibo è gratificante come altre cose nella vita.

Ci devo pensare...
Così di primo acchito mi verrebbe da dire che le cose andrebbero fatte per passione, per soddisfazione personale, il che esula un riconoscimento esterno alla persona stessa.
Ma forse è un utopia :-)
Torna indietro nel tempo.
Ai tempi (lontaaaaaaani, hahahahahaa) di quando andavi a scuola.
Arrivi a casa con un bell'8 in matematica (a me mai successo).
Eri più contenta se i tuoi dicevano "hai fatto solo il tuo dovere" oppure se dicevano "brava, sono contenta che tu ci sia riuscita"?
Possiamo ripetere fino alla nausea che le cose le dobbiamo fare per noi, che si studia per il piacere personale, che si lavora per una crescita e una realizzazione di sé stessi e bla bla bla. Ciò non toglie che l'apprezzamento della comunità fa piacere.
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da Lella »

lory76 ha scritto:
Lella ha scritto:
MatifraSo ha scritto:Non sono fondamentali e necessarie. Ma fanno piacere. Come ho detto, alternate ad altre cose, proprio per non focalizzare l'attenzione solo sulla caramella.
Proprio come il premio produzione al lavoro a fine anno. Come quando cuciniamo qualcosa e i bimbi dicono "che buono!". È fondamentale? No. È necessario? No.
Fa piacere.
ma infatti io non capisco perchè demonizzarle
tra l'altro funziona così sempre dopo, nello sport, nella vita lavorativa, anzi secondo me è proprio educativa, l'impegno paga sempre, poi che siano gratifiche a parole o materiali poco cambia.
E mi viene anche da pensare che porre il veto sul cibo si dà proprio al cibo più importanza di quello che ha e non viceversa.
Il cibo è gratificante come altre cose nella vita.

Ci devo pensare...
Così di primo acchito mi verrebbe da dire che le cose andrebbero fatte per passione, per soddisfazione personale, il che esula un riconoscimento esterno alla persona stessa.
Ma forse è un utopia :-)
se se ti voglio vedere se fai una bella torta con impegno e passione e nessuno in famiglia ti gratifica :lol:
Avatar utente
MatifraSo
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 10471
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:59 pm

Re: la gratificazione alimentare a scuola

Messaggio da MatifraSo »

Io gliela tiro in testa, la torta!!
Rispondi