La dura vita dei senza dio...

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
Ipomea
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 1354
Iscritto il: sab dic 16, 2006 9:24 am
Contatta:

Messaggio da Ipomea »

Sono appena rientrata dal lavoro e ho letteralmente " bevuto" le vostre osservazioni. Datemi il tempo di levarmi le moccole dei bambini dai pantaloni e la pasta di sale dai capelli e rileggo tutto con calma.


Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Messaggio da Mirko e i furetti »

Giulia1970 ha scritto:E' quello che ho scritto anch'io, non intendevo contraddirlo ma segnalare che vivendo "dentro" questi aspetti non sono ritenuti un articolo di fede.
il problema è il marketing.
metaforicamente, se chi vende il cattolicesimo (i preti) lo vendessero per quello che è, ce ne sarebbero qualche decina di cattolici.
è meglio vendere la fratellanza, l'amore verso il prossimo quelli vanno bene.
l'intolleranza verso chi vive una natura "diversa", i divieti contro chi vuole figli e non può averli naturalmente, il costante riferimento all'essere peccatori, no. quella è una parte del pacchetto che non si vende bene.

come le clausole scritte a caratteri minuscoli nei contratti.

saluti saldati
Mirko
Giulia1970
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1723
Iscritto il: mer ott 01, 2008 4:29 pm

Messaggio da Giulia1970 »

Mirko e i furetti ha scritto:il problema è il marketing.
metaforicamente, se chi vende il cattolicesimo (i preti) lo vendessero per quello che è, ce ne sarebbero qualche decina di cattolici.
è meglio vendere la fratellanza, l'amore verso il prossimo quelli vanno bene.
l'intolleranza verso chi vive una natura "diversa", i divieti contro chi vuole figli e non può averli naturalmente, il costante riferimento all'essere peccatori, no. quella è una parte del pacchetto che non si vende bene.

come le clausole scritte a caratteri minuscoli nei contratti.

saluti saldati
Mirko
Nella mia esperienza ho visto molte più persone allontanate dalla parte brutta del pacchetto che avvicinate da quella bella. E se quella bella è quella che dici tu, è completamente sbagliata: la fratellanza e l'amore verso il prossimo appartengono anche a chi non è religioso (spesso in modo più gioioso e sincero). Per fare una buona attività di marketing in modo efficace, bisognerebbe riuscire a trasmettere il bello, buono e vero dello stare con Cristo. PEr far questo però bisogna farsi piccoli e lasciar da parte se stessi e le proprie cazzate personali, cosa che la stragrande maggioranza dei preti non riesce a fare. A chi frequenta, avete visto più spesso "tagliare" le preghiere o le omelie?
Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Messaggio da Mirko e i furetti »

Giulia1970 ha scritto: A chi frequenta, avete visto più spesso "tagliare" le preghiere o le omelie?
col talco?

saluti cocainomani
Mirko
Giulia1970
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1723
Iscritto il: mer ott 01, 2008 4:29 pm

Messaggio da Giulia1970 »

Mirko e i furetti ha scritto:col talco?

saluti cocainomani
Mirko
noo, con l'incenso, ovviamente!
Avatar utente
Ambra
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3715
Iscritto il: ven dic 15, 2006 6:03 pm

Messaggio da Ambra »

Sinceramente Cri?
Non mi sono mai posta davvero il problema.
Sono cresciuta in una famiglia piuttosto atea,mia madre sta più sul "non so cosa
accadrà dopo e vivo nel giusto",mio padre ateo di impostazione scientifica.
Io ad aderire alla scommessa pascaliana nun gliela fo...
La fede per convenienza,per intenderci...
Mio marito viene da una famiglia protestante ma è ateo.
Insomma,non mi sarei mai trovata ad avere un problema a riguardo perché
non mi sarei mai trovata un compagno per la vita con una visione opposta alla mia.
A differenza di Vavi non credo nella Chiesa oltre a tendere a non credere in Dio,in Gesù e quantaltro.
La mia mente dice NO,non c´è niente,le mie speranze vanno oltre,perché morire
fa paura a tutti.
Ho frequentato la Chiesa come unico punto di riferimento possibile all´epoca ( 80´s),
perché a Roma non esisteva altro,almeno non vicino a noi,quartiere papalino.
Non era un ambiente sano,sono pronta a giurarlo solennemente,ma molto
tollerante con noi figli-senza-Dio.
Mia madre e mio padre mi hanno sempre permesso di frequentare,in caso avessi
avuto voglia di confrontarmi con un credo,senza farmi cattiva pubblicità in casa.
Da piccola pregavo,da piccola venivo obbligata dalla maestra (scuola statale!) a fare
la preghiera a fine ed inizio lezioni.
Da adolescente mi sono avvicinata al buddhismo.
Da adulta mi trovo in una posizione agnostica.
Se il tuo ambiente di Chiesa è sano,credi che avrebbero problemi ad accettare
una vostra posizione di incertezza?
Io credo di no,poi devi lasciar decidere il Puffo.
Ti dirà lui se crede a Gesù,se crede alla Madonna,a Dio,agli angeli e i santi.
Io ad un certo punto ho espresso il desiderio di essere battezzata e comunicata,
ma parlando con un prete ho cambiato idea.
Non mi è stato imposto di credere e non mi è stato imposto il contrario.
Questa è libertà di scelta e sono convinta che tuo figlio,anche se piccolo,
potrà confrontarsi con una decisione ben ponderata.
Parla con lui prima di decidere tu.
Un bacio
Avatar utente
LauraDani
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2545
Iscritto il: mar set 21, 2010 11:54 am

Messaggio da LauraDani »

Giulia1970 ha scritto:Nella mia esperienza ho visto molte più persone allontanate dalla parte brutta del pacchetto che avvicinate da quella bella. E se quella bella è quella che dici tu, è completamente sbagliata: la fratellanza e l'amore verso il prossimo appartengono anche a chi non è religioso (spesso in modo più gioioso e sincero). Per fare una buona attività di marketing in modo efficace, bisognerebbe riuscire a trasmettere il bello, buono e vero dello stare con Cristo...
Quoto
Io in chiesa non ci vado quasi mai
Quando ci vado, mi rendo conto che chi pure è lì non ha ben presente l'enormità di quello di cui si va "parlando" nelle preghiere e nelle varie formulette
Stiamo parlando di un essere umano che è morto, morto morto
E che dopo qualche giorno, è risorto
Non era più morto
Ed è tornato a dirci che anche per noi sarà così
Se entrando in chiesa ricordassimo questo e ci credessimo davvero, intimamente, profondamente, secondo me l'emozione e lo stupore per questa meravigliosa notizia non potrebbero essere contenuti in alcun modo
La gioia sarebbe grande ed esplosiva
Invece, dopo aver letto una pagina del Vangelo, il prete discorre per mezz'ora del legame mistico tra Cristo e la sua Chiesa
E tutti dormono, pensando a quanto presto finirà questa noia
Per me il Vangelo sta da una parte e la Chiesa dall'altra, sono proprio due diverse realtà
Avatar utente
Ambra
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 3715
Iscritto il: ven dic 15, 2006 6:03 pm

Messaggio da Ambra »

Ma c´è qualcheduno che come me crede che Gesù non sia mai esistito?
Rispondi