La dura vita dei senza dio...

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Giulia1970
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1723
Iscritto il: mer ott 01, 2008 4:29 pm

Messaggio da Giulia1970 »

perelisa ha scritto:mai sentito, da nessun prete ed in nessuna predica (e ti assicuro che sono tatnti i primi e tante le seconde) un'affermazione del genere..
Neanch'io. E perdipiù mi ricordo benissimo mia mamma, che non è precisamente darwiniana, dire a me in terza elementare che "è una rappresentazione simbolica frutto dell'ignoranza delle persone dell'epoca e la visione scientifica non contraddice la bibbia". Però è vero che nel Catechismo è scritto che il peccato di Adamo ed Eva, ossia il rifiuto della sottomissione a Dio, è "un avvenimento" e loro due sono personaggi storici. Dato che non sono l'unica a cui non è neanche stata chiesta un'opinione in merito, o nessun prete è cattolico, o perelisa, io, e un mucchio di preti ci faremo qualche anno supplementare di Purgatorio per aver glissato sull'immagine descritta da Achille Campanile come la "Costola che è la suocera di Adamo".


Avatar utente
vinziana
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2650
Iscritto il: ven lug 10, 2009 4:01 pm

Messaggio da vinziana »

mi tocca troppo da vicino questa discussione, sono tutti i miei dubbi, i miei pensieri, il mio stare in bilico e non sapere come andrà a finire.....ci torno con più serenità
Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Messaggio da micmar »

Giulia1970 ha scritto:Neanch'io. E perdipiù mi ricordo benissimo mia mamma, che non è precisamente darwiniana, dire a me in terza elementare che "è una rappresentazione simbolica frutto dell'ignoranza delle persone dell'epoca e la visione scientifica non contraddice la bibbia". Però è vero che nel Catechismo è scritto che il peccato di Adamo ed Eva, ossia il rifiuto della sottomissione a Dio, è "un avvenimento" e loro due sono personaggi storici. Dato che non sono l'unica a cui non è neanche stata chiesta un'opinione in merito, o nessun prete è cattolico, o perelisa, io, e un mucchio di preti ci faremo qualche anno supplementare di Purgatorio per aver glissato sull'immagine descritta da Achille Campanile come la "Costola che è la suocera di Adamo".
ho appena controllato
ha ragione mirko
Giulia1970
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1723
Iscritto il: mer ott 01, 2008 4:29 pm

Messaggio da Giulia1970 »

Leggendo questa discussione vedo che molti identificano l'essere cattolici come il far parte di una comunità cattolica. Io su questo punto mi trovo in difficoltà a causa del mio forte individualismo, e della fatica che provo, spesso, a interagire con persone tipo quelle descritte da Elisa (se non sbaglio). La mia religione personalmente si fonda sui sacramenti (spesso indegnamente) e sulla preghiera (spesso trascurata).
Giulia1970
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1723
Iscritto il: mer ott 01, 2008 4:29 pm

Messaggio da Giulia1970 »

micmar ha scritto:ho appena controllato
ha ragione mirko
E' quello che ho scritto anch'io, non intendevo contraddirlo ma segnalare che vivendo "dentro" questi aspetti non sono ritenuti un articolo di fede.
Avatar utente
Mirko e i furetti
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1622
Iscritto il: sab dic 08, 2007 11:51 pm

Messaggio da Mirko e i furetti »

micmar ha scritto:ho appena controllato
ha ragione mirko
certo che ho ragione.
io controllo le mie fonti (http://www.vatican.va). :fing:

saluti precisi
Mirko
Avatar utente
micmar
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 4443
Iscritto il: mer dic 26, 2007 11:42 am

Messaggio da micmar »

Mirko e i furetti ha scritto:certo che ho ragione.
io controllo le mie fonti (http://www.vatican.va). :fing:

saluti precisi
Mirko
chiedo umilmente perdono :hail:





tanto poi ci pensa mio figlio a menarti :ehehe:
Avatar utente
Lella
Utente NM
Utente NM
Messaggi: 4494
Iscritto il: ven dic 15, 2006 4:23 pm

Messaggio da Lella »

Volevo aggiungere un'altra cosa,
dico questo anche per far capire meglio a Mirko cosa può essere sentirsi cristiano durante una celebrazione cattolica.
il momento sicuramente più intenso durante la Messa per me è la celebrazione Eucaristica, la solennità di quel gesto che fà il prete, che si ripete uguale da migliaia di anni, quel "vi lascio la pace, vi dò la mia pace, fate questo in memoria di me"
Non so come spiegarlo ma a me quel momento da quasi il senso dell'infinito e tocca davvero le mie corde più intime, vado a fare la comunione proprio per ricordare lui.
Rispondi